Archivio tag | "Apple"

Tags: , , , ,

Falla processori, Apple e Microsoft corrono ai ripari

Pubblicato il 05 gennaio 2018 da ansa

EPA/TONY AVELAR

 

ROMA. – Dopo la notizia sulla vulnerabilità che affligge i processori, Apple e Microsoft corrono ai ripari. Microsoft ha aggiornato Windows 10 e sta lavorando per proteggere anche i tablet a marchio Surface. Apple ha già aggiornato il sistema operativo di computer e iPhone, e ora si prepara a tutelare il browser di navigazione Safari.

In una pagina di supporto del suo sito, Apple spiega di aver risolto il problema “Meltdown”, cioè una delle due falle scovata dai ricercatori, che si annida solo nei processori Intel. La protezione è stata distribuita agli utenti con le ultime versioni dei sistemi operativi di iPhone e iPad, computer Mac e Apple Tv, mentre l’Apple Watch, dice la compagnia, non è coinvolto.

Gli aggiornamenti, evidenzia, “non hanno comportato riduzioni misurabili delle performance” dei dispositivi. Per l’altra falla, “Spectre”, che interessa anche i chip di Amd e Arm, “nei prossimi giorni rilasceremo un aggiornamento di Safari”, dice Cupertino.

Ma le contromisure non finiscono qui: “Continueremo a sviluppare mitigazioni all’interno del sistema operativo per Spectre, e le distribuiremo nei prossimi aggiornamenti” dei sistemi operativi, incluso quello di Apple Watch.

Microsoft, da parte sua, dopo aver aggiornato Windows 10 ha annunciato l’arrivo di update volti a proteggere i dispositivi Surface da Meltdown e Spectre. Martedì prossimo, inoltre, dovrebbe arrivare l’aggiornamento per i sistemi operativi più vecchi, Windows 7 e 8.

Commenti (0)

Tags: , , ,

Apple si scusa per rallentamento iPhone. A Cook 102 milioni

Pubblicato il 28 dicembre 2017 da ansa

 

NEW YORK. – Apple fa mea culpa. Mentre aumenta il compenso di Tim Cook a 102 milioni di dollari, Cupertino in una lettera aperta ai suoi clienti si scusa per il rallentamento degli iPhone più vecchi e assicura: ”Non abbiamo e non faremo mai qualcosa per accorciare volontariamente la vita dei nostri prodotti”.

Le scuse seguono le otto azioni legali avviate contro Apple per il rallentamento degli iPhone e l’ondata di critiche piovuta sulla società, accusata dai suoi clienti di averli ‘traditi’. Per recuperare la società annuncia un taglio dei prezzi delle batterie e la diffusione di un aggiornamento iOS nel 2018 con il quale i clienti potranno controllare lo stato di salute delle batterie dei loro dispositivi.

Con le scuse ufficiali Apple si augura di poter voltare pagina e chiudere un 2017 stellare. L’anno fiscale 2017 si è chiuso con ricavi per 229,2 miliardi di dollari su un utile operativo di 61,3 miliardi, sopra i target fissati dalla società di 225,2 miliardi per le vendite e i 57,9 per gli utili. Il superamento degli obiettivi stabiliti dal consiglio di amministrazione consente ad Apple di aumentare il compenso del suo amministratore delegato.

Tim Cook porta a casa per il 2017 un compenso da 102 milioni di dollari, il 74% in piu’ rispetto all’anno scorso. Dopo il taglio del 2016 a causa di ricavi e utili sotto attese, l’amministratore delegato di Apple si vede così riconosciuti gli sforzi e i successi ottenuti, con Cupertino volata in Borsa e a un passo dal diventare la prima societa’ a valere piu’ di 1.000 miliardi di dollari. Compensi in aumento anche gli altri supermanger, fra i quali il chief financial officer Luca Maestri, che hanno ricevuto un assegno fra i 6 e i 24 milioni di dollari.

Nel 2016 Cupertino non aveva centrato gli obiettivi e i compensi dei manager erano stati tagliati, con Cook che aveva incassato il 15% in meno, a causa del rallentamento delle vendite dell’iPhone e della frenata di Apple in Cina. L’iPhone però è tornato quest’anno a brillare, confermandosi ancora una volta motore di crescita di Cupertino. E, insieme al boom della divisione servizi, Apple è tornata a volare sopra le attese allentando la pressione sui suoi vertici. Solo nelle ultime settimane sono emerse difficoltà che potrebbero farsi sentire nel 2018.

Fra queste l’ammissione del rallentamento volontario degli iPhone piu’ vecchi che ha scatenato un’ondata di azioni legali, almeno otto. A questo si aggiungono i timori degli analisti per le vendite dell’iPhone X, che potrebbero risultare il 40% inferiori alle attese. Per ora comunque Apple e Cook festeggiano. L’amministratore delegato incassa un salario da 3,06 milioni di dollari, un bonus da 9,33 milioni di dollari, e 89,2 milioni dalle azioni che gli sono state riconosciute nel 2011 e che sono arrivate a maturazione. Cook ha altri 2,9 milioni di azioni di Cupertino non ancora maturate e che valgono, ai prezzi attuali, 500 milioni di dollari.

Commenti (0)

Tags: ,

Apple è la società quotata che vale di più al mondo

Pubblicato il 21 dicembre 2017 da ansa


NEW YORK. – Apple è la società quotata che vale di più al mondo: vale più del pil della Turchia. E potrebbe essere la prima a valere più di 1.000 miliardi di dollari. Sui numeri stellari di Apple spunta però la ‘grana’ iPhone: Cupertino ammette di rallentare deliberatamente gli iPhone più vecchi con possibili problemi alla batteria in modo da evitare che si spengano all’improvviso.

Una precisazione che conferma quanto analisti e clienti temevano da tempo, ovvero che Apple rallentasse con gli iPhone più vecchi con l’aggiornamento dei software. E che alimenta i dubbi sul fatto che il rallentamento deciso da Apple sia per spingere i clienti a comprare nuovi iPhone.

Cupertino respinge la critica: gli aggiornamenti puntano ad allungare la vita dei cellulari ‘aiutando’ le batterie al litio che, degradandosi nel tempo, possono causare lo spegnimento repentino dell’iPhone. ”Il nostro obiettivo è quello di offrire ai consumatori l’esperienza migliore, inclusa la performance e il prolungamento della vita dei loro dispositivi” spiega Apple.

Ma la precisazione non basta a calmare le polemiche per scarsa trasparenza della società e sulla sua tattica per spingere i clienti a cambiare il loro cellulare più spesso per ovviare alla lentezza indotta. ”Visto che Apple ha ammesso di rallentare gli iPhone vecchi, io ammetto che non comprerà più un iPhone” afferma qualcuno su Twitter.

L’iPhone resta il motore di crescita di Apple, il dispositivo che l’ha aiutata a volare di record in record. L’ultimo nel novembre 2017 quando Cupertino ha sfondato quota 900 miliardi di dollari di capitalizzazione, confermandosi così la società quotata che vale di più al mondo. Numeri stellari che, però, uno studio dell’Università di Chicago ridimensiona soprattutto se si assume un’ottica di più lungo termine.

Cupertino domina la classifica delle società che valgono di più anche guardando ai dati corretti per l’inflazione: in questo caso però – spiega l’Università di Chicago – il suo margine di vantaggio rispetto agli altri big si ridimensiona in modo deciso.

Valutando Apple per quota che rappresenta sul mercato offre un ulteriore differente punto di vista:: ”anche se la sua capitalizzazione è più alta rispetto a cinque anni fa, le azioni di Apple rappresentavano una quota maggiore nel mercato azionario nel settembre 2012 rispetto a ora. Il mese scorso le azioni di Apple rappresentavano solo il 2,5% del mercato, nel settembre 2012 avevano raggiunto il 3,2%”.

Insomma, mette in evidenza il New York Times, ”vale la pena ricordare che altre società hanno giocato ruoli monumentali sui mercati azionari, fino a che i loro giorni non sono finiti”.

Commenti (0)

Tags:

La musica in streaming di Apple ha raggiunto i 30 milioni di abbonati

Pubblicato il 28 settembre 2017 da ansa

Apple

ROMA – Apple Music, il servizio di musica in streaming targato Apple, ha raggiunto i 30 milioni di abbonati. Lo ha annunciato il responsabile del servizio, Jimmy Iovine, in un’intervista alla rivista Billboard. Nato nel 2015, Apple Music aveva totalizzato i primi 10 milioni di utenti paganti a sette mesi dal lancio, nel gennaio 2016. La soglia dei 20 milioni era stata superata nel dicembre scorso, mentre a giugno la compagnia aveva reso noto di essere a quota 27 milioni.

Con 30 milioni, Apple ha la metà degli abbonati di Spotify, il primo servizio di musica in streaming al mondo, che conta 60 milioni di utenti paganti su un totale di 140 milioni di utenti. A differenza del servizio di Apple, attivo da un paio d’anni, lo svedese Spotify è però operativo dal 2008.

Commenti (0)

Tags: , , , ,

Apple stringe su Napoli, progetto al via ad ottobre

Pubblicato il 10 maggio 2016 da redazione

apple-bagnoli

NAPOLI. – Apple stringe sui tempi e fissa al prossimo mese di ottobre la partenza del primo Centro di Sviluppo App iOS d’Europa. La conferma arriva dal professor Giorgio Ventre, delegato del rettore della Federico II di Napoli, l’ateneo che lavorerà in sinergia con la Apple.

A fine mese, massimo i primi giorni di giugno una delegazione di Cupertino verrà a Napoli: un sopralluogo che Ventre definisce “definitivo”. “Sì sarà un incontro abbastanza definitivo sulla parte organizzativa – ha spiegato il direttore ordinario di reti di calcolatori della Federico II a margine di un convegno a Napoli sulle startup innovative organizzato dalla Fondazione Ricerca e Imprenditorialità – tra l’altro stiamo anche cercando di capire meglio come attivare le collaborazioni non solo con la Federico II ma anche con le altre università”.

Quanto al timing, è stata la Apple a mettere in chiaro di voler chiudere la partita e quindi aprire la formazione per 600 giovani. “Loro ci chiedono di partire ad ottobre il che non è detto che sia una cosa semplice da fare, però sarà anche il motivo per cui vengono qui. Non è ufficiale ma questa è la richiesta”, dice Ventre.

Il centro nasce per fornire agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di app iOS per iPhone e iPad. Deciso anche dove nascerà a Napoli: scelta l’area della facoltà di ingegneria che si trova nel quartiere periferico di San Giovanni a Teduccio.

“Visti i tipi di modifiche infrastrutturali che ci stanno chiedendo – sottolinea Ventre – credo che la scelta di San Giovanni a Teduccio sia definitiva”. Tutto sarà deciso nei prossimi incontri ma da quello che filtra, nel centro non ci saranno certo banchi ed aule per gli studenti. Tutt’altro: open space e perfino, tra l’altro, tecnologie per evitare il rimbombo del suono.

Soddisfazione è stata ribadita dalla Regione Campania. L’assessore regionale alle startup-innovazione, Valeria Fascione, sottolinea che “la venuta di Apple in Campania e a Napoli ha un duplice significato, da un lato testimonia che Napoli e la Campania sono un terreno fertile per la innovazione, e poi se viene Apple vuol dire che le condizioni ci sono e noi come amministrazione stiamo lavorando tantissimo per ammagliare intorno a questa opportunità anche gli altri big player”.

“Aspettiamo una terza visita di Apple nella nostra regione, come completamento del suo percorso iniziale di insediamento. Decida l’azienda globale la sua migliore localizzazione tra le sedi visitate a Napoli – ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività produttive, Amedeo Lepore – In ogni caso la Giunta De luca sosterà questa presenza che si pone l’obiettivo non solo di una iniziativa di formazione di molte centinaia di giovani ma di un collegamento tra le attività di ricerca, di innovazione e di sviluppo per rendere possibile la fertilizzazione produttiva del tessuto economico campano”.

(di Patrizia Sessa/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

21:52Incidente Milano: i morti salgono a tre, quarto gravissimo

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sale a tre morti il bilancio dell'incidente avvenuto oggi pomeriggio in una fabbrica di materiali ferrosi alla periferia di Milano, in via Rho. In serata è deceduto infatti all'ospedale San Raffaele un altro dei 6 dipendenti che sono rimasti intossicati nello stabilimento dopo aver inalato gas tossici. Un quarto lavoratore è in condizioni gravissime. Sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate.

21:38Prostituzione: deputato Sicilia,se regolamentata porta soldi

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "In Sicilia le città, soprattutto quelle metropolitane, sono diventate luoghi dove la criminalità organizzata sfrutta la prostituzione. Non dà la misura della civiltà un Paese che si volta dall'altro lato rispetto a un fenomeno come la prostituzione che se regolamentato porterebbe gettito fiscale e garantirebbe anche verifiche sanitarie". Lo dice in deputato regionale dell'Udc, Vincenzo Figuccia, assessore per un mese nel governo Musumeci, prima delle dimissioni a causa di uno scontro con la maggioranza sugli elevati stipendi dei dipendenti dell'Assemblea siciliana. "Faccio appello al parlamento regionale affinché si intesti una battaglia per una legge nazionale sull'esercizio della prostituzione che riporti decoro nelle nostre città, togliendo dalle grinfie della malavita migliaia di persone - conclude - Paesi cattolici dell'Ue hanno fatto passi importanti per tutelare chi sceglie di prostituirsi. Non è ammissibile che alla criminalità si diano vantaggi incredibili per lucrare anche su questo".

21:08Calcio: Verdi dice no, Napoli vira su Deulofeu e Lucas

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Deulofeu, Lucas, Politano, Inglese. Ricomincia da capo il mercato del Napoli dopo il no di Simone Verdi che ha spiazzato il club azzurro. L'ipotesi tenuta in caldo in questi giorni è quella di Gerard Deulofeu, chiuso al Barcellona, che già conosce la serie A grazie ai sei mesi giocati al Milan. Deulofeu si può strappare ai catalani per circa 18 milioni di euro. Poi c'è Lucas Moura, 25 anni, brasiliano, esterno destro che può giocare anche a sinistra. Più complicata la trattativa con il Sassuolo che ha già detto diverse volte no al Napoli e all'Inter per la cessione di Matteo Politano in questa sessione di mercato. Ma il Napoli potrebbe anche tornare su Roberto Inglese, centravanti in prestito al Chievo. Il no di Verdi ha scatenato una bufera social con tanto di insulti dei tifosi partenopei sui profili del calciatore del Bologna e repliche a distanza dei tifosi emiliani, molti anche a sfondo razzista nei confronti de napoletani.

21:08Calcio: Fiorentina, giovedì test coi dilettanti del Grassina

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - La Fiorentina prosegue la preparazione della trasferta di domenica contro la Samp. Una partita importante per testare le ambizioni europee dei viola e allungare ulteriormente la striscia positiva che dura in campionato da otto partite, due vittorie e sei pareggi di cui due consecutivi al Franchi con Milan e Inter. Raggiungendo contro i blucerchiati il nono risultato utile di fila consecutive, la Fiorentina eguaglierebbe un primato centrato l'ultima volta nel febbraio 2012. Pioli dovrà provarci però senza due pedine importanti quali il capitano David Astori e il centrocampista Jordan Veretout, fermi per squalifica. Il tecnico dei viola sta valutando il modo migliore per sostituirli e non a caso ha fissato per giovedì una partitella a porte chiuse con i dilettanti del Grassina: servirà a testare le varie possibili soluzioni. Sul fronte mercato, in Francia accostano la Fiorentina ad Aguilar del Montpellier, ma si tratta solo di rumors. La società viola è ancora a caccia di una squadra per Sanchez.

21:03Doping: Nado Italia, un anno di stop a Lucioni

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - La prima sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia ha squalificato per un anno il difensore del Benevento, Fabio Lucioni, e per 4 anni il medico del club sannita, Walter Giorgione, per l'utilizzo non consentito della sostanza Colostebol, accogliendo integralmente le richieste della Procura antidoping di Nado Italia. Entrambi i tesserati hanno annunciato ricorso.

20:40Baby gang: Minniti, individuati responsabili ultimi atti

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Possiamo dire di essere sulla buona strada o di aver già individuato i responsabili delle violenze inaccettabili di questi giorni a Napoli. Questo grazie all'aumento dell'efficienza dei mezzi di contrasto, in particolare la videosorveglianza" ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, al termine del vertice con le forze dell'ordine che si è tenuto in prefettura a Napoli. "Non dico che le baby gang siano terroristi, ma usano metodiche di carattere terroristico: quella di colpire perché si è casualmente in un posto. Abbiamo un'assimilazione di metodiche tipiche di altre attività criminali. C'è una violenza nichilista che non ha alcun rispetto per il valore della vita, ed è ancora più drammatico se impatta con dei giovanissimi" ha aggiunto il ministro.

Archivio Ultima ora