Archivio tag | "Turchia"

Tags: , ,

Scontro Usa-Turchia, Washington sospende i visti

Pubblicato il 09 ottobre 2017 da ansa

Scontro Usa-Turchia, Washington sospende i visti. REUTERS/Osman Orsal

 

 

ISTANBUL. – Tra Turchia e Stati Uniti è scontro aperto. A scatenare l’ennesima crisi diplomatica che coinvolge il governo di Ankara è stato l’arresto la scorsa settimana di un impiegato turco del consolato americano a Istanbul, Metin Topuz, sospettato di spionaggio e di aver tenuto contatti con figure di spicco della presunta rete golpista di Fethullah Gulen.

Dopo aver subito definito le accuse “senza fondamento”, è arrivata la reazione di Washington: stop alla concessione dei visti brevi, cioè per turismo, affari e studio. Le missioni Usa in Turchia prenderanno in considerazione solo le richieste di visto per immigrazione.

Uno schiaffo cui Ankara ha risposto a caldo, emanando la stessa misura per le sue sedi diplomatiche negli Usa. Ma l’effetto, ovviamente, non è lo stesso. Come ha dimostrato già dall’apertura la Borsa di Istanbul. A fine giornata, gli indici hanno fatto segnare perdite di quasi il 3%, mentre ancora maggiore è stato il calo della la lira turca rispetto al dollaro.

Nel pieno della bufera, la procura di Istanbul ha emesso un “invito” a testimoniare per un altro impiegato turco del consolato americano, finito nell’inchiesta insieme al collega. Entrambi, precisano le autorità, non godono di immunità diplomatica. In attesa che l’uomo si presenti davanti ai magistrati, la moglie e il figlio sono stati fermati e interrogati dalla polizia nella provincia di Amasya, sul mar Nero.

Un clima di fortissima tensione in cui non è mancata la convocazione del numero due dell’ambasciata Usa in Turchia, cui le autorità di Ankara hanno chiesto una revoca “immediata” dello stop ai visti, giudicato come una “escalation non necessaria”.

“Al di là di tutto, questa è una decisione che ci rattrista. Il fatto che l’ambasciatore ad Ankara abbia preso una tale decisione e l’abbia posta in essere ci rattrista”, è stato il commento del presidente Recep Tayyip Erdogan, giunto solo nel tardo pomeriggio dall’Ucraina, dove ha incontrato il suo omologo Petro Poroshenko.

Parole che sembrano voler mettere una distanza tra la misura sui visti e l’amministrazione di Donald Trump, facendo ricadere la responsabilità sull’ambasciatore americano uscente, John Bass, spesso oggetto di pesanti attacchi dagli ambienti governativi di Ankara. A pesare sui rapporti tra i due Paesi, resta sempre l’ombra dell’estradizione negata di Gulen, in auto-esilio in Pennsylvania dal 1999, che la Turchia ritiene lo stratega del tentato golpe dello scorso anno.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Commenti (0)

Tags: , , ,

Un plebiscito per l’indipendenza curda, Baghdad insorge

Pubblicato il 26 settembre 2017 da redazione

Un plebiscito per l’indipendenza curda, Baghdad insorge. EPA/MOHAMED MESSARA

 

 

BEIRUT/BAGHDAD. – E’ stato un vero plebiscito il referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno. Ma mentre i curdi festeggiano, salgono le tensioni con il governo centrale e i Paesi vicini, in particolare Turchia e Iran, che continuano le esercitazioni militari alle frontiere della regione autonoma. La televisione curda irachena Rudaw ha annunciato che a favore dell’indipendenza si è espresso quasi il 92% dei votanti, dopo che in mattinata la commissione elettorale aveva parlato di una partecipazione di poco più del 72%.

Immediata la reazione del primo ministro iracheno Haidar al Abadi: “il Paese non rinuncerà mai all’unità del suo territorio, perché la Costituzione dice che l’Iraq è uno”, ha affermato, aggiungendo che “qualcuno vuole un Iraq debole, ma l’Iraq sarà forte, per tutti gli iracheni”.

Tra le prime contromisure adottate dall’esecutivo di Baghdad vi è la richiesta alle autorità della regione autonoma di cedere la gestione degli aeroporti al governo federale. Se ciò non avverrà, Abadi ha affermato che da venerdì gli scali saranno bloccati, con l’eccezione dei voli umanitari e di altri “urgenti”. Il governo ha anche deciso di mettere sotto il controllo delle autorità federali i valichi di frontiera tra la regione del Kurdistan e altri Paesi.

Il risultato del referendum non è legalmente vincolante, e più volte nei giorni precedenti al voto il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, aveva detto che le trattative con le autorità centrali sarebbero continuate, forse anche per due anni, al fine di risolvere una serie di contenziosi, tra cui quello relativo alla gestione delle ingenti risorse petrolifere del Kurdistan e dei territori occupati negli ultimi anni dai Peshmerga, durante la guerra all’Isis. Abadi, tuttavia, ha detto che Baghdad “non intende discutere con Erbil dei risultati del referendum”.

Quasi tutta la comunità internazionale, con l’eccezione di Israele, si è schierata contro il referendum. Particolarmente preoccupati sono i Paesi vicini, che temono il contagio indipendentista tra i curdi che vivono sui loro territori.

La reazione più decisa dall’estero è stata quella di Ankara, che pure è stata fino ad oggi alleate del Partito democratico del Kurdistan (Pdk) di Barzani. Il presidente Recep Tayyip Erdogan è tornato a minacciare ritorsioni di tipo militare ed economico. “Nel momento in cui chiudiamo i rubinetti, per loro è finita”, ha detto Erdogan, sottolineando che attraverso la Turchia passa tutto il petrolio esportato dai curdi.

Anche l’Iran appare sempre più inquieto, soprattutto dopo che la scorsa notte manifestazioni di giubilo sono state registrate in alcune città a maggioranza curda sul territorio della Repubblica islamica. Teheran “si oppone a qualsiasi mossa che possa portare a un cambiamento delle frontiere geografiche in Medio Oriente e alla disgregazione dei Paesi della regione”, ha avvertito il ministro della Difesa iraniano, generale Amir Hatami.

Dopo gli Usa, che da tempo hanno manifestato la loro contrarietà all’iniziativa referendaria, è stata la volta della Russia. Il presidente Vladimir Putin si è consultato al telefono con Erdogan e il presidente iraniano Hassan Rohani. “Continuiamo a credere che l’integrità territoriale e politica degli Stati sia estremamente importante per mantenere la stabilità e la sicurezza nella regione”, ha successivamente affermato il portavoce del Cremlino, Dimitri Peskov.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

14:10Calcio: Pescara, Zeman “l’1 settembre mi ero dimesso”

(ANSA) - PESCARA, 16 DIC - "L'1 settembre scorso mi ero dimesso da allenatore del Pescara perché c'erano troppi giocatori in rosa, 42. Non erano arrivati i calciatori che avevo richiesto. Poi sono stato convinto a restare dalla società". La clamorosa notizia è stata rivelata dallo stesso tecnico biancazzurro Zdenek Zeman questa mattina nel corso della consueta conferenza stampa per la presentazione della gara di domani all'Adriatico (ore 17.30) con il Novara. Il boemo ha poi parlato dei rapporti con il patron Sebastiani: "Con il presidente mi trovo bene a tavola. Calcisticamente abbiamo delle idee diverse. Il rapporto con lo spogliatoio? I giocatori cercano un allenatore amico. Io sono venuto qui a Pescara per lavorare".

Archivio Ultima ora