Archivio tag | "Fed"

Tags: , , , , ,

Dalla Fed a Maduro, le due facce del Bitcoin

Pubblicato il 04 dicembre 2017 da ansa

(Photo credit: GettyImages)

 

NEW YORK. – Il Bitcoin tenta la Fed, ma anche il presidente venezuelano Nicolas Maduro. La banca centrale americana pensa a un Fedcoin, una valuta digitale tutta sua con controlli e supervisione. Maduro invece valuta un Bitcoin bolivariano, il ‘petro’.

Due tendenze che mettono in evidenza le due facce del fenomeno criptovalute: da un lato l’interesse delle banche centrali e l’esigenza, ribadita anche dal presidente del parlamento europeo Antonio Tajani, di imporre regole così da evitare che le criptovalute vengano usate per scopi illeciti, come il riciclaggio. Dall’altra Maduro e il suo Venezuela sempre più isolato dalle sanzioni americane che intravede nel Bitcoin una via di uscita.

La valuta digitale è già diffusa in Venezuela, dove i più ricchi la usano per acquistare beni americani aggirando le sanzioni ma anche per spostare denaro fuori dal paese, evitando così di vedere la loro fortuna andare all’aria con la crisi economica. Il “petro”, così come Maduro intende chiamare il Bitcoin bolivariano, “ci consentirà di andare avanti con la nostra sovranità monetaria nazionale e sconfiggere il blocco finanziario” imposto dagli Stati Uniti, dice il presidente del Venezuela, spiegando senza entrare nei dettagli che il “petro” si appoggerà sulle riserve naturali di petrolio, gas oro e diamanti del Paese.

La febbre da Bitcoin contagia anche la Fed: anche se ”è molto prematuro parlare di un’offerta di valute digitali da parte della Fed, è qualcosa a cui stiamo pensando” afferma il presidente della Fed di New York, William Dudley, mostrando come la curiosità con cui la banca centrale ha guardato alle valute elettroniche finora si sta trasformando in qualcosa di diverso e potrebbe tradursi in un Fedcoin.

L’apertura della Fed arriva a pochi giorni al lancio negli Stati Uniti del primo future legato al Bitcoin: bruciando sul tempo il colosso dei derivati CME, il Cboe Global Markets annuncia che il 10 dicembre esordirà il suo primo future sulle criptovaluta. Sarà introdotto alle 17.00 del pomeriggio ora locale, con la prima giornata completa di scambi l’11 dicembre. A guardare con interesse, e preoccupazione, al Bitcoin è anche il Tesoro inglese, che annuncia una stretta con norme più stringenti per stroncare l’uso della moneta virtuale da parte di organizzazioni criminali o evasori fiscali.

Commenti (0)

Tags: ,

La corsa per la presidenza della Fed entra nel vivo. Trump vede Yellen

Pubblicato il 16 ottobre 2017 da ansa

Yellen e Trump.

 

NEW YORK. – La corsa per la presidenza della Fed entra nel vivo. Il presidente Donald Trump è rimasto positivamente colpito dall’economista di Stanford John Taylor e nei prossimi giorni, probabilmente giovedì, ha in calendario un incontro con Janet Yellen. Il finora favorito nella corsa Kevin Warsh sembra invece perdere consensi all’interno della Casa Bianca.

Il tempo a disposizione per nominare il presidente della Fed inizia a stringere. Il mandato dell’attuale presidente Yellen scade in febbraio e servono i tempi tecnici per la conferma in Congresso della nomina. Per Yellen la partita resta aperta: potrebbe conquistare un secondo mandato ma, secondo gli osservatori, le sue chance sono poche.

L’attesa è alta: gli occhi di Wall Street sono puntati su Trump e la sua decisione. Così come l’ex vice presidente della Fed Stanley Fischer, anche Ben Bernanke si schiera per la riconferma di Yellen. ”Ha ispirato fiducia ai mercati” dice l’ex presidente della banca centrale, a cui molti riconoscono il merito di aver salvato l’economia mondiale tagliando i tassi a zero e varando vari piani di quantitative easing.

Se il presidente Trump ritiene la Borsa un ”barometro del suo successo, allora dovrebbe nominare qualcuno che ispira fiducia ai mercati” spiega Bernanke. E questo qualcuno, a suo avviso, è Yellen. Trump ha cambiato più volte idea sull’attuale presidente della Fed, criticandola prima e poi esprimendole il suo apprezzamento. L’imprevedibilità di Trump, anche per la nomina del presidente della Fed, è uno dei timori maggiori perché una scelta impulsiva sulla banca centrale potrebbe avere conseguenze pesanti e durature.

La politica monetaria della Fed influenza infatti l’economia mondiale, e la scelta di una ‘colomba’ o di un ‘falco’ incide a livello globale. L’attenzione è alta anche fra gli altri banchieri centrali che, pur non esprimendosi, dietro le quinte seguono con attenzione il processo decisionale in attesa di una schiarita.

Commenti (0)

Tags: , ,

Fed gela Wall Street. Porta aperta al rialzo dei tassi a giugno

Pubblicato il 19 maggio 2016 da redazione

ws

NEW YORK. – Un aumento dei tassi di interesse a giugno è possibile: ”potrebbe essere appropriato” se l’economia continuerà a migliorare. La Fed lascia al porta aperta a una stretta il prossimo mese, a dispetto delle attese del mercato che già dava per quasi scontato un rialzo dei tassi Usa a luglio se non dopo l’estate.

Immediata la reazione di Wall Street che brucia i guadagni di giornata e gira in negativo. Pur non impegnandosi ad agire, il solo affermare la possibilità reale di una stretta è una doccia fredda che delude le attese e spiazza gli investitori, creando confusione. E contribuendo ad alimentare le critiche sulla comunicazione non efficace della Fed.

L’obiettivo della banca centrale è lasciarsi spazio di manovra, che le consenta di agire a fronte degli sviluppi interni all’economia americana, fra i quali anche le elezioni, e quelli esterni.

”La maggior parte dei partecipanti ritiene che se i prossimi dati saranno in linea con un rafforzamento della crescita economica nel secondo trimestre, che se le condizioni sul mercato del lavoro continueranno a migliorare e l’inflazione a muoversi verso l’obiettivo del 2%, allora potrebbe essere appropriato aumentare i tassi in giugno” si legge nei verbali della riunione del 26 e 27 aprile.

Il prossimo appuntamento della Fed è il 14 e 15 giugno, quando la riunione sarà seguita dalla conferenza stampa del presidente Janet Yellen. L’occasione sembrerebbe quindi favorevole perché consentirebbe alla banca centrale di spiegare nel dettaglio la propria decisione di un eventuale rialzo.

Ma a distanza di pochi giorni è in programma il referendum sulla Brexit, che potrebbe causare sui mercati volatilità. Un eventuale addio della Gran Bretagna all’Unione Europea e i tassi di cambio sono fra i rischi all’economia globale citati dalla Fed. Rischi che, complessivamente, sono ”diminuiti” rispetto a marzo, ma che vanno ”monitorati da vicino”.

Già nei giorni scorsi alcuni membri della Fed avevano paventato la possibilità di una stretta a giugno, definendo i mercati troppo pessimisti sulle prospettive degli Stati Uniti. Un pessimismo che li ha spinti – afferma Dennis Lockhart, il presidente della Fed di Atlanta – a sottovalutare le chance di una stretta.

Commenti (0)

Ultima ora

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

Archivio Ultima ora