Archivio tag | "onu"

Onu: “683 bambini uccisi e mutilati in Yemen dai militari sauditi”

Tags: ,

Onu: “683 bambini uccisi e mutilati in Yemen dai militari sauditi”

Pubblicato il 06 ottobre 2017 da ansa

La sede dell’Onu di New York

NEW YORK – Sono 683 i bambini uccisi, feriti o mutilati in Yemen da parte della coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita. Lo afferma il rapporto del segretario generale dell’Onu sui minori nei conflitti armati.

La coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita è stata inserita nella lista nera, anche se le viene riconosciuto di aver messo in atto misure per migliorare la protezione dei bambini.

Commenti (0)

Terrorismo: l’Italia punta su strategia globale, non solo su mezzi militari

Tags: ,

Terrorismo: l’Italia punta su strategia globale, non solo su mezzi militari

Pubblicato il 28 settembre 2017 da redazione

La sede dell’Onu di New York

NEW YORK – Il terrorismo non si batte solo con mezzi militari. Serve una strategia globale che ne affronti le cause alla radice, ha detto del Sottosegretario generale Vladimir Voronkov, capo del nuovo ufficio Onu per l’anti-terrorismo. Cardi ha ricordato il ruolo guida dell’Italia nel contrasto a tutte le forme di finanziamento attraverso la lotta al traffico illecito di beni culturali e al riciclaggio, e, allo stesso tempo a sostegno di iniziative che affrontino alla base le cause dell’estremismo violento: dal focus sulla radicalizzazione nelle carceri e il sostegno ai programmi dell’ufficio dell’inviato speciale per i giovani.

Se non l’unica via, la lotta al terrorismo ha anche una componente militare. Cardi ha ricordato che le forze armate italiane forniscono il secondo contingente della coalizione anti-Daesh e quotidianamente sostengono le autorità irachene attraverso l’addestramento di migliaia di uomini e donne su vari fronti, dall’intelligence e il law enforcement, al controllo delle frontiere e la polizia.

Commenti (0)

Tags: , ,

Alfano all’Onu: “Contro terrorismo Italia mette cultura al primo posto”

Pubblicato il 21 settembre 2017 da ansa

Alfano mette cultura al primo posto in lotta al terrorismo

Angelino Alfano

ROMA – “Oggi da internet possiamo scaricare praticamente tutto, ma non i valori etici. Eppure proprio questi devono costituire il nostro ‘browser morale’, perché senza di essi siamo disconnessi e rischiamo di non essere in grado di rispondere adeguatamente ad atrocità su vasta scala”. : links and common responsibilities”, organizzato dall’Italia a margine della 72ma Assemblea generale delle Nazioni Unite (Unga), alla presenza tra gli altri dell’alto rappresentante Ue, Federica Mogherini, e dei direttori di Unesco e e Unodc.

Lo rende noto la Farnesina. “Oggi vediamo che in Siria, Iraq, Afghanistan e Mali, alla brutalità dei crimini contro l’umanità si affiancano crimini di ‘pulizia culturale’, terribili distruzioni di patrimoni culturali inestimabili. Anch’essi devono essere considerati crimini contro l’umanità: l’intenzionale distruzione del capitale culturale di un popolo costituisce un enorme ostacolo alla pace, impedendo il dialogo e la riconciliazione e fomentando odi che si perpetuano per generazioni”, ha aggiunto il ministro.

“Per questo l’Italia ha posto la cultura al centro dell’agenda per la pace e la sicurezza internazionali, promuovendo insieme alla Francia la risoluzione 2347 del Consiglio di Sicurezza, la prima a difesa del patrimonio culturale in quanto fattore di sicurezza globale. Chiediamo che la protezione della cultura sia inclusa nei mandati delle operazioni internazionali di peacekeeping, secondo il modello già adottato in Mali”.

“Siamo convinti che la cultura debba unire, non dividere: è questo il messaggio di fondo dell’iniziativa Unesco Unite4Heritage, di cui ci onoriamo di essere tra i più convinti sostenitori. La tragedia di Daesh ci ha insegnato che la cultura è più potente di una bomba, più forte del terrorismo: per questo abbiamo ospitato a Firenze il G7 della cultura, riproducendo per l’occasione una replica dell’arco di Palmira. E vogliamo tributare i giusti onori alla memoria di Khaled al-Asaad, custode dei tesori di Palmira trucidato da Daesh: spesso gli archeologi sono i nostri migliori diplomatici. Perché il legame tra cultura e pace va difeso. Non è solo un dovere morale, ma un imperativo politico e di sicurezza”, ha concluso Alfano.

Commenti (0)

La sede dell’Onu di New York

Tags: ,

Onu, il segretario generale condanna gli abusi sessuali: “Sono piaga mondiale”

Pubblicato il 19 settembre 2017 da ansa

Onu condanna abusi sessuali

La sede dell’Onu di New York

NEW YORK- Gli abusi sessuali non devono avere alcun posto nel mondo, e nessuno può coprire tali crimini con la bandiera dell’Onu. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, è furioso e promette tolleranza zero verso chi si macchia di questi reati, in particolare se si tratta di membri delle missioni di pace.

“Non tollereremo nessuno che commetta o permetta sfruttamento e abusi sessuali”, ha tuonato il leader del Palazzo di Vetro nel corso di un evento di alto livello a margine dei lavori dell’Assemblea Generale, a cui ha preso parte anche il sottosegretario agli Esteri, Enzo Amendola.

“Siamo qui per prendere azioni coraggiose, urgenti e necessarie per sradicare lo sfruttamento sessuale e l’abuso una volta per tutte nelle Nazioni Unite”, ha affermato Guterres, spiegando che gli abusi sessuali vanno oltre le missioni di pace, ma rappresentano una piaga per tutta l’organizzazione.

“Non possiamo permettere che gli atti indicibili commessi da pochi offuschino il lavoro di migliaia di uomini e donne che difendono i valori della Carta dell’Onu, spesso con grande rischio personale e sacrificio”, ha proseguito Guterres, ribadendo che “ogni vittima merita giustizia e il nostro pieno sostegno”.

Sino ad ora 33 capi di stato e 24 capi di governo, tra cui il premier italiano Paolo Gentiloni, hanno risposto al suo invito entrando a far parte di un forum internazionale – il ‘Circle of Leadership’ – sulla prevenzione e la risposta allo sfruttamento e abusi sessuali nelle operazioni dell’organizzazione.

Nei mesi scorsi i caschi blu sono finiti a più riprese nella bufera, per esempio quando un rapporto segreto delle Nazioni Unite ha rivelato che 134 peacekeeper sono stati coinvolti in un giro di prostituzione minorile ad Haiti. E da un’inchiesta di Ap è emerso che durante gli ultimi 12 anni sono state quasi 2.000 le accuse di abusi sessuali e sfruttamento da parte di peacekeeper e altro personale Onu in tutto il mondo, oltre 300 dei quali hanno come protagonisti dei bambini.

Guterres, che ha fatto il suo esordio dal podio dell’Assemblea Generale, si è detto “tormentato dai numerosi incontri avuti con donne e minori segnati dalla violenza sessuale”, e ha lanciato un appello ai leader del mondo a impegnarsi su piu’ fronti: mettere i diritti e la dignità delle vittime al primo posto degli sforzi, porre fine all’impunità dei colpevoli, costruire una rete di sostegno per le vittime e aumentare consapevolezza e trasparenza in tutto il mondo su questo problema.

Commenti (0)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora