Agricoltura: Ue, crollano scambi Ucraina, vola export Africa

(ANSA) – BRUXELLES, 28 GIU – Nel marzo 2022, le importazioni Ue di olio di girasole, mais e colza ucraini sono diminuite rispettivamente del 10%, 37% e 29% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Per quanto riguarda il grano, la quantità importata nell’Ue è diminuita del 77% rispetto a marzo 2021. Sono alcuni dei dati della relazione mensile della Direzione generale Agricoltura della Commissione europea sugli scambi agroalimentari Ue. Il rapporto conferma il crollo delle esportazioni ucraine di grano verso i principali partner a livello globale: del 26% verso l’Egitto (anno su anno), del 55% verso lo Yemen e del 100% (zero scambi) con Libano, Libia e Nigeria.

Le esportazioni di mais ucraino sono diminuite drasticamente a marzo rispetto al livello dello stesso mese del 2021, in particolare verso Cina, Egitto e Iran. Per quanto riguarda l’olio di girasole, l’India, la Cina, l’Iran e gli Emirati Arabi Uniti sono stati i più colpiti dalla riduzione delle esportazioni ucraine. Anche le spedizioni Ue verso Kiev sono calate significativamente, in particolare i formaggi (-85%), preparati alimentari (-61%) e preparati a base di cereali (-11%). In un contesto globale caratterizzato da incertezze sulla sicurezza alimentare, l’Ue ha aumentato i volumi di semi oleosi e cereali esportati verso il Nord Africa del 16% rispetto a marzo 2021. In aumento anche spedizioni di riso, mais, zucchero bianco, carne suina e ovina e caprina verso l’Africa subsahariana. (ANSA).