Archivio tag | "esteri"

Tags: ,

Di Maio a Washington: “Ecco la politica estera del M5s”

Pubblicato il 14 novembre 2017 da ansa

Nella foto Luigi Di Maio durante l’intervista #chiediloaluigi

WASHINGTON. – Usa “alleati” ma Russia “interlocutore storico”, restare nella Ue ma ridiscutendo alcuni trattati e il tetto del 3% del deficit, fedeltà alla Nato ma senza spendere 14 miliardi in più in armamenti, ritiro dall’ Afghanistan ma ok alle missioni di pace: sono queste, in sintesi, le linee guida della politica estera del M5S, illustrate al dipartimento di Stato e al Congresso Usa da Luigi di Maio, sbarcato in Usa per una visita di tre giorni non solo come vice presidente della Camera ma anche, per la prima volta all’estero, come candidato premier del Movimento pentastellato.

Una missione per accreditare sul palcoscenico internazionale se stesso come leader e il M5s come prima forza di governo dopo il successo in Sicilia, dove proprio oggi è stato arrestato per estorsione l’ex candidato Fabrizio La Gaipa. Ma Di Maio avvisa: “chi sbaglia è fuori”. “Noi abbiamo agito subito, a differenza degli altri”.

Poi si rituffa sui temi di politica estera cercando di rassicurare su Ue, Nato, missioni militari all’ estero e Russia ma mettendo dei paletti che evidenziano evidenti dissonanze con l’amministrazione Trump. La prima è sulla Nato: “abbiamo sempre detto che il nostro obiettivo è restare nella Nato ma abbiamo perplessità sulla spesa al 2% del Pil in armamenti”, come chiede il presidente americano.

Di Maio preferirebbe “avviare dei progetti in ottica di sicurezza per rafforzare l’intelligence, investimenti in innovazione che possano anche essere partnership esclusive con gli Stati Uniti”. In ogni caso “quando si prendono decisioni in Italia che riguardano la Nato, il Parlamento deve avere più potere”, mentre “qualsiasi messa in discussione della basi americane deve essere legata a un dialogo con gli Stati Uniti”.

La seconda è l’Afghanistan: “su questa missione siamo sempre stati chiari. E’ un intervento insostenibile per la spesa pubblica italiana”, afferma, ma si affretta a precisare che “non siamo pregiudizialmente contro missioni di pace all’estero, specialmente quelle a guida italiana che hanno reso lustro alle nostre truppe”.

Il terzo motivo di contrasto è la revoca delle sanzioni alla Russia: per Di Maio sono uno strumento la cui efficacia e’ da verificare e che finora ha solo penalizzato le aziende italiane. Ma il leader pentastellato vuole fugare ogni sospetto di collusione con Mosca: “rifiutiamo qualsiasi tipo di aiuto da parte di stati esteri che vogliano condizionare le elezioni politiche italiane, abbiamo rifiutato i rimborsi elettorali, i finanziamenti dai grandi gruppi industriali, figuriamoci se non rifiutiamo questo genere di condizionamenti”, ha garantito.

Per presentare il Movimento Di Maio ha avuto subito un “lungo” colloquio al dipartimento di stato con Conrad Tribble, vice assistente del segretario di stato per gli affari europei. “Il dipartimento di stato ha espresso apprezzamento per le nostre posizioni, abbiamo eliminato le demonizzazioni del movimento sulla politica estera”, ha commentato, dicendosi “molto soddisfatto”.

Poi, sempre accompagnato dall’ambasciatore italiano a Washington Armando Varricchio, ha avuto alcuni incontri bipartisan a Capitol Hill, dove si sta discutendo la riforma fiscale di Trump che il M5S “vorrebbe riprodurre anche in Italia, abbattendo le tasse sulle imprese”.

Tra gli esponenti di spicco l’italo-americano Steve Scalise, numero tre dei repubblicani alla Camera. In agenda anche il deputato Francis Rooney, ex ambasciatore Usa presso la Santa Sede dal 2005 al 2008. Spazio pure ai dem, con il liberale Eliot Engel e Albio Sires, della commissione esteri della Camera. A suggellare la visita una tavola rotonda in ambasciata con esponenti italiani del settore biomedico e un incontro con rappresentanti italiani delle istituzioni finanziarie in Usa.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora