Archivio tag | "motociclismo"

Tags: ,

Amarcord: Ivan Palazzese il bambino prodigio del motociclismo

Pubblicato il 03 gennaio 2018 da redazione

 

Palazzese

 

CARACAS – In una occasione, il mito del motociclismo Valentino Rossi ha detto: “La moto non è solo un pezzo di ferro, anzi, penso che abbia un’anima perché è una cosa troppo bella per non avere un’anima. La moto è come una bella donna, delle volte è arrabbiata, delle volte ti dà grandi soddisfazioni, ma devi sempre stare attento a non farla arrabbiare”.

Sicuramente, se l’italo-venezuelano Ivan Palazzese, non avesse perso la vita nel 1989, ci direbbe qualcosa di simile.

Il centauro nasce ad Alba Adriatica (Teramo) il 2 gennaio del 1963. Giovanissimo emigra con la famiglia in Venezuela, dove sboccia la sua passione per le motociclette.

Durante la sua carriera, il pilota abruzzese non ha mai nascosto di essere molto scaramantico e non ha mai nascosto la paura di morire in pista. Ma questo timore non ha mai influito nel suo stile di guida, anzi la sua abilità in sella alla moto l’ha catapultato giovanissimo tra i protagonosti del motomondiale con la scuderia creola Venemotos dove aveva come compagno di squadra un certo Carlos Lavado.

A causa dell’età, per il tanto desiderato esordio nel Campionato del Mondo di Motociclismo ha dovuto attendere fino al 1980. L’anno sucessivo, quando lo spagnolo Nieto padroneggiava nel Mondiale, l’italo-venezuelano dimostrava che poteva essere la spina nel fianco del centauro di Zamora. Durante la stagione del 1981, Palazzese chiuse al settimo posto della classifica generale. In questo campionato il miglior risultato fu il secondo posto ottenuto in Sudafrica sulla pista di Jarama soltanto superato da Nieto.

Il suo anno migliore è però il 1982, quando vince due Gran Premi in 125 (Svezia e Finlandia) piazzandosi al terzo posto nella classifica iridata, dietro alle Garelli di Ángel Nieto ed Eugenio Lazzarini. Ma questo giovane puntava in alto, ha gareggiato anche nella 250 cc, qui non ebbe tanta fortuna. Nel quarto di litro sono state tante le cadute, quella che molti tifosi ricordano avvenne sulla pista di Jarama (in quel momento era nelle prime posizioni) e a Monza (durante l’ultimo giro quando stava lottando per la vittoria). Nella gara andata in scena sull’autodormo lombardo l’incidente avvenne dopo uno scontro ‘Sito’ Pons.

Poi, la mancanza di risultati e la difficile convivenza con il connazionale Carlos Lavado costerà a Palazzese il licenziamento dal team Venemotos a metà 1985.

Durante questo periodo di pausa forzata, il campione nato ad Alba Adriatica, é stato coinvolto in un incidente extrasportivo dove rischia anche la vita. Palazzese si avventurò ad aiutare una ragazza che era stata derubata rimanendo ferito da due colpi di pistola.

Fuori dalle piste, Ivan lavorava insieme a suo zio che aveva una ditta di costruzioni. Un giorno quando pensava che la sua storia con le moto fosse finita, riceve una visita di alcuni membri della Yamaha per farlo ritornare nel mondo che lui tanto amava. Nonostante la moto a disposizione non gli permettesse di essere competitivo, dimostrò nuovamente il suo talento attirando l’attenzione dell’Aprila.

Divenuto ufficiale Aprilia per la stagione 1989, il 28 maggio di quell’anno, durante il secondo giro del GP di Germania, ad Hockenheim, si scontra accidentalmente con Fabio Barchitta nel tentativo di evitare l’austriaco Andreas Preining, caduto a causa di un grippaggio.

In questo modo Ivan Palazzese, il ragazzo prodigio che diede filo da torcere a campioni del calibro di Ángel Nieto ed il suo connazionale Carlos Lavado, vedeva sfumare non solo il suo sogno di diventare campione del mondo, ma perse anche la cosa più preziosa: la vita.

Fioravante De Simone

Commenti (0)

Ultima ora

14:06Prof arrestato a Roma al Gip: ero innamorato, chiedo scusa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "E' tutto vero quello che è successo, ma io ero innamorato di lei. Una cosa del genere non mi era mai successa in 25 anni di insegnamento. E' stato un rapporto consenziente". Così il professore Massimo De Angelis, arrestato a Roma per violenza sessuale ai danni di una sua alunna di 15 anni, si è difeso davanti al gip nel corso dell'interrogatorio di garanzia. Il docente del liceo privato 'Massimo' della capitale é accusato di aver abusato di una studentessa di 15 anni. "Chiedo scusa a tutti, a cominciare dai genitori della ragazza. Ho tradito me stesso, gli studenti, i miei colleghi e l'istituto", ha detto De Angelis, difeso dall'avvocato Fabio Lattanzi. Il professore, rispondendo alle domande del magistrato, ha ammesso i fatti che gli sono stati contestati dalla Procura di Roma.

14:05Giù da vagone per biglietto irregolare, capotreno condannato

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - E' polemica in Veneto dopo la condanna a 20 giorni inflitta dal Tribunale di Belluno ad un capotreno per tentata violenza privata. L'uomo aveva fatto scegliere dal convoglio nel 2014 alla stazione di Santa Giustina un nigeriano, all'epoca residente nel padovano ma ora lontano dall'Italia perché espulso, ritenendo che non avesse obliterato il biglietto. "Piena e totale solidarietà al capotreno coinvolto in una vicenda incomprensibile per la gente comune, e a tutti i lavoratori delle Ferrovie dello Stato" viene espressa dal governatore Luca Zaia.

13:50Russia: Navalni presenta ricorso a ‘presidium’ Corte Suprema

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Alexei Navalni ha presentato ricorso al 'presidium' della Corte Suprema russa per contestare la sua esclusione alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. "Abbiamo presentato un ricorso in cui chiediamo al presidium della Corte Suprema di invertire le decisioni prese dai tribunali di grado inferiore", ha detto a Interfax Ivan Zhdanov, avvocato di Navalni. La Corte Suprema ha dichiarato a Interfax che il tribunale ha ricevuto il ricorso ma la data in cui sarà preso in considerazione non è stata fissata. Il 25 dicembre scorso la Commissione Elettorale Centrale russa ha deciso di non registrare il gruppo di elettori creato per sostenere la candidatura di Alexei Navalni alle presidenziali (escludendolo di fatto dalla corsa al Cremlino). Il 30 dicembre la Corte Suprema ha respinto l'appello di Navalni contro la decisione della Commissione.

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

13:34Lega: Sollecito, Bongiorno? spero che ce la faccia

(ANSA) - PERUGIA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno può dare un contributo importante per una giustizia che dia fiducia": ne è certo Raffaele Sollecito, difeso dalla penalista, ora candidata per la Lega alle prossime elezioni, nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher terminato con l'assoluzione dell'ingegnere informatico. Il quale ha commentato con l'ANSA la notizia. "Sono contento della sua candidatura, spero che ce la faccia" ha detto Sollecito parlando dell'avvocato Bongiorno. "Certo - ha aggiunto -, se avrò la possibilità le darò il mio voto". Il giovane parla del legale come di "una persona oculata". "Non prende mai - ha proseguito - decisioni a caso ma le sue azioni sono sempre ponderate. E' una persona corretta - ha concluso Sollecito - che non dà mai adito a sorprese". (ANSA).

13:34Maltempo, l’aeroporto di Amsterdam sospende tutti i voli

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - L'aeroporto Schiphol di Amsterdam ha sospeso oggi tutti i voli e le ferrovie nazionali olandesi hanno bloccato tutti i treni a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese. Lo scalo ha annunciato in un tweet che i voli sono sospesi "fino a nuovo avviso" in seguito al maltempo. La Klm aveva giù annullato oltre 200 voli prima dell'arrivo della tempesta.

13:27Siria: Ong, 110.000 bambini in fuga da Idlib

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nelle ultime settimane "oltre 110.000 bambini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti in corso a Idlib, nel nord della Siria, in un nuovo grave movimento di sfollati interni". Lo denuncia Save The Children in un comunicato. "L'escalation dei combattimenti nella parte meridionale di Idlib - su legge nel testo - ha dato luogo a uno dei più gravi spostamenti di massa ai quali si è assistito in Siria dall'inizio del conflitto". Oltre 7.000 persone "in media, si spostano ogni giorno. I bombardamenti hanno portato alla chiusura centinaia di scuole e raso al suolo case e ospedali. Molti hanno trovato rifugio all'aperto, dove sono esposti a temperature gelide, o in edifici abbandonati".

Archivio Ultima ora