Archivio tag | "manifestazioni"

Tags: , , ,

Pensioni: Cgil in piazza con la sinistra, presto nuova mobilitazione

Pubblicato il 02 dicembre 2017 da ansa

Un momento della manifestazione nazionale per pensioni e lavoro organizzata dalla CGIL a Torino, 2 dicembre 2017. ANSA / ALESSANDRO DI MARCO

 


ROMA. – La Cgil scende in piazza, con manifestazioni in cinque città, attacca il governo che “ha chiuso le porte” e “disatteso gli impegni” sulla previdenza, come dice più volte la segretaria generale Susanna Camusso. Chiede una “svolta” su pensioni, lavoro e giovani e già prepara una nuova “mobilitazione generale”. Mentre lancia una proposta a Cisl e Uil con cui “bisognerà ricostruire i fili” dell’unità.

Al fianco della Cgil c’è anche la sinistra, con esponenti di Mdp, Sinistra italiana e Possibile (alla vigilia dell’assemblea per la nascita della lista unitaria, alla quale sarà presente la stessa Camusso), di Campo progressista e Rifondazione comunista.

‘Pensioni, i conti non tornano’ è lo slogan della mobilitazione che accompagna i cortei nelle cinque piazze – a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari – e l’intervento di Camusso dal palco della capitale, in collegamento con le altre città.

Una vertenza che resta aperta, perché bisogna cambiare “una legge profondamente ingiusta”, fermare il meccanismo automatico sull’innalzamento dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, ripete Camusso, che proietta l’Italia, “unico Paese al mondo”, ad una rincorsa “continua, eterna”.

Bisogna dare risposte ai giovani, garantendo loro “un lavoro dignitoso ed un futuro previdenziale”, e alle donne, partendo dal riconoscere il lavoro di cura. Il tema è dare queste risposte e “cambiare la legge Fornero. Siamo stanchi di spot elettorali”, rimarca da Palermo l’ex leader della Fiom ed attuale segretario nazionale della Cgil, Maurizio Landini.

La “priorità” resta il lavoro, dice ancora Camusso dal palco, e la sua “qualità”. Così come l’attenzione resta sulla reintroduzione piena dell’articolo 18, che “non è un totem ideologico, come dice l’ex premier – è la replica a Renzi -, ma è una necessità concreta per superare le divisioni nei luoghi di lavoro”.

Ci sono poi i contratti pubblici, che “vogliamo davvero si rinnovino, non solo che vengano annunciati”. Ci sono i lavoratori: Camusso parla dello sciopero dei lavoratori di Amazon (che “hanno squarciato un velo sulle condizioni vere di lavoro”) e del licenziamento da parte dell’Ikea di “Marika” (“non può avere un turno che concili le esigenze familiari!”), della stabilizzazione di tutti i 18 mila ex Lsu che operano come ausiliari scolastici (non solo di Palermo) e dei precari della ricerca (“bisogna mettere le risorse”) fino alla vertenza della modenese Castelfrigo.

“Oggi è la prima mobilitazione, ma non ci fermiamo”, afferma Camusso in chiusura: “Continueremo nei prossimi giorni. In parlamento presidieremo la discussione sulla legge di bilancio e continueremo a chiedere ai gruppi parlamentari di intervenire per modificarla. Continueremo ad organizzare assemblee e scioperi nei luoghi di lavoro per sostenere le nostre vertenze”. E “a lavorare per preparare la prossima mobilitazione generale che, ve lo posso assicurare, non è lontana nel tempo”.

Con Cisl e Uil bisogna intanto ricucire. “Lo diciamo con amarezza: facciamo fatica a capire perché ci siano giudizi diversi” sull’esito del confronto con il governo, premette Camusso. “Li rispettiamo, ovviamente, ma sono lontani dalla piattaforma” unitaria sulla previdenza messa a punto un anno fa.

“Noi vogliamo ritessere i fili unitari” e, quindi, “proponiamo a Cisl e Uil di definire insieme delle regole comuni” su come affrontare le vertenze, su come ‘misurare’ i risultati, tra i sindacati e tra i lavoratori, rispetto alle richieste contenute in una piattaforma unitaria. “Perché sappiamo bene che quando si è divisi si è più deboli”.

Pronta la replica della Uil: “Per noi l’unità sindacale è una scelta strategica”, afferma il segretario generale Carmelo Barbagallo.

“Il sindacato è il sindacato, noi siamo qui per sostenere una battaglia”, afferma dalla piazza l’ex leader della Cgil ed ora deputato di Mdp, Guglielmo Epifani. “Questa piazza chiede un cambiamento profondo, non stampelle alle politiche sbagliate di questi anni”, dice Alfredo D’Attorre, deputato di Mdp.

È “necessario continuare a battersi. Il sindacato fa le sue battaglie e chi le condivide sta in piazza con il sindacato. Non c’entra nulla la politica”, dice il segretario di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni. “Siamo qui perché ci batteremo nella manovra per dar seguito anche ad alcune richieste che ha fatto la Cgil”, afferma Marco Furfaro di Campo progressista.

Commenti (0)

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora