Archivio tag | "ripresa"

Tags: ,

Standard & Poor’s: “L’Italia si è unita al ballo della ripresa”

Pubblicato il 11 gennaio 2018 da ansa

 

ROMA. –  Il Portogallo segna una crescita “spettacolare” e un'”altra buona notizia è che gli italiani si sono uniti al ballo con il ritorno della ripresa”: lo ha detto il capo economista per l’Europa di S&P global, Jean-Michel Six, presentando le prospettive macro-economiche a Parigi. Six ha poi ricordato che il “Pil italiano è ancora al di sotto di quello del 2007 ma in ogni caso ci sono segni di ripresa”.

Commenti (0)

Tags: , , ,

Redditi delle famiglie salgono. Ripresa anche per i prezzi

Pubblicato il 05 gennaio 2018 da ansa

Ressa di folla all’inaugurazione negozio Trony (La Presse)

 

 

ROMA. – I redditi delle famiglie crescono dello 0,7% in tre mesi e il segno più resta, anzi sale allo 0,8%, considerando l’effetto dei prezzi. Listini che nel 2017 hanno ufficialmente detto addio alla deflazione: il tasso si è riportato ai livelli del 2013, all’1,2%. Ma la novità è che rimane margine per risparmiare, dopo un anno di erosione ininterrotta delle riserve. Questo il resoconto dell’Istat sul trimestre estivo.

Periodo propizio anche per le casse dello Stato, con il carico delle tasse e l’indebitamento in calo. Il primo ai minimi da sei anni e il secondo da dieci. “Dati incoraggianti sui conti pubblici, comincia a scendere la pressione fiscale, cresce finalmente il potere d’acquisto delle famiglie” riassume il premier Paolo Gentiloni. “Risultati da migliorare, non da sprecare”, avverte.

Mette l’accento sulle perfomance delle aziende il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda: “aumentano del 5,9% gli investimenti”. Segno che le imprese non si sono fatte abbattere dalla riduzione dei profitti. “Siamo sulla strada giusta”, dice il titolare dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Le cifre animano anche il dibattito politico. Il segretario del Pd, Matteo Renzi, fa notare che “in cinque anni le tasse sono scese di due punti. Per i prossimi cinque anni – rilancia – dobbiamo farne altri due”.

Pronta la replica di Forza Italia: “gli unici 2 punti che riusciranno a tagliare sono quelli nelle intenzioni di voto”. E così su Twitter i numeri dell’Istat diventano uno degli argomenti più popolari, tra due fazioni opposte, chi dà un’interpretazione positiva e chi invece lamenta una spaccatura tra le statistiche e il ‘Paese reale’.

Di “incertezze” parla anche la Confcommercio. A causa del risveglio dei pezzi il Codacons denuncia una “stangata pari a 364 euro a famiglia”. Per Federconsumatori solo dal carrello della spesa, rincarato nel 2017 dell’1,5%, scaturiscono “aggravi di 267 euro. Guardando i dati più da vicino. Si parte dal fatto che i redditi delle famiglie crescono, accelerando il passo rispetto al secondo trimestre. E bene va anche il confronto annuo (+2,1). Si tratta però di un dato medio. Non sappiamo, infatti, come la ricchezza si sia effettivamente distribuita. Se, come si dice, abbia piovuto sul bagnato o meno.

Non conosciamo inoltre quale sia la fonte di guadagno. Difficile comunque pensare che una spinta arrivi dalle retribuzioni contrattuali, ancora al palo. Di certo i prezzi per ora, seppure in crescita, non hanno intaccato la capacità di spesa (+1,1% su base annua). I consumi però rallentano la loro corsa. Evidentemente gli italiani hanno fatto fronte alle spese più necessarie e ora possono permettersi di mettere qualcosa da parte, tornando così a fare, almeno un po’, le ‘formiche’. Sicuramente qualcosa di quel che esce dai portafogli va via per supplire ai rincari su bollette (+2,9%), carburanti (+6,2%) e alimentari freschi (+3,6%).

Fin qui quel che è stato per l’intero 2017. Nessuna sorpresa arriva dall’ultimo mese dell’anno, oltre al caro vacanze, con effetti concentrati sui voli e sui pacchetti per vacanze in montagna. Continuano a farsi sentire i tagli sulle rette universitari, entrati in vigore ad ottobre. Ma in generale a dicembre il tasso resta stabile allo 0,9%, mentre nell’Eurozona si registra una leggera frenata. Nonostante ciò il tasso medio rimane più alto, all’1,4%. Completano il quadro i dati sulla finanza pubblica, con il deficit dei primi nove mesi dell’anno al 2,3% e la pressione del fisco al 40,2%. In volata pure gli investimenti pubblici, dopo anni di fiacca.

(di Marianna Berti/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora