Oscar, cerimonia 94/a edizione non ignorerà l’Ucraina

La statuetta dei Premi Oscar..
La statuetta dei Premi Oscar.. EPA/ETIENNE LAURENT

NEW YORK. – ‘The Show Must Go On’, ma con il cuore rivolto all’Ucraina. La cerimonia per la 94/a edizione degli Oscar che si svolgerà domenica 27 marzo non poteva ignorare una realtà tragica che purtroppo non è un film, e quindi dedicherà un momento di riconoscimento della crisi in Ucraina.

“Sono davvero tempi importanti per la storia dell’umanità – ha detto il produttore esecutivo Will Packer durante la conferenza stampa per la cerimonia – e ne siamo consapevoli. Quindi non si può mettere in scena uno show come questo senza tenerne conto o senza trovare un modo rispettoso per riconoscere dove siamo e quanto siamo fortunati persino ad essere riusciti ad organizzare questo spettacolo”.

Qualche giorno fa, Amy Schumer presentatrice della cerimonia con Wanda Sykes e Regina Hall, aveva suggerito di dare spazio al presidente ucraino Volodymyr Zelensky con un collegamento via satellite. Packer non ha specificato se l’idea è stata accolta o meno, mentre ha spiegato che la costruzione dell’evento è ancora in via di definizione.

Con il pensiero rivolto all’Ucraina ci sarà anche Paolo Sorrentino, il cui film ‘E’ stata la mano di Dio’ è candidato a Miglior film straniero.

Poi lo show andrà avanti con un allestimento che sarà con pochi precedenti. Sarà all’insegna delle prime volte, quindi. Tra queste un trio di donne presentatrici, appunto la Schumer, Hall e Sykes. La cerimonia, inoltre, dopo il trasferimento forzato per la pandemia alla Union Station, ritrova casa al Dolby Theater, l’iconico teatro di Hollywood. Il coro di proteste non ha fermato la decisione della produzione di eliminare la premiazione di alcune categorie dalla diretta televisiva.

Tra gli esclusi ‘miglior trucco e acconciatura’, ‘ migliore colonna sonora’, ‘miglior montaggio’. I premi per le otto categorie escluse saranno consegnati in una cerimonia che si svolgerà circa un’ora prima della diretta tv. Per questo Jessica Chastain è pronta a rinunciare ai riflettori del red carpet pur di sostenere in contemporanea il team trucco di ‘Gli occhi di Tammy Faye’ (The Eyes of Tammy Faye), film che ha ottenuto due candidature, per la miglior attrice e miglior trucco e acconciatura.

Alla 94/a edizione si parlerà anche di Bruno. ‘We Don’t Talk About Bruno’, colonna sonora tormentone del film della Disney ‘Encanto’, sarà infatti eseguita dal vivo nel corso della cerimonia. Altri momenti musicali saranno con Beyonce’ che canterà ‘Be Alive’ dal film sei volte candidato ‘King Richard’ e Billie Eilish e il fratello Finneas la cui ‘No Time To Die’ è in corsa come miglior canzone originale.

Altri omaggi sono previsti per ‘Il padrino’ che ha da poco compiuto 50 anni e James Bond il cui primo film della saga festeggia 60 anni. Tra i ‘presenters’, ossia coloro che annunciano i vincitori, ci saranno Kevin Costner, Zoë Kravitz, Lady Gaga, Rami Malek, Uma Thurman, Mila Kunis, Lupita Nyong’o, John Travolta, Halle Bailey.

Per quanto riguarda i protocolli Covid, coloro che sono seduti tra il pubblico, quindi ospiti e candidati, dovranno essere vaccinati. Sono invece esenti presentatori e intrattenitori. In Italia nella notte tra il 27 e il 28 marzo Sky trasmetterà in diretta la 94ª edizione degli Academy Awards: dalle 00.15 su Sky Cinema Oscar con il Red Carpet e tutte le premiazioni dal Dolby Theatre di Los Angeles, mentre la diretta della cerimonia sarà trasmessa anche su Sky Uno, in streaming su NOW e in chiaro su TV8, sempre dalle 00.15.

(di Gina Di Meo/ANSA)