Archivio tag | "Delrio"

Tags: ,

Alitalia, pressing del ministro Delrio: “Si può chiudere in 3-4 settimane”

Pubblicato il 05 dicembre 2017 da ansa

 

 


ROMA.- Il Governo spinge per chiudere la vendita di Alitalia prima delle elezioni politiche. I ministri Calenda e Delrio lo avevano indicato già nei giorni scorsi, e oggi il titolare dei trasporti è tornato a dire che si può fare, auspicando persino tempi più stretti, cioè la fine dell’anno.

Delrio esclude inoltre la necessità di estendere il prestito ponte concesso fino a fine aprile: i soldi in cassa, assicurano anche i commissari, sono ampiamente sufficienti per arrivare alla stagione invernale 2019. Nelle casse della compagnia ci sono infatti al 30 novembre 836 milioni, hanno fatto il punto in audizione al Senato i commissari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari.

“Siamo tranquilli, abbiamo munizioni sufficienti per garantire un lungo periodo”, ha assicurato Gubitosi, spiegando che la “stagione estiva e la prossima invernale, quella del 2019, possiamo condurle con questo ammontare a disposizione”. La fase più delicata arriva ora: dicembre, gennaio e febbraio sono infatti i mesi più “complicati” in cui si consuma più cassa, hanno spiegato, ma poi si recupererà con una “buona” stagione estiva.

Sul fronte dei ricavi, invece, previsioni rosee per l’inizio del 2018: i trend “positivi” degli ultimi giorni (“il lungo raggio è la parte dell’azienda che sta andando meglio”), ha detto Gubitosi, fanno prevedere una crescita superiore all’1%. I commissari, che ricevono il plauso del ministro dell’economia Pier Carlo Padoan (“un buon lavoro nel senso di rendere efficiente l’operatività”) e di Calenda (“ottimo lavoro”), ricordano intanto che la loro gestione è solo “transitoria”, chiedono più trasparenza sui sussidi alle low cost (Alitalia ha fatto una causa e una sentenza della Cassazione è attesa a giorni) e auspicano un miglior rapporto con Aeroporti di Roma, facendo l’esempio della Cina, su cui Alitalia ha difficoltà perché c’è uno “sbilanciamento” totalmente a favore di Pechino e avanti così si dovrà valutare la permanenza sulla rotta.

Massima riservatezza dei commissari invece sulle trattative con i potenziali acquirenti. In pole position sembra esserci Lufthansa, con la quale – spiega Delrio – i contatti sono “seri” e non si profila un impatto dalla vicenda Air Berlin. Invece il fondo californiano Cerberus, che ha manifestato interesse per tutta la compagnia ma non ha mai presentato un’offerta vera e propria, avrebbe chiesto ai commissari una settimana di tempo e deciderà entro domenica se presentare un’offerta o ritirarsi definitivamente.

Intanto si punta a traguardare la vendita prima delle elezioni, che saranno probabilmente a marzo. Per i commissari è “difficile a dirsi”, ma assicurano che faranno “tutto il possibile”. Per Delrio la chiusura “può avvenire anche prima” del voto, ma “auspicabilmente anche nelle prossime tre-quattro settimane”, dipende dallo stato di avanzamento dei negoziati.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora