Cina rinuncia a interessi sui prestiti agli studenti

(ANSA-XINHUA) – PECHINO, 28 MAG – La Cina ha emanato una circolare che prevede l’esonero dal pagamento degli interessi sui prestiti studenteschi sovvenzionati dal governo per quest’anno e il rinvio del rimborso degli stessi. Lo ha reso noto ieri il ministero delle Finanze tramite una circolare pubblicata congiuntamente dall’ente e da altre tre agenzie governative. Dal documento emerge che gli studenti universitari che si laureeranno entro la fine del 2022 saranno esentati dal pagamento degli interessi sui prestiti di quest’anno. Essi potranno inoltre richiedere di posticipare di un anno il rimborso del capitale del prestito studentesco del 2022, si legge nella circolare, aggiungendo che non saranno addebitate penali né interessi composti.

Secondo il Ministero, le misure sono state adottate al fine di alleviare la pressione occupazionale dei laureati con difficoltà finanziarie, oltre che per ottimizzare i servizi di collocamento a favore degli studenti. Nel corso di una riunione dell’esecutivo del Consiglio di Stato che si è tenuta l’11 maggio è stato deciso di esentare gli interessi sui prestiti agli studenti e di consentire rimborsi differiti per quelli universitari che si laureano entro la fine del 2022. La previsione è quella di esenzioni per più di 2 miliardi di yuan (circa 297 milioni di dollari) di interessi sui prestiti, e di rimborsi differiti che raggiungeranno i 5 miliardi di yuan, a beneficio di oltre 4 milioni di studenti universitari. (ANSA-XINHUA).