Archivio tag | "Meloni"

Tags: , ,

Nel centrodestra nodo candidature. Meloni lancia le primarie

Pubblicato il 04 dicembre 2017 da ansa

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia a Porta a Porta.

 

 


ROMA. – Primarie e liste pulite, oltre a fermo “no” a qualsiasi prospettiva di larghe intese, che siano con il Pd o con il M5S. All’indomani del congresso di Trieste Giorgia Meloni ribadisce alcune delle condizioni chiave che Fdi pone a FI e Lega per la coalizione di centrodestra.

Una coalizione dove resta più che mai aperto il nodo delle candidature e della premiership, con Meloni che propone primarie in ogni collegio laddove Matteo Salvini rimanda la questione al giorno delle elezioni, quando emergerà chi, tra i tre alleati, avrà preso più voti.

Insomma, in attesa di un nuovo incontro Meloni, Salvini e Silvio Berlusconi appaiono piuttosto distanti. E se fino a qualche tempo fa l’asse tra Lega e Fdi sembrava saldissimo, negli ultimi giorni anche il sodalizio dei due alleati più a destra sembra vacillare. Del resto, con il congresso di Fdi, Meloni candida il suo partito a essere una forza del Nord “invadendo”, di fatto, un campo storicamente legato al Carroccio.

In Sicilia, “abbiamo dimostrato che quando diamo un’indicazione è quella vincente, non siamo un un vaso di coccio”, è il refrain che emerge dal quartier generale di Fdi all’indomani del Congresso. Un Congresso dopo il quale Meloni chiede con ancor più forza un accordo sul programma con un duplice appello: “da Salvini voglio sapere se è d’accordo con il presidenzialismo, da Berlusconi se concorda”, in chiave europea, “con la clausola di sovranità”, spiega Meloni rilanciando anche l’urgenza di un controllo interno sulle liste e di primarie che, “nel modo più meritocratico possibile”, individuino i candidati nei collegi uninominali.

Sul tema, Salvini per adesso resta in silenzio. Ma a fare rumore, in merito al leader leghista, è la foto postata da “Vento ribelle” che ritrae Salvini imbavagliato davanti al simbolo delle Br e con il commento “ho un sogno”. “Questa è vera violenza. Non mi fanno paura, mi danno ancora più forza: andiamo a governare”, sottolinea Salvini rimandando, implicitamente, alle polemiche scoppiate sulle sue posizioni rispetto al blitz naziskin a Como.

E al leader leghista arriva una solidarietà bipartisan: oltre al centrodestra anche il Pd (“un post indegno”) e Sinistra Italiana (“solidali ma rifletta sulla violenza”) intervengono sul tema laddove uno degli amministratori del profilo “Vento Ribelle”, Davide Codenotti derubrica il post a mera “satira”.

E’ in pieno fermento, intanto, la cosiddetta “quarta gamba” della coalizione di centrodestra. “Benedetta” da Berlusconi, la gamba centrista continua a allargarsi e domani, a quanto si apprende da fonti parlamentari, vedrà riunite al tavolo tutte le sue anime: dall’Udc a Fare, fino a Saverio Romano, con più di un piede – assieme ad altri parlamentari – fuori dal gruppo Ala. Un gruppo che, come spiega Enrico Zanetti di Sc, unendosi in un unico listone ha l’ambizione di superare il 3%.

(di Michele Esposito/ANSA)

Commenti (0)

Tags: , , ,

Tensione con Berlusconi, Salvini boccia i sondaggi per i candidati

Pubblicato il 16 ottobre 2017 da ansa

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

 

ROMA. – Un’iniziativa insieme mercoledì a Milano per mettere a tacere i dubbi sul disinteresse di Silvio Berlusconi per il referendum sull’autonomia di Veneto e Lombardia. E così mercoledì il leader di Forza Italia (dopo aver dato forfait all’iniziativa organizzata dal partito sabato scorso perchè impegnato ad Ischia) sarà insieme al governatore della Lombardia Roberto Maroni per tirare la volata finale alla campagna per il sì alla consultazione popolare.

Un’iniziativa che rinsalda l’asse tra l’ex premier ed il presidente lombardo rispetto alla sfida per la leadership che vede il Cavaliere a duello con Matteo Salvini. Segretario della Lega che coglie l’occasione di tirare una bordata al Cav dicendo no a candidature in base ai sondaggi, “come a X Factor”. Un modo -prosegue il leader il Carroccio – per prendere per scema la gente”. Quindi il rilancio: scegliamo i migliori a prescindere dalla tessera che hanno in tasca”.

Berlusconi, in un messaggio su facebook per ringraziare per l’accoglienza ricevuta ad Ischia, rilancia a modo suo il tema della leadership chiarendo che “dopo 4 governi non eletti è tempo che il popolo scelga il leader”. E se Roberto Maroni ha definito “immortale” la leadership del Cavaliere precisando però che la guida del centrodestra andrà a chi “prende più voti”, Salvini invece non ha dubbi: “A marzo sarò premier”, dice ai microfoni del programma di radiouno un giorno da pecora dovendo scommettere tra diventare presidente del Consiglio o sposare la sua compagna.

Un dibattito, quello sulla leadership, da cui si chiama fuori Giorgia Meloni che bolla la discussione come “machista” ricordando che il leader non si sceglie “tramite un editto”. A dividere però non è tanto il discorso su chi guiderà la coalizione, argomento (è opinione di tutti e tre i leader) di cui è presto discutere.

A creare malumori, dopo l’ok alla legge elettorale da parte di Lega e Forza Italia rispetto a Fdi, è l’asse tra gli azzurri ed i leghisti sul referendum rispetto alla Meloni ed il conseguente ‘gelo’ con il segretario del Carroccio. Nonostante Salvini ribadisca di non aver litigato con la Meloni (“io vado d’accordo con tutti”), la leader di Fratelli d’Italia insiste nel bocciare la consultazione popolare: “Ho fondato, un partito, che si chiama non a caso ‘Fratelli d’Italia’ e che, diciamo, ha il pallino dell’unità nazionale”.

I nodi restano anche se l’ultimo sondaggio Demos pubblicato dal quotidiano la Repubblica evidenzia che il centrodestra unito è primo con il 34% dei consensi. Numeri che invitano i partiti a superare le divergenze nonostante la leader di Fdi continui a dirsi convinta che l’attuale legge elettorale “ci consegnerà un governo Renzi-Berlusconi ed un parlamento di nominati”. E che sia una “legge pessima fatta nell’interesse dei partiti e non dei cittadini”.

Gli occhi ora sono puntati sulle elezioni siciliane che rappresentano un test decisivo per la coalizione, sopratutto se saranno confermati i sondaggi che attestano il candidato del centrodestra, Nello Musumeci, saldamente in testa nella corsa per la guida della regione.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

Archivio Ultima ora