Archivio tag | "Obamacare"

Tags: ,

Trump cambia Obamacare e riduce le coperture per la contraccezione

Pubblicato il 06 ottobre 2017 da ansa

Donald Trump

WASHINGTON – Modificando l’Obamacare, l’amministrazione Trump ha esteso le esenzioni che consentono ai datori di lavoro di non pagare per le proprie dipendenti i costi legati alla prevenzione delle nascite, ossia i metodi contraccettivi come la pillola. Le esenzioni saranno possibili non più solo sulla base delle convinzioni religiose, come già previsto da un ordine esecutivo dello scorso maggio per le organizzazioni religiose, ma anche sulla base delle convinzioni morali. E saranno estese anche alle aziende pubbliche.

Commenti (0)

donald-trump-tax-plan

Tags: , ,

Trump rilancia sulle tasse dopo Obamacare e Alabama

Pubblicato il 27 settembre 2017 da redazione

Obamacare

Trump rilancia sulle tasse dopo Obamacare e Alabama

 

WASHINGTON. – Tra mille grane, vecchie e nuove, come lo scontro sull’Obamacare che ormai si trascina da mesi e la fresca batosta elettorale in Alabama, Donald Trump spariglia e punta tutto sulla riforma fiscale che nella sua visione abbatterà le tasse per le aziende e i super ricchi e regalerà un raddoppio delle deduzioni alla classe media. Senza peraltro abbandonare il suo cavallo di battaglia: quello delle Fake News con una sfuriata contro Facebook che, dice, “è contro di me”.

Tenta così il presidente degli Stati Uniti di sviare l’attenzione dal nuovo schiaffo, doppio, con l’affossamento della revoca di Obamacare e la sconfitta del suo candidato alle primarie repubblicane nella corsa al seggio dell’Alabama al Senato. Lascia quindi Washington per Indianapolis pronto ad illustrare la sua riforma fiscale che, continua a ripetere, non è una riforma per ricchi.

Ai nastri di partenza adesso quindi, con il testo-quadro elaborato dai repubblicani, che dovrà essere discusso e approvato in Congresso per diventare legge, quindi firmato dal presidente per entrare in vigore. E Trump ha già dettato i parametri. Sono due le ‘linee rosse’ che non intende superare: la ‘corporate tax’ deve essere ridotta al 20% – “Sempre stato quello il mio obiettivo, avevo parlato del 15% per ottenere il 20”, ha spiegato circa la discrepanza rispetto alle cifre auspicate dalla Casa Bianca – e quanto si recupera dai tagli deve andare a favore della classe media con cospicue deduzioni.

Il documento preparato dai Repubblicani in nove pagine contempla anche tagli per le classi più abbienti (ma su questo non c’è accordo), la classe media e le imprese mantenendo allo stesso tempo deduzioni per incoraggiare l’acquisto di case e sulle donazioni caritatevoli. La base su cui negoziare, anche con i democratici.

Sull’intesa con i democratici Trump punta anche per portare a casa un accordo sulla Sanità. Tema su cui azzarda pure una rimonta, annunciando un ordine esecutivo a breve, quasi una dimostrazione di forza per aggirare l’ostacolo ad oggi insormontabile al Senato, e per mano proprio dei repubblicani.

Perché il voto su Obamacare ci sarà, afferma con fare sicuro, ma non adesso. “A gennaio, febbraio o marzo… ” per motivi tecnici -spiega- ma anche perché uno dei senatori per il sì si trova in ospedale. Proprio il suo rapporto con i repubblicani, che a oltre nove mesi dal suo arrivo a Washington non ha ancora connotati definiti, gli ha dato l’ennesimo dispiacere.

Questa volta il presidente aveva scelto di allinearsi all’establishment, scelta che non ha pagato: nel ballottaggio in Alabama alle primarie del partito – valide per un seggio in Senato – Roy Moore, il candidato populista, ultraconservatore ed evangelico appoggiato da Steve Bannon e Sarah Palin, ha sconfitto il senatore Luther Strange sostenuto da Trump e dai vertici del Grand Old Party.

A Washington poi spunta un altro ‘caso’, con il ministro della Sanità Tom Price scoperto ad usare i più costosi jet privati per le sue trasferte invece che aerei di linea. Una commissione della Camera indaga, mentre Trump mette le mani avanti: “Stavo esaminando ed esaminerò la cosa. Non sono contento” dice ai giornalisti, e alla domanda se intende licenziare Price, risponde: “vedremo”.

In tutto questo il presidente resta attivissimo su Twitter, da dove si scaglia contro un altro social media, Facebook, accusandolo di essere stato sempre contro di lui, dopo che la creatura di Zuckerberg ha annunciato che collaborerà col Congresso nell’ambito dell’inchiesta sul ‘Russiagate’. “Facebook è stato sempre anti-Trump, ma la gente è con me”. Ha twittato Trump, tornando ad attaccare anche il New York Times e il Washington Post con l’accusa di veicolare ‘fake news’ contro di lui: “Collusione?”, si chiede quindi.

Commenti (0)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora