Archivio tag | "Riace"

Tags: , ,

Riace, sindaco dei migranti indagato per accoglienza

Pubblicato il 06 ottobre 2017 da ansa

Riace, sindaco dei migranti indagato per accoglienza

 

 

RIACE (REGGIO CALABRIA). – Ha fatto conoscere il suo paese, Riace, piccolo centro della provincia di Reggio Calabria di 2.300 abitanti, in tutto il mondo grazie alle sue politiche di accoglienza ed integrazione dei migranti. Ma adesso, proprio il “modello Riace” è all’origine dei suoi guai con la giustizia.

Domenico “Mimmo” Lucano, sindaco del paese, è stato infatti raggiunto da un avviso di garanzia emesso dalla Procura della Repubblica di Locri in cui si ipotizzano i reati di abuso d’ufficio, concussione e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Con lui è indagato il presidente dell’associazione “Città Futura” Fernando Antonio Capone. I finanzieri del Gruppo di Locri hanno notificato l’atto a Lucano mentre, in Comune, provvedevano ad acquisire la documentazione relativa al sistema di accoglienza.

Per le sue politiche nei confronti dei migranti, Lucano è stato inserito dalla rivista Fortune al 40/mo posto tra le personalità più influenti nel mondo e la Rai ha deciso di realizzare una fiction su di lui con Beppe Fiorello protagonista, iniziativa sulla quale, adesso, esprimono perplessità Maurizio Gasparri (Fi) e Jonny Crosio (Lega).

L’inchiesta che lo vede indagato è stata avviata ad inizio anno, dopo che la Prefettura di Reggio Calabria aveva redatto una relazione sul sistema di accoglienza del piccolo centro in cui si sollevano alcuni dubbi. Da qui la decisione – praticamente dovuta – della Procura di Locri di avviare gli accertamenti. E nel giugno scorso la richiesta di proroga delle indagini che ha portato al sequestro degli atti ed all’emissione dell’avviso di garanzia.

Lucano, alla relazione, aveva risposto con delle controdeduzioni in cui evidenziava che alcuni punti riguardavano più che altro le criticità del sistema di accoglienza italiano “ma – ha detto il sindaco – non sono state considerate”. Al centro di tutto ci sono le somme – 35 euro giornalieri a migrante – concesse ai Comuni per la gestione degli immigrati.

L’inchiesta mira a chiarire i rapporti del Comune con le associazioni che si occupano dell’accoglienza. “Vogliono verificare – ha spiegato Lucano – la rendicontazione degli ultimi due anni sugli aspetti gestionali”. E su questo fronte il sindaco si è detto assolutamente tranquillo: “Sono sconcertato e senza parole ma per certi versi mi viene quasi da ridere perché non ho nessun bene nascosto. Non possiedo niente e non ho conti segreti. Allora ben vengano i controlli su di me e che siano il più approfonditi possibili”.

La notifica dell’avviso di garanzia è giunta proprio all’indomani di una trasferta romana in cui Lucano – come lui stesso ha riferito – ha risolto le questioni che avevano indotto il ministero dell’Interno a sospendere il sostegno finanziario fornito per l’esperienza dei bonus e delle borse lavoro, strumenti “inventati” a Riace non solo per favorire l’integrazione ma per radicare sul territorio i migranti anche una volta finiti i progetti finanziati.

“Da questa idea – ha detto Lucano – sono nate le fattorie didattiche, i laboratori e le botteghe artigiane. Adesso abbiamo anche aperto un asilo multietnico. Stiamo cioè cercando di favorire l’integrazione con percorsi di lavoro che invoglino i migranti a rimanere. Una politica che punta anche a far crescere il territorio”. Una politica che, dopo avere ricevuto il plauso da più parti nel mondo, adesso dovrà sottoporsi anche al vaglio della magistratura.

(di Alessandro Sgherri/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

09:46Maltempo: in Liguria fa ancora paura il Magra

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - I fiumi Entella a Chiavari (Genova), Vara e Magra, nello Spezzino, sorvegliati speciali perché a rischio esondazione dopo le piogge di domenica e di ieri, non hanno creato problemi ingenti nella notte, ma il Magra continua a far paura. L'Entella, che ieri aveva tracimato alla foce, senza particolari conseguenze, è calato di livello. La forza della mareggiata in diminuzione favorisce il deflusso delle acque. E' calato anche il fiume Vara, che ieri aveva superato il secondo livello di guardia nel Comune di Sesta Godano. E' sempre a livello di guardia il Magra che fa paura a Bocca di Magra, nel Comune di Ameglia, dove le acque sono cresciute di 3,7 metri. Strade, giardini e cantieri nautici allagati, senza particolari danni. Nella notte una famiglia di S. Stefano Magra è stata sfollata con gommoni. La piena del Magra si esaurirà intorno alle 10. Nello spezzino restano sfollate una trentina di famiglie. Allerta rossa in tutta la provincia spezzina, e in parte di quella di Genova fino alle 13. Il meteo migliora.

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

Archivio Ultima ora