Ferrari: impianto energetico Bloom Energy a Maranello

(ANSA) – TORINO, 23 GIU – La Ferrari prosegue nel suo percorso verso la carbon neutrality entro il 2030, grazie all’installazione di un nuovo impianto da 1 Mw di celle a combustibile a ossido solido (solid oxide fuel cell) presso gli stabilimenti di Maranello. Realizzato da Bloom Energy e installato nei giorni scorsi, l’impianto fornisce il 5% dell’energia necessaria alle attività produttive dell’azienda, riducendo il consumo di carburante e le emissioni. Rispetto a 1 Mw prodotto dai sistemi di cogenerazione Chp (Combined Heat and Power), il fabbisogno di gas del sistema fuel cell è inferiore di circa il 20% con un notevole risparmio energetico.

L’innovativa tecnologia adottata – spiega una nota – offre, oltre a un’alta efficienza, flessibilità di scelta fra le fonti energetiche, che alimentano l’impianto senza ricorrere alla combustione: idrogeno, gas naturale, biometano o una loro combinazione. A ciò si aggiunge la riduzione, rispetto ai sistemi equivalenti, di oltre il 99% dell’inquinamento che causa la formazione di smog e particolato. “Ferrari è più che mai focalizzata a diventare carbon neutral entro il 2030, attraverso l’adozione di tecnologie all’avanguardia e di un approccio scientifico che sono parte del nostro Dna. Siamo entusiasti di collaborare con Bloom Energy, visto il forte impegno comune per un processo di decarbonizzazione, e orgogliosi che il loro primo progetto in Europa sia stato realizzato con noi” commenta Benedetto Vigna, amministratore delegato di Ferrari. (ANSA).