Archivio tag | "bitcoin"

Tags: , ,

Bitcoin diventa grande, scambiato primo future a Chicago

Pubblicato il 11 dicembre 2017 da ansa

Scambiato primo future a Chicago

 

NEW YORK.- Il Bitcoin “cresce”. La criptovaluta sbarca su un mercato ufficiale: a Chicago viene scambiato il suo primo future ed è subito un successo. Nei primi sei minuti di scambi domenica nel pomeriggio il Bitcoin vola dell’11% passando dai 15.000 dollari di apertura a 16.660, con 1.000 contratti passati di mano nelle prime tre ore. Una corsa che è continuata, con la criptovaluta schizzata a Londra in mattinata a 17.500 dollari, per poi volare a 18.800.

Il lancio del future da parte di Cboe Global Markets è il primo ‘riconoscimento’ ufficiale per il Bitcoin. E non sono mancati problemi: gli scambi sono stati sospesi per due minuti domenica per eccessiva volatilità e il sito del Cboe ha incontrato difficoltà a far fronte al sostenuto traffico.

”A causa del forte traffico sul nostro sito, i visitatori possono incontrare rallentamenti e non avere accesso temporaneamente. Tutti i sistemi di scambi funzionano però normalmente” è stato costretto a spiegare il Cboe.

Il successo del future non stempera però le perplessità dei critici, che ribadiscono il loro scetticismo di fronte a una criptovaluta non regolamentata e con un ‘passato’ complicato. E’ ancora vivo infatti il ricordo di Mt. Gox, una volta la maggiore piattaforma di Bitcoin poi fallita nel 2014 dopo il furto di criptovalute dal valore superiore ai 470 milioni di dollari.

”Non è una valuta ma un prodotto speculativo” riassume senza mezzi termini il governatore della Banca centrale austriaca e componente della Bce Ewald Nowotny. Allo scetticismo i sostenitori del Bitcoin rispondono con le cifre: la criptovaluta è stata l’asset con la migliore perfomance sui mercati finanziari nel 2017, con il prezzo salito quest’anno del 1.500%. A questo si aggiunge il maggiore impegno delle piattaforme di scambio del Bitcoin alla lotta al riciclaggio: i cinque mercati di scambio che lavorano con il Cboe, e che si apprestano a lavorare al future del colosso dei derivati CME, si sono impegnati a contrastare il fenomeno del riciclaggio adottando standard definiti.

“Le piattaforme che non lo hanno fatto, a causa della loro incompetenza, sono sparite” afferma Nejc Kodric, il numero uno di Bitstamp. Iniziative sono state prese anche sul fronte della manipolazione. L’indice che sta dietro ai future del CME è basato su scommesse eseguite su un periodo di un’ora, con quelle anomale tagliate automaticamente fuori.

”Il nostro approccio è iniziare con quote piccole e scambi limitati e vedere come va, insomma essere cauti. Ritengo che questa sia la strada scelta da molti” spiega Garrett See, trader di criptovalute a Chicago. ”Il volume degli scambi iniziale non sarà elevato: c’è stato un preavviso breve e non tutti i partecipanti al mercato sono pronti subito” mette in evidenza Max Boonen, broker di criptovalute. Ma i dubbi restano. I future sul Bitcoin sono ”prematuri”: se non andranno a buon fine di va incontro – è l’opinione dei critici – ”torneremo indietro di mesi o anni”.

Commenti (0)

Bitcoin

Tags: , , ,

Explicándole las criptomonedas a Miguel

Pubblicato il 08 dicembre 2017 da Maurizio Cirrottola

Bitcoin

El Bitcoin aparece en el mercado en 2009.

 


El domingo 03 de diciembre de 2017 el Presidente de la República Bolivariana de Venezuela, Nicolás Maduro Moros, anunció el nacimiento del PETRO, la criptomoneda puramente venezolana. Hoy es lunes 04/12/2017, a primeras horas de día y todavía no he tenido contacto con Miguel, quien seguramente estará escuchando, leyendo o viendo las noticias recogidas por los medios de comunicación, todas alrededor de sus atormentadas ideas sobre la situación económica del País a lo que se le suma el anuncio de Maduro: “Hoy nace el PETRO.

Miguel es mi padre, quien el próximo día de Navidad contará con setenta y un años de historias. Con toda seguridad cuando hoy haga contacto con él por cualquier vía, con normal angustia me preguntará: ¿Qué vaina es esa que aprobó el presidente ayer? Ardua tarea viejo el explicarte eso del PETRO, sobre todo cuando entre las computadoras, los teléfonos inteligentes y tu existe la misma relación de antipatía y temor que yo puedo tener con cualquier instalación eléctrica que supere los tres cables y los 110 voltios.

Comencemos con decir que una vez más se hicieron las cosas al revés, ya que primero creamos el producto y luego, sabrá Dios cuando, es que se regulará jurídica y técnicamente su funcionamiento. Pero no cometamos el mismo error: “¡¡¡Comencemos por el principio!!!”

Las criptomonedas son, en esencia, monedas virtuales (etéreas, no palpables en lo inmediato) que se producen por medio de la generación constante de algoritmos formulados por personas denominados “mineros”, de forma individual o colectiva, alimentan una base de datos de un denominado grupo de trabajo (una mina), el cual pertenece –por lo general- a los grandes operadores de sistemas y software mundiales (Google, por ejemplo). El pago por ese trabajo de “minar” es una fracción de una criptomoneda. Mientras más mines, entonces acumularás las fracciones necesarias que te lleven a poseer uno o más monedas de este tipo.

Te aclaro viejo, no es lo mismo el dinero virtual a ver el dinero que tienes en el banco a través de una sesión de internet. Lo que aparece en la pantalla de la computadora cuando me pides hacerte una operación bancaria, es una de las formas posibles de movilizar tu dinero. En condiciones normales, tu podrías ir al banco y pedir que ese saldo que aparece en un mensaje de texto de celular enviado desde tu banco y exigir que te lo entreguen en billetes o monedas.

En conclusión, la banca electrónica no es igual a dinero virtual. El dinero virtual se paga como contraprestación de un trabajo cibernético, hecho por un particular para el beneficio de personas o empresas que generan productos cibernéticos (hablemos de software). Quizás en el futuro inmediato podremos integrar el dinero virtual al menú de opciones que visualizamos en la banca electrónica de hoy en día.

Se dice que el ambiente creado alrededor de la producción, pago, intercambio y transformación final de las criptomonedas es total y absolutamente seguro. Se hacen pruebas de seguridad bilateral, es decir tanto de quien genera los algoritmos (el minero), de donde se generan los algoritmos (la mina), de quien administra el pago del minero, así como de quien paga finalmente la criptomoneda.

El pico y la pala del minero es una computadora, pero no cualquier computadora. Si bien la pc o laptop de tu casa está habilitada tecnológicamente para minar, la velocidad de los procesadores que tengas instalados será la diferencia. Entonces necesitarás aquello que los armadores de hardware llaman “un hierro”, es decir una computadora con procesadores de datos de alta velocidad y capacidad de almacenamiento de memoria RAM. Creo que ya le estoy hablando en chino mandarín a Miguel.

Tener una máquina de esas o varias implica un alto consumo de electricidad. No tanto por la computadora en sí, sino que los procesadores de alta capacidad generan mucho calor y su funcionamiento debe estar aclimatado casi a nivel de un quirófano. He aquí la causa de mayor demanda de electricidad: el frío. Además, como todo negocio que puede rendir buenos dividendos, no querrás tener una sola computadora operando; seguramente querrás competir entre los mejores mineros y ello impone aumentar tu planta física. Por lo tanto, la fórmula es directamente proporcional: A mayor minería en producción, mejores y más equipos funcionando, más calor en la sala de máquinas y más frío para que no se nos fundan. Todo eso es igual a mayores kilovatios horas de facturación.

Las noticias sobre la generación de dinero virtual datan del año 1998 con los primeros intentos por nacen en el año 2009 cuando BITCOIN aparece en el mercado. Hoy en día se conocen diferentes nombres, denominaciones o “conos” cibernéticos: Además del BITCOIN, DEEPONION, ETHER, RIPPLE, LITECOIN, MAIDSAFECOIN, DASH, entre otros. El más popular y de mayor valía es el BITOCOIN, cuyo valor de intercambio con respecto al Dólar de los EE.UU es igual a 1 BITOCIN = USD 11.300,00 (según la cotización aproximada más reciente).

Cada vez que un minero desee transformar sus criptomonedas a dinero contante y sonante puede hacerlo. Este es el punto donde los sueños se hacen realidad.

En la página especializada www.investing-deals.com se afirma que este es un sistema revolucionario en el mundo el cual genera grandes ventajas como sería el caso de la seguridad; debido a que no pueden ser intervenidas por nadie, el anonimato; te permite mantener completa privacidad cuando se realizan las transacciones, y sin intermediarios, pero la ventaja más grande es que implementa una economía descentralizada, lo que quiere decir que la criptomoneda no está bajo el control ni regulación de ninguna empresa o entidad gubernamental como sería el caso de los bancos centrales que controlarían (como las divisas comunes tangible, dolar, euro, yenes, etc) su emisión y cantidad, pudiendo crear dinero inorgánico y generar inflación. Contrariamente a esto, la criptomoneda tiene incluso un número fijo de monedas que serán creadas de 21 millones de monedas, que se alcanzara en 2030, dando como resultado que solo la oferta y la demanda controlen su valor, teniendo así una inflación controlada.

Creo que por el momento es suficiente información para mi Viejo. Luego vendrán otras preguntas que espero responder a su satisfacción.

Si es necesario apuntar que, retomando lo dicho en párrafos previos, es que el nacimiento del PETRO tal como lo presentó el Presidente Maduro debería venir precedido de una cantidad de eventos y hechos previos. Se sabe que un grupo de expertos se sentarán a discernir sobre el tema. En Venezuela es un gran furor que corre por las calles como “gallo tapao” o como un secreto a voces. Es una alternativa clara para poder invertir en un producto que se transforme finalmente en moneda “dura”.

Esto último quizás comience a sonarle simpático e interesante a Miguel.

Se requiere legislar al respecto. Proporcionar seguridad jurídica a ese tipo de negociaciones otorgará confianza a las partes que se inmiscuyan en semejante aventura. Se deben establecer las reglas de juego y prever lo posibles ilícitos y defraudaciones que hoy en día ocurren. Además delimitará la actuación de los entes gubernamentales que deben intervenir en ello. Se sabe de intervenciones policiales recientes donde se desmantelan centros de minería, alegando el uso indebido de un bien estratégico para la Nación: la electricidad. Lo cierto es que se desconoce el destino final de los equipos incautados. Quizás los picos y las palas comisados, terminan minando en otro lugar.

El nacimiento del PETRO aparentemente rompe con los esquemas trazados por los especialistas. Incluso rompe esquemas con los lineamientos jurídicos, políticos y tecnológicos de la Revolución. El Presidente Maduro lo presenta como una alternativa para romper las barreras creadas por el bloqueo económico internacional, pero en sí implica la ruptura de un orden estratégico nacional. Por ejemplo, una de las características principales de este producto es el respeto por los software y su propiedad intelectual lo cual choca frontalmente con las ideas del ahora Canciller Arreaza, quienes en sus tiempos de Ministro de Ciencia y Tecnología propició la entrada en vigencia de la Ley de Inforgobierno y demás instrumentos legales que dan al traste con el software privativo y le otorga cancha abierta al software libre.

Otros aspectos para revisar es aquello del anonimato, justamente cuando estamos debatiendo aún la entrada en vigencia de Ley contra el odio que prohíbe –justamente- el anonimato en las redes sociales, amén de que la Constitución de la República Bolivariana de Venezuela así lo prohíbe.

En esencia el mercado de la criptomoneda no soporta centralización ni control estatal, además es un producto del más salvaje de los mercados libres. Su precio lo controla la demanda y la oferta libres. Lo anterior, junto con otros rasgos característicos de ese producto cibernético hacen el anuncio de Nicolás hace inviable, a menos –claro está- que estemos ante un subproducto “innovador” típico de la “pelota caribe”, que busca siempre hacerse la vista gorda ante las reglas del juego que vienen impuestas desde los imperios.

Personalmente abogo por los avances tecnológicos, especialmente aquellos que redundan en beneficios comunes. Espero que el PETRO no siga la suerte del SUCRE, otrora moneda del mercado común del Sur del continente Americano cuya valía e intercambio parece ser “periódico de ayer”.

Maurizio Cirrottola Russo

Abogado

Email: cirrottola@gmail.com

Twitter: @cirrottolar

Instragram: @cirrottola

 

Commenti (0)

Tags: ,

Bitcoin corre senza freni, le banche lanciano l’allarme

Pubblicato il 07 dicembre 2017 da redazione

FOTO EPA/WALLACE WOON

 


NEW YORK. – La corsa del bitcoin appare inarrestabile, con la valuta digitale che macina record su record e che è arrivata a superare la soglia dei 19 mila dollari per poi attestarsi poco sopra i 16 mila dollari, guadagnando il 40% in meno di 48 ore. E se qualcuno parla di vera e propria ‘bitcoinmania’, altri scomodano l’Inferno di Dante (il presidente della Royal Bank of Scotland, Howard Davies) per lanciare l’allarme su un fenomeno che se assecondato – mettono in guardia in molti – rischia di esplodere come una bolla. Con conseguenze finanziarie potenzialmente catastrofiche.

Più prosegue la galoppata senza freni della criptovaluta, dunque, e più cresce la preoccupazione delle banche, che non smettono in queste ore di pressare le autorità competenti, chiedendo che la realtà del bitcoin venga maneggiata con maggiore cura, e non gestita sulle ali dell’entusiasmo.

L’estrema volatilità della divisa digitale, infatti, lo rende per molti versi inaffidabile. Soprattutto quando ad essere coinvolti diventano anche gli investitori più piccoli. Ecco perché il lancio del primo future, previsto per domenica 10 dicembre, sta creando fibrillazione.

Tanto che la Futures Industry Association, la principale lobby del mercato dei future a cui aderiscono tutte le maggiori banche di Wall Street, ha inviato una missiva all’autorità di competenza, la Commodity Futures Trading Commission (Cftc). Una lettera in cui si esprimono tutti i dubbi e tutti i timori per il lancio di domenica.

Perché – si spiega – l’introduzione dei future sul bitcoin non è supportata dalla necessaria trasparenza. Una trasparenza che – sostengono le banche – va garantita con maggiori regole che disciplinino in maniera più precisa l’intero settore delle criptovalute. “Il sistema finanziario non è pronto per i future in questo settore”, si scrive a chiare lettere.

Intanto il bitcoin vola e ha oramai raggiunto un valore di mercato pari a quasi 300 miliardi di dollari: la sua capitalizzazione ha superato di gran lunga quella del guru della finanza Warren Buffett o il pil di un Paese come la Nuova Zelanda, distanziando colossi di Wall Street come Goldman Sachs o Ubs.

Ma che ci sia un problema di volatilità è stato chiaro anche nelle ultime ore, quando da un picco di 19.340 dollari il Bitcoin ha improvvisamente fatto registrare un calo del 20%, scendendo a 15.198 dollari e poi risalendo poco sopra i 16 mila dollari. Anche questa un’altalena in poche ore che per molti deve far riflettere.

(Di Ugo Caltagirone/ANSA)

Commenti (0)

Tags: ,

Bitcoin vola a 13.000 dollari, vale più di Warren Buffett

Pubblicato il 06 dicembre 2017 da ansa

Robocoin kiosk: compra/vendita di bitcoins. (ANSA/AP Photo/Jeff Chiu)

 

NEW YORK. – Il Bitcoin vola sopra i 13.000 dollari, guadagnando in meno di 12 ore 1.000 dollari e il 30% in soli cinque giorni. E ora vale più di Warren Buffett e dell’economia della Nuova Zelanda e ha saldamente superato Goldman Sachs e Ubs. Un nuovo record spinto dal lancio del primo future sulla criptovaluta, atteso per domenica 10 settembre, e che secondo gli osservatori la legittimerà come una classe di asset per tutti gli investitori, anche i piccoli.

L’introduzione di future sul Bitcoin ”ha il potenziale di elevare le criptovalute a una classe di asset emergenti” afferma Nikolaos Panigirtzoglou, analista di JPMorgan, convinto che con un uso più diffuso il Bitcoin può diventare come l’oro in termini di affidabilità e modalità per parcheggiare e conservare ricchezza nel lungo termine.

Una promozione, quella dell’analista di JPMorgan, che sembra ‘contraddire’ lo scetticismo di Jamie Dimon, convinto che il Bitcoin sia una ”frode peggiore di quella dei bulbi dei tulipani” in Olanda nei secoli scorsi. Ma per Panigirtzoglou al Bitcoin va concessa almeno una chance.

”L’atteso lancio di contratti future da parte di mercati riconosciuti” come il colosso dei derivati CME Group e il suo rivale Cboe Global Markets ”ha il potenziale di aumentare la legittimità della criptovaluta e aumentare il suo appeal sia fra gli investitori istituzionali sia fra quelli retail”.

Il Bitcoin – secondo l’analista – ha un elevato potenziale di crescita: data la sua ‘breve’ vita, il suo valore totale è già di 300 miliardi di dollari rispetto ai 1.500 miliardi di dollari di tutto l’oro conservato fuori dalle casseforti delle banche centrali. All’inizio dell’anno il Bitcoin valeva solo 1.000 dollari. Ora viaggia verso i 13.000 dollari, destando l’attenzione delle banche centrali e alimentando i timori di chi teme sia una nuova bolla pronta a esplodere.

I mercati però cavalcano l’interesse crescente per la criptovaluta, come dimostrato dalla ‘battaglia’ fra Cme e Cboe sui tempi per il primo future legato alla criptovaluta. Il Cboe lo introdurrà il 10 dicembre alle 17.00 ora locale, con la prima giornata di scambi effettiva l’11 dicembre. Il future del CME è atteso invece per il 18 dicembre.

Commenti (0)

Tags: , , , , ,

Dalla Fed a Maduro, le due facce del Bitcoin

Pubblicato il 04 dicembre 2017 da ansa

(Photo credit: GettyImages)

 

NEW YORK. – Il Bitcoin tenta la Fed, ma anche il presidente venezuelano Nicolas Maduro. La banca centrale americana pensa a un Fedcoin, una valuta digitale tutta sua con controlli e supervisione. Maduro invece valuta un Bitcoin bolivariano, il ‘petro’.

Due tendenze che mettono in evidenza le due facce del fenomeno criptovalute: da un lato l’interesse delle banche centrali e l’esigenza, ribadita anche dal presidente del parlamento europeo Antonio Tajani, di imporre regole così da evitare che le criptovalute vengano usate per scopi illeciti, come il riciclaggio. Dall’altra Maduro e il suo Venezuela sempre più isolato dalle sanzioni americane che intravede nel Bitcoin una via di uscita.

La valuta digitale è già diffusa in Venezuela, dove i più ricchi la usano per acquistare beni americani aggirando le sanzioni ma anche per spostare denaro fuori dal paese, evitando così di vedere la loro fortuna andare all’aria con la crisi economica. Il “petro”, così come Maduro intende chiamare il Bitcoin bolivariano, “ci consentirà di andare avanti con la nostra sovranità monetaria nazionale e sconfiggere il blocco finanziario” imposto dagli Stati Uniti, dice il presidente del Venezuela, spiegando senza entrare nei dettagli che il “petro” si appoggerà sulle riserve naturali di petrolio, gas oro e diamanti del Paese.

La febbre da Bitcoin contagia anche la Fed: anche se ”è molto prematuro parlare di un’offerta di valute digitali da parte della Fed, è qualcosa a cui stiamo pensando” afferma il presidente della Fed di New York, William Dudley, mostrando come la curiosità con cui la banca centrale ha guardato alle valute elettroniche finora si sta trasformando in qualcosa di diverso e potrebbe tradursi in un Fedcoin.

L’apertura della Fed arriva a pochi giorni al lancio negli Stati Uniti del primo future legato al Bitcoin: bruciando sul tempo il colosso dei derivati CME, il Cboe Global Markets annuncia che il 10 dicembre esordirà il suo primo future sulle criptovaluta. Sarà introdotto alle 17.00 del pomeriggio ora locale, con la prima giornata completa di scambi l’11 dicembre. A guardare con interesse, e preoccupazione, al Bitcoin è anche il Tesoro inglese, che annuncia una stretta con norme più stringenti per stroncare l’uso della moneta virtuale da parte di organizzazioni criminali o evasori fiscali.

Commenti (0)

Tags: , ,

Via libera Usa a Bitcoin, il 18 dicembre primo future

Pubblicato il 01 dicembre 2017 da ansa

 


NEW YORK. – Il Bitcoin incassa un via libera importante. Le autorità americane dicono sì ai future legati alla criptovaluta, autorizzando gli operatori CME Group e Cboe Global Market Evolution a scambiare e vendere i contratti. Il disco verde innesca una nuova corsa al rialzo del Bitcoin, scambiato saldamente sopra i 10.500 dollari.

Il primo a esordire con i future legati alla criptovaluta è il Cme, il colosso dei derivati: dal 18 dicembre saranno disponibili. Il Cboe seguirà, e il tutto in attesa del Nasdaq che lancerà i suoi future sul Bitcoin nel 2018. Per la criptovaluta si tratta di un importante passo in avanti: pur continuando a non essere regolamentata, i future riducono il rischio di manipolazione del mercato e quindi possono instillare fiducia nel Bitcoin, dandogli una maggiore stabilità.

I contratti future infatti consentono ai trader di scommettere sull’andamento al rialzo o al ribasso della valuta digitale, così come succede per il petrolio e l’oro. Secondo gli osservatori questo potrebbe ridurre la volatilità della valuta, che si sta dimostrando una ‘piaga’ per la sua affermazione e diffusione.

L’eccessiva volatilità è infatti uno dei maggiori ostacoli che la valuta digitale si trova ad affrontare. Il fatto che sia in grado di perdere o guadagnare anche 1.000 dollari al giorno ne riduce la credibilità ed espone gli investitori a rischi. Il timore è soprattutto per i piccoli investitori meno abituati ai forti scossoni del mercato e suscettibili a perdite più pesanti.

”Io non ci investirei” dice Carlo Messina, l’amministratore delegato di Intesa SanPaolo, definendolo il Bitcoin una ”bolla speculativa”. Secondo Messina ”il grosso problema è che non esiste una regolamentazione quindi c’è oggettivamente un fattore di rischio che potrebbe anche prestarsi a delle forme di riciclaggio”.

Le grandi autorità internazionali finanziarie “devono occuparsi assolutamente di questo – aggiunge Messina -, anche perché l’innovazione sarà sempre più un fattore propulsivo del mondo della finanza e deve esserlo, ma la regolamentazione da parte dei supervisori è indispensabile”.

Commenti (0)

Tags: , ,

Bitcoin: corsa senza freni, nuovo record sopra 11.000 dollari

Pubblicato il 29 novembre 2017 da ansa

FOTO EPA/WALLACE WOON

 


NEW YORK. – Il Bitcoin sfonda anche quota 11.000 dollari, spingendosi fino a 11.500. Il nuovo record alimenta i timori di una bolla: in meno di 12 ore la criptovaluta è schizzata di 1.000 dollari, senza considerare che solo all’inizio dell’anno ne valeva 2.000.

Le autorità di regolamentazione per il momento restano a guardare, non intravedendo particolari rischi. “Non ha davvero un impatto né sulla politica monetaria né sulla stabilità finanziaria”, dice Victor Constancio, il vice presidente della Bce.

Il Bitcoin e tutte le criptovalute sono delle “attività, dei contratti, vulnerabili a repentine crisi di fiducia”, mette in guardia invece il vice dg della Banca d’Italia, Fabio Panetta, secondo il quale si tratta di fenomeni difficili da regolamentare, come mostra l’esperienza della Cina. “Ho visto un grafico con la dinamica del valore del Bitcoin e l’evoluzione del prezzo dei tulipani in Olanda qualche secolo fa. Vediamo se avrà la stessa evoluzione”.

Più dure le parole del premio Nobel all’Economia, Joseph Stiglitz: “Dovrebbe essere vietato. Non ha alcuna funzione sociale”. Una ‘bocciatura’ secca arriva anche dal mondo islamico: secondo la Direzione per gli affari religiosi della Turchia (Diyanet), la massima autorità islamica del Paese, la criptovaluta “non è appropriata” ai principi religiosi perché aperta a speculazioni e può essere usata in attività illegali come il riciclaggio di denaro.

Ma le critiche non fermano la corsa al rialzo del Bitcoin, con investitori piccoli e grandi che l’acquistano nel timore di essere tagliati fuori dal nuovo fenomeno. E proprio la scarsità di Bitcoin è uno dei fattori che alimenta la corsa dei prezzi: in circolazione ce ne sono 16,7 milioni su un totale di 21 milioni che possono essere creati. Di quelli in circolazione, circa il 37% è stato speso o scambiato nell’ultimo anno, mentre il 22% è nelle mani di ”investitori strategici”.

I più ottimisti ritengono che il Bitcoin possa arrivare a un milione di dollari nel 2020, e a credere nella criptovaluta sono anche le maggiori piazze di scambio. Il Nasdaq sta valutando, secondo indiscrezioni, il lancio di future legati al Bitcoin nel 2018. Una decisione che segue l’annuncio del colosso dei derivati CME Group, il cui future sulla criptovaluta è atteso entro la fine dell’anno. L’attenzione è quindi alta, soprattutto perché si tratta ancora di una delle poche aree non regolamentate e nelle quali registrare profitti.

Commenti (0)

Tags: ,

Bitcoin: emetterli consuma più elettricità di tutta l’Irlanda

Pubblicato il 28 novembre 2017 da ansa

Bitcoin mining

 

ROMA. – Il bitcoin, la criptovaluta in crescita esponenziale che ora vale più di McDonald’s e Walt Disney per capitalizzazione di mercato, consuma più elettricità della maggior parte delle nazioni mondiali. Il “mining”, cioè il sistema utilizzato per emettere bitcoin attraverso la potenza di calcolo di moltissimi computer sparsi per il globo, richiede infatti 30 terawattora all’anno, più dell’Irlanda. La cifra, calcolata dal Bitcoin Energy Consumption Index di Digiconomist, fa sì che l’ecosistema bitcoin, se fosse uno Stato, sarebbe sessantunesimo al mondo per consumo elettrico.

Emettere criptovaluta richiede un’energia superiore a quella consumata in un anno da Paesi europei come Austria, Croazia e Ungheria, ma anche a quella usata da ogni Stato dell’Africa a eccezione di Algeria, Egitto e Sudafrica. Una singola transazione in bitcoin, si legge nel rapporto, utilizza un quantitativo di elettricità sufficiente ad alimentare 10 case americane, mentre nel suo complesso l’energia consumata dalla criptovaluta potrebbe soddisfare il fabbisogno di 2,79 milioni di case. A confronto, l’elettricità necessaria ai centri di elaborazione dati che gestiscono le operazioni con le carte Visa è sufficiente ad appena 50mila abitazioni.

Commenti (0)

Tags: ,

Bitcoin a 10.000 dollari in Corea. Musk: “Non sono l’ideatore”

Pubblicato il 28 novembre 2017 da ansa

 


NEW YORK. – Il Bitcoin supera i 10.000 dollari almeno in Corea del Sud, dove su ben tre piattaforme di scambi la criptovaluta schizza sopra la soglia psicologica considerata un possibile spartiacque per il suo successo. Nonostante la volata dei prezzi prende le distanze dal Bitcoin Elon Musk: il miliardario visionario dietro Tesla e Space X smentisce di essere il creatore della criptovaluta, e di non sapere neppure dove sia il Bitcoin che un amico gli ha regalato alcuni anni fa.

La precisazione di Musk segue le nuove indiscrezioni su chi sia realmente Satoshi Nakamoto, il nome usato per la prima registrazione del Bitcoin nove anni fa e sulla cui identità continua ad aleggiare il mistero. Il blog medium nei giorni scorsi ha lanciato l’idea che Musk sia dietro alla criptovaluta con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. ”Il Bitcoin ha bisogno di Musk” ha scritto il blog. La smentita del numero uno di Tesla però gela le speranze di risolvere l’enigma.

Non crede molto almeno per ora al Bitcoin Jerome Powell, nominato da Donald Trump alla guida della Fed dopo Janet Yellen. Nell’audizione alla commissione bancaria del Senato per la sua conferma, Powell spiega come a suo avviso le criptovalute saranno un motivo di preoccupazione nel ”lungo, lungo termine”: per ora l’industria non è abbastanza grande da avere un impatto sulla politica della Fed.

”La Fed monitora l’andamento delle criptovalute e alle loro tecnologie” dice Powell, mettendo in evidenza come ”non c’è dubbio sul fatto che il valore del Bitcoin sia salito molto nell’ ultimo anno”. Nessun commento però su quale potrebbe essere il valore appropriato per la valuta.

Una posizione in linea con quella espressa nelle settimane scorse da Mario Draghi, secondo il quale le criptovalute non sono ancora abbastanza mature da richiedere regole. E proprio in assenza di regole il loro valore si impenna. Il Bitcoin vola a 10.464 dollari sulla piattaforma coreana Bithumb, ed è sopra i 10.000 dollari anche su altre due piazze coreane, Coinone e Korbit.

Sui listini americani Coinbase e Gemini, il Bitcoin non ha invece ancora toccato questa soglia. Il traguardo appare però a portata di mano, nonostante gli scettici. L’ultimo in ordine temporale a criticarlo è il fondatore dell’hedge fund Citadel, Ken Griffin: ”E’ una frode? No. Ma bolle come questa possono finire in lacrime, e temo che sia il caso”.

Commenti (0)

Tags: , ,

Bitcoin, record su record: vale più di General Electric e Disney

Pubblicato il 27 novembre 2017 da ansa

 

 


NEW YORK. – La corsa senza freni del Bitcoin continua e non accenna a fermarsi. La valuta digitale tocca il nuovo record di 9.700 dollari, lanciandosi verso la soglia dei 10.000 dollari e forte di una capitalizzazione di mercato superiore a quella di colossi come General Electric e Walt Disney, ma anche degli hamburger di McDonald’s.

Il vento in poppa al Bitcoin lo ha messo la decisione del Chicago Mercantile Exchange di lanciare future in Bitcoin in dicembre. Si tratta, secondo gli osservatori, di un passo importante, forse decisivo, per legittimare la criptovaluta come asset da poter scambiare in libertà.

Ma se l’esercito dei sostenitori del Bitcoin cresce a vista d’occhio, il coro degli scettici aumenta di pari passo. L’attenzione è tutta sulla soglia dei 10.000 dollari, considerati uno spartiacque per stabilire se la valuta digitale è solo un ‘castello di carte’ destinato a crollare non appena sotto pressione. Il Bitcoin dalla sua parte ha il fatto di aver avuto la meglio sugli scettici in più occasioni e soprattutto negli ultimi mesi: solo nell’ultimo fine settimana il valore della criptovaluta è salito del 15%. Nelle ultime due settimane è aumentato del 45% portando al +300% l’aumento dall’inizio dell’anno.

Il valore dei 16,7 milioni di unità bitcoin in circolazione ha superato i 160 miliardi di dollari, sopra i 158 miliardi di capitalizzazione di Ge e Walt Disney e i 157 miliardi di Boeing. Complessivamente il valore delle criptovalute, incluse quelle nate come derivazione del bitcoin, ha toccato i 300 miliardi di dollari.

”La legittimazione che rende il Bitoin un asset è molto importante. la sua capitalizzazione di mercato supera ora quella di Ibm, Walt Disney o McDonald’s” afferma Neil Wilson, analista di ETX Capital, riferendosi ai prossimi future sul bitcoin della Chicago Mercantile Exchange, il maggiore operatore al mondo di opzioni e future, che intende introdurre i future legati alla criptovaluta.

La corsa per ora è destinata a continuare in mancanza di regole per il bitcoin. E’ infatti difficile, affermano gli osservatori, che vengano introdotte norme per la criptovaluta a breve come precisato da Mario Draghi nelle scorse settimane. Secondo il presidente della Bce infatti le valute digitali non sono ancora mature abbastanza per richiedere regole. E gli investitori sembrano intenzionati a sfruttare questa mancanza di supervisione per realizzare profitti.

Commenti (0)

Bitcoin

Tags: ,

Boom Bitcoin, ora anche Goldman Sachs ci pensa

Pubblicato il 02 ottobre 2017 da ansa

Bitcoin

Bitcoin senza freni

ROMA. – Il boom del Bitcoin mette in allerta Goldman Sachs. La banca d’investimenti americana starebbe pensando di aprire una divisione dedicata al solo trading dei Bitcoin ed altre criptovalute, secondo indiscrezioni raccolte dal Wall Street Journal. L’istituto diventerebbe così la prima banca di Wall Street a fare direttamente operazioni con la controversa valuta virtuale.

Ma sempre le stesse fonti aggiungono che Goldman non ha ancora messo a punto un vero e proprio business plan e quindi potrebbe anche decidere di non portare avanti l’idea. Un portavoce di Goldman Sachs ha detto all’agenzia Bloomberg che “per soddisfare l’interesse dei clienti nelle criptovalute, la banca sta esplorando possibilità per come meglio servirli”.

Lanciato nel 2009, il Bitcoin da tempo è nell’occhio del ciclone e il suo valore ha visto drastiche oscillazioni nel corso di quest’anno: da 969 dollari di inizio 2017 è schizzato a oltre i 5.000 dollari per poi ripiegare sotto i 3.000 e quindi recentemente risalire sui 4.000 dollari.

A pesare sono state soprattutto le misure prese dal governo cinese per bloccarne l’uso. Pechino infatti non vede di buon occhio un mercato che si muove al di fuori dei sistemi di regolamentazione finanziaria, e su cui non ha controllo, e così recentemente ha vietato il trading di Bitcoin, dichiarando le transazioni illegali. Diverse piattaforme in Cina si sono affrettate quindi a chiudere le attività con la valuta virtuale.

A scagliarsi contro il Bitcoin è stato anche l’amministratore delegato di JPMorgan, Jamie Dimon, che lo ha definito una “frode”, paventando uno scenario simile a quello della ‘bolla’ dei Tulipani in Olanda nel 17mo secolo, quando gli speculatori fecero salire alle stelle i prezzi dei bulbi dei tulipani prima di far crollare il mercato.

Ma non tutti la pensano come Dimon. Oltre a Goldman Sachs, pure altre banche mostrano un’apertura verso il Bitcoin. Per l’amministratore delegato di Morgan Stanley, James Gorman, la criptovaluta “rappresenta più che un capriccio”.

Attualmente circa 70 hedge fund investono in valute virtuali mentre alcune società non finanziarie agiscono da broker per investitori istituzionali che vogliono comprare e vendere grossi volumi di Bitcoin. E secondo gli analisti, proprio questo potrebbe essere in futuro il ruolo di quelle banche che decideranno di entrare nel mercato delle criptovalute.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Commenti (2)

Ultima ora

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

Archivio Ultima ora