Archivio | Living in America

Tags:

Italia, USA e legalità. E tanti auguri di buon anno

Pubblicato il 04 gennaio 2017 da Luca Marfé

In un Paese del Primo Mondo la protesta è legittima, deve essere legittima. La violenza no. Così, facile facile. E, chissà, magari sarebbe il caso di ricordarlo anche a tutti quei “manifestanti” (le virgolette sono d’obbligo visto che stiamo parlando di delinquenti comuni) che, per dare sfogo alle proprie frustrazioni, approfittano del corteo di turno per sfasciare negozi, vetrine, spazi e beni pubblici

Commenti (0)

Buon Natale, nonostante tutto

Pubblicato il 20 dicembre 2016 da Luca Marfé

Riprendo in mano la “penna” dopo una giornata assurda. L’ambasciatore russo ad #Ankara, Andrey #Karlov, è stato ammazzato in un attentato. Un tir e la sua folle corsa tra i mercatini di #Natale a #Berlino uccidono 12 persone e ne feriscono 48. Un mondo che sembra impazzito, ma che in realtà non lo è. È […]

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Renzi, da rottamatore a rottamato

Pubblicato il 09 dicembre 2016 da Luca Marfé

Una grossa fetta del risultato delle prossime elezioni politiche passa per il nome del successore di Renzi. Speriamo non arrivi il pupazzo o il pupazzo del pupazzo

Commenti (0)

Il referendum e il “caso” delle matite cancellabili

Pubblicato il 04 dicembre 2016 da Luca Marfé

Dunque la matita grigia, anonima, uguale per tutti. Cancellabile sì su un foglio di carta qualsiasi. Dura a morire, invece, sulla rugosa scheda elettorale. Così come dura da morire è l’idiozia della gente.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , ,

Lapo, social e tv: ma dove stiamo andando?

Pubblicato il 29 novembre 2016 da Luca Marfé

Che i carrozzoni mediatici tornino ad occuparsi di pallone o di qualsivoglia frivolezza. Che a Lapo ci penseranno giudici ed avvocati com’è giusto che sia.

Commenti (2)

La sinistra ha vinto la sua battaglia culturale. Ma ha perso.

Pubblicato il 28 novembre 2016 da Luca Marfé

Non perché i cittadini siano in disaccordo nello specifico sule modifiche della Carta Fondamentale proposte da Renzi e compagnia, ma perché avvertono ed avvertiranno un desiderio quasi spasmodico di far sentire la propria voce fuori dal coro

Commenti (0)

25 anni senza Freddie Mercury

Pubblicato il 24 novembre 2016 da Luca Marfé

Insomma, Freddie Mercury è riuscito a mettere insieme tre generazioni della mia famiglia e sono sicuro che continuerà a farlo anche domani. Mio padre, classe 1930. Il sottoscritto, ’80, e Matteo, ’96.

Commenti (0)

Tags: , , , ,

Elezioni USA – Capacità e carisma

Pubblicato il 03 novembre 2016 da Luca Marfé

Insomma, Obama lascia con un sorriso splendido che se fossimo ad Hollywood gli farebbero recapitare un carrello di Oscar.
Ma lascia anche e soprattutto tante situazioni irrisolte

Commenti (0)

Tutti diversi, tutti uguali

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da Luca Marfé

Mio figlio è un bambino fortunato. E lo sono tutti i bambini che trascorrono le loro giornate così. E fortunati potremmo esserlo anche noi se, anziché montare tutto intorno impalcature e castelli di rabbia e di intolleranza, provassimo soltanto ad assomigliargli un po’.

Commenti (0)

C’è differenza

Pubblicato il 25 agosto 2016 da Luca Marfé

C’è differenza tra le persone, accomunate dalla libertà di comportarsi ciascuno alla propria maniera, ma separate dal giudizio democratico e tranciante degli altri che la differenza la vedono, eccome.

Commenti (0)

Viaggiare con un neonato al seguito? Possibile e meraviglioso

Pubblicato il 12 agosto 2016 da Luca Marfé

A tutti quelli che come me sognano di esplorare ogni angolo della propria fantasia, di poter ammirare da vicino le bellezze che questa vita e questa Terra hanno da regalarci ad ogni metro del nostro percorso, io lascio uno stringato ma potentissimo “sì, è possibile eccome”

Commenti (0)

Leggere anziché scrivere

Pubblicato il 29 giugno 2016 da Luca Marfé

Settimana lunghissima, densa. Tra il caos di Brexit ed il rumore ed il sangue di Istanbul. E troppe parole scritte. E troppe poche lette.

Commenti (0)

Cari amici venezuelani, io vi invidio

Pubblicato il 22 giugno 2016 da Luca Marfé

Cari amici venezuelani, io vi invidio. E non vi invidio certo per la miriade di cose brutte che sono parte del Venezuela di oggi. Non vi invidio per la scarsezza di beni, che si tratti di cibo, medicinali o quant’altro. Non vi invidio per le interminabili code che siete costretti a sorbirvi per un pacco […]

Commenti (0)

Il sangue degli USA ed il provincialismo in salsa italo-venezuelana

Pubblicato il 15 giugno 2016 da Luca Marfé

Immagino abbiate letto ed ascoltato di tutto su Omar Mateen, il giovane statunitense di origini afgane che nella notte tra sabato e domenica ha scatenato il panico nel Pulse, un night club di Orlando assai noto nella comunità LGTB (lesbiche, gay, bisessuali e transgender). Terrore e odio che sono costati la vita di 49 persone, […]

Commenti (0)

Una donna alla Casa Bianca?

Pubblicato il 09 giugno 2016 da Luca Marfé

Personalmente, non ho mai creduto nelle cosiddette “quote” né tantomeno in quelle “rosa”. Ho sempre pensato che una donna abbia il diritto, sacrosanto, di arrivare ad occupare la poltrona che le spetta non perché stabilito da una legge, ma per merito, capacità e nient’altro. Eppure sono necessarie, mi ripetono in molti. Forse, mi dico di […]

Commenti (0)

Italia e Venezuela: ottimismo? No, grazie

Pubblicato il 02 giugno 2016 da Luca Marfé

Sono un inguaribile ottimista. Lo sono sempre stato, anche di fronte a fasi e momenti che hanno lasciato segni e cicatrici profonde. Lo sono al punto da considerarlo un difetto. Eppure non riesco ad esserlo se guardo all’attuale realtà italiana. Peggio ancora a quella venezuelana. Il discorso è potenzialmente infinito, ma le mie (nostre) riflessioni non possono […]

Commenti (0)

Living in America, numero “zero”

Pubblicato il 26 maggio 2016 da Luca Marfé

Living in America. Sì, proprio come una vecchia canzone di James Brown, già nota e resa ancor più celebre dal film Rocky 4. Il perché è molto semplice: vivo a New York oramai da un anno, ma continuo a sentire quel senso di confuso stupore che puntualmente assimila l’espressione del mio volto a quella di […]

Commenti (0)

Ultima ora

17:29Calcio: Pioli, spero di essere all’Inter tra tre anni

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - "Zhang Jindong molto importante e stimolante. Ha molto carisma, esprime concetti che entrano dentro. La sua presenza e' importante, sia quando c'è che quando non c'è. Con lui parliamo di presente ma anche di futuro": lo dice l'allenatore dell'Inter Stefano Pioli nella conferenza stampa di presentazione della partita contro la Roma. Il proprietario dell'Inter e' arrivato a Milano per la sfida contro i giallorossi e testimoniare la propria vicinanza alla squadra in un momento molto delicato della stagione. Pioli - che ieri e' stato a cena con Zhang - conferma che si sta già programmando il futuro del club. L'allenatore e' entusiasta: "Sono qua da tre mesi e mezzo e spero di esserci fra tre anni. Non mi sembra di essere invecchiato".

17:27Elezioni: Bindi, votare ora sarebbe sciagura per paese

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - "Andare a votare ora è una sciagura per il Paese. Bisogna arrivare a fine legislatura, non per tirare a campare, ma perché ci sono cose da fare". Lo dice Rosy Bindi (Pd) a Repubblica tv, sottolineando ad esempio "come ci sia bisogno di governare l'economia".

17:20Campo progressista: 11 marzo a Roma prima riunione nazionale

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - Si svolgerà sabato 11 marzo al Teatro Brancaccio di Roma il primo incontro nazionale di Campo Progressista, la nuova formazione politica creata da Giuliano Pisapia. Lo ha annunciato su Facebook l'ex sindaco di Milano. "Nasce Campo progressista. Vi aspettiamo a #Roma sabato 11 Marzo, per partire tutti insieme", ha scritto Pisapia. L'incontro, che inizierà alle 9.30, sarà intitolato 'La prima cosa bella'.

17:17Calcio: Conte, triste per Ranieri è prima di tutto un amico

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Solidarietà a Claudio Ranieri anche da parte di Antonio Conte che però preferisce attendere qualche giorno prima di telefonare al tecnico romano. "Sono molto triste, mi dispiace perché prima di tutto Ranieri è un amico, un vero gentiluomo e un bravo manager. Non l'ho ancora chiamato - ha aggiunto il tecnico del Chelsea - perché immagino il momento che sta attraversando. Ma senza dubbio lo sentirò nei prossimi giorni. Quella del Leicester è stata una decisione davvero dura".

17:15Erdogan, possibile referendum anche su pena morte

(ANSAmed) - ISTANBUL, 24 FEB - La Turchia potrebbe tenere un "referendum" anche sulla reintroduzione della pena di morte, se in Parlamento non dovesse esserci una maggioranza sufficiente ad approvarla. A rilanciare l'ipotesi, finita al centro delle cronache dopo il fallito golpe del 15 luglio, è stato il presidente Recep Tayyip Erdogan, durante un comizio a Manisa in favore del 'sì' al presidenzialismo nel referendum costituzionale del 16 aprile. La pena capitale in Turchia è stata definitivamente abolita nel 2004.

17:14Calcio: Pioli, Roma avversario di livello

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 24 FEB - "Domenica vincerà chi saprà colpire l'avversario nei suoi punti deboli. Ci stiamo preparando per dare il massimo. L'Inter ha le carte in regola per battere la Roma, un avversario di livello": lo dice l'allenatore nerazzurro Stefano Pioli nella conferenza stampa di presentazione della partita contro i giallorossi domenica a San Siro. Si parla ancora di errori arbitrali e, soprattutto, del divario nel numero di rigori concessi alla Roma e all'Inter. Questo divario alla fine potrebbe pesare notevolmente in un campionato particolarmente equilibrato. "Dicono che alla fine dell'anno - risponde Pioli - gli errori possano bilanciarsi. Noi dobbiamo rimanere concentrati sulle nostre prestazioni. Il fatto che la Roma abbia avuto tanti rigori a favore rispetto all'Inter, può pesare".

17:11Sci: Brignone vince la combinata di Crans Montana

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - Finiti i deludenti Mondiali di St. Moritz, l'Italia torna a vincere con Federica Brignone che, in 1'56"09, ha dominato la combinata di Coppa del mondo a Crans Montana. Per la 26enne valdostana è il secondo successo stagionale (dopo quello nello slalom gigante a San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones, esattamente un mese fa) e il quarto in carriera, mentre per l'Italia è il 27/o podio stagionale. Secondo posto per la slovena Ilka Stuhec (1'57"10), 3/o per l'austriaca Michaela Kirchagsser (1'57"25). Per l'Italia ci sono poi Elena Curtoni 9/a (1'58"31), Federica Sosio 10/a (1'58"45), Francesca Marsaglia 12/a (1'58"74) e Nicole Delago 24/a (2'01"30). Domani superG e domenica altra combinata, l'ultima della stagione.

Archivio Ultima ora