In Senato gruppo ‘Insieme per il futuro’. Di Maio: “Stabilizzare governo”

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio, all'interno di palazzo Farnese per il conferimento della legione d'onore al sindaco di Firenze Dario Nardella
Il ministro degli esteri Luigi Di Maio, all'interno di palazzo Farnese per il conferimento della legione d'onore al sindaco di Firenze Dario Nardella. Roma 15 giugno 2022 ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – Alla fine Luigi Di Maio ce l’ha fatta a costituire il suo gruppo anche in Senato. I dieci senatori che hanno lasciato il Movimento 5 stelle per proseguire a fianco del ministro degli Esteri si raccolgono, da oggi, sotto il nome di Insieme per il futuro – Centro democratico (Ipf). Dopo lo strappo dai 5s il il fondatore di Ipf può contare su 61 parlamentari: 51 a Montecitorio e 10 a palazzo Madama.

“Stabilizzare l’esecutivo” e difenderlo “dai colpi di testa di alcune forze politiche” è la linea, tutta filo-governativa, che il ministro Di Maio detta ai suoi nella veste di leader durante l’assemblea congiunta dei parlamentari di Camera e Senato. E’ “la base di un progetto”, sottolinea, “Da oggi ognuno di noi, rafforzando la nostra rete sul territorio, costruirà la base di Insieme per il Futuro”.

Nessuna penalizzazione per chi ha fatto più mandati, scandisce, “quello che vale è il merito, il talento, l’esperienza”, affermazione che suona un po’ come una rassicurazione a chi è già dentro, ma soprattutto come un messaggio agli indecisi tra i 5s che stanno ancora pensando di fare il salto. Prende poi le distanze da quello che accade in questi giorni in Parlamento, lo definisce “spettacolo indecoroso” e “teatrino che stanno facendo due forze politiche in un momento storico delicato”.

Di Maio torna dunque a far sentire la sua voce nei panni di leader politico. E’ l’inizio di una nuova avventura politica per la quale dovrà ringraziare anche Bruno Tabacci. Senza la sua mano tesa i dimaiani in Senato sarebbero rimasti nel calderone del Gruppo Misto dove hanno transitato dopo l’uscita da M5s. E’ stato il deputato di Centro democratico e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ad offrire l’utilizzo del suo simbolo.

Le regole del Senato prevedono, per costituire un gruppo, almeno 10 parlamentari e il simbolo di un partito o lista che abbia partecipato alle ultime elezioni. Alla Camera invece Ipf si è subito costituito. “MI fa piacere che abbiano formalmente dichiarato la nascita del gruppo”, è il commento di Tabacci, informato della formalizzazione ufficiale avvenuta questa mattina in Aula.

Tuttavia non vuole fare commenti politici forse anche perché non è nuovo all’assistenza politica dell’ultima ora. Lo ha già fatto con +Europa nel 2018 che ha potuto partecipare alle elezioni grazie al suo simbolo. Era pronto anche ad offrire il simbolo ai responsabili di Conte due anni dopo. I 10 senatori di Ipf da oggi hanno come capogruppo l’ex M5s Primo De Nicola. l’Ufficio di presidenza è formato invece da Vincenzo Presutto, Vice presidente vicario; Antonella Campagna, Daniela Donno, Raffaele Mautone, Simona Nocerino vice-presidenti; SergioVaccaro, tesoriere. Gli altri componenti sono Loredana Russo, Pierpaolo Sileri, Fabrizio Trentacoste.

(di Simonetta Dezi/ANSA)