Archivio tag | "Uruguay"

Tags: ,

Uruguay: giura la prima senatrice trans in America Latina

Pubblicato il 10 ottobre 2017 da ansa

Michelle Suarez, la prima persona trans eletta in America Latina

 

MONTEVIDEO. – Michelle Suarez, la prima persona trans eletta in America Latina, ha assunto le sue funzioni nel Senato uruguayano, dove sostituirà Marcos Carambula, suo compagno nel Partito Comunista del paese sudamericano, che ha rinunciato al seggio nella Camera alta di Montevideo.

Suarez ha 33 anni ed è avvocato: nel 2010 diventò la prima persona trans ad ottenere un diploma universitario in Uruguay. Dopo aver prestato giuramento, ha dichiarato di sentirsi “profondamente onorata” di essere il primo legislatore trans del paese.

“Intendo lavorare per una società più giusta e con meno discriminazioni, perché le opportunità di cui io dispongo sono materialmente impossibili per molte compagne trans”, ha sottolineato la senatrice. Rodriguez è stata eletta alle politiche del 2014, ma non è la sola persona trans ad essere riuscita ad ottenere un seggio in un Parlamento latinoamericano.

Nel dicembre del 2015 la venezuelana Tamara Adriàn è stata eletta all’Assemblea Nazionale di Caracas come candidata del partito Voluntad Popular, il cui leader Lepoldo Lopez è una delle principali figure dell’opposizione al governo di Nicolas Maduro.

Commenti (0)

Tags: , , ,

Russia 2018: il Venezuela rimanda la festa dell’Uruguay

Pubblicato il 06 ottobre 2017 da redazione

Russia 2018: Il Venezuela rimanda la festa dell’Uruguay

 

CARACAS – Nello stadio Pueblo Nuevo della città di San Cristóbal pareggio a reti bianche fra Venezuela e Uruguay. il risultato maturato dopo i novanta minuti di gioco é più che giusto. Tra le due nazionali ha predominato la parità, basta controllare le statistiche dei tiri in porta: 6-6.

Questo risultato impedisce alla nazionale allenata da Oscar Washington Tabárez di chiudere la pratica qualificazione. Comunque la festa per la celeste é solo rimandata a martedì quando nello stadio Centenario ospiterà la Bolivia (già eliminata come il Venezuela). A Cavani e compagni basterà anche un pareggio per timbrare il biglietto per Russia 2018.

Dopo la gara contro l’Uruguay la Vinotinto, che non ha nulla da perdere, si conferma come guasta feste del girone Conmebol: ne sanno qualcosa Argentina, Colombia e Perù in piena lotta per un ticket per la kermesse iridata. Adesso il Paraguay trema e non sarà facile martedì nel Defensores del Chaco.

Il tecnico dell’Uruguay Oscar Tabárez ha commentato a fine gara il pareggio contro il Venezuela: “Siamo venuti qua per vincere, se non ci siamo riusciti è perché l’avversario ha fatto bene le cose. È stata una partita difficile, ce la immaginavamo così. Bentancur ha dimostrato quello che può fare in campo. Cambiano i nomi, cambiano le situazioni, forse era ora che arrivasse qualche giocatore giovane. Non si può esaminare questa gara allo stesso modo di una partita di un campionato europeo”.

Dal canto suo, Rafael Dudamel ha elogiato il lavoro svolto dai suoi ragazzi: “E’ stata una gara perfetta su tutti gli aspetti. Questo gruppo ha capito in poco tempo che bisogna saper gestire le circostanze delle gare. Sono molto ottimista riguardo il futuro di questa nazionale”.

Con la maglia della vinotinto ha giocato l’intera partita l’italo-venezuelano Rubert Quijada Fasciana. L’ex Caracas è stato protagonista in diverse azioni offensive della nazionale creola. Tra i titolari schierati da Dudamel c’erano alcuni volti noti nella nostra serie A come il granata Tómas Rincón che ha indossato la fascia da capitano disputando i novanta minuti e l’ex Torino Josef Martínez (uscito al 69’, al suo posto é entrato Romulo Otero).

Mentre per l’Uruguay sono scesi in campo gli “italiani” Fernando Muslera, Martín Cáceres, Matías Vecino, Rodrigo Betancur, Edinson Cavani giocatori che militano o hanno giocato nella nostra serie A.

(Fioravante De Simone)

 

 

Commenti (0)

Tags: ,

Russia 2018: Vinotinto guastafeste dell’Uruguay?

Pubblicato il 05 ottobre 2017 da redazione

Venezuela-Uruguay

 

CARACAS – Oggi alle 17:00 sul campo dello stadio Pueblo Nuevo di San Cristóbal andrá in scena Venezuela –Uruguay, gara valevole per le qualificazioni verso il Mondiale Russia 2018.

La vinotinto é il fanalino di coda di queste qualificazioni, ma scenderà sul campo del “templo sagrado” con l’intenzione di guastare la festa all’Uruguay.

In questo lungo cammino iniziato l’otto ottobre 2015 la nazionale venezuelana ha raccolto soltanto 8 i punti, frutto di 1 vittoria, 5 pareggi e ben 10 sconfitte: troppo poco per cercare di staccare il pass per Russia 2018. Ciononostante la squadra di Dudamel si è fatta rispettare negli ultimi due turni contro Colombia e Argentina, portando a casa addirittura un 1-1 in casa dell’Albiceleste. L’unica vittoria dei creoli è arrivata contro la Bolivia per 5-0.

Per le gare che chiuderanno il girone Conmebol il selezionatore nazionale Rafael Dudamel ha convocato nove giocatori dell’Under 20 che pochi mesi fa hanno sono arrivati secondi nel mondiale di categoria. Le giovani promesse che sono chiamate ad essere i perni della nazionale nelle qualificazioni verso il Mondiale Qatar 2022 sono: il portiere Wuilker Fariñez, i difensori Ronald Hernández e José Hernández, i centrocampisti Herrera, Ronaldo Lucena, Sergio Córdoba, Yeferson Soteldo e Samuel Sosa e l’attaccante Ronaldo Chacón.

Rondón contrastato da due avversari

“Ci troveremo di fronte una delle nazionale che affronta nel migliore dei modi le gare di qualificazione. Noi scenderemo in campo con la voglia di disputare un’ottima gara” – ha dichiarato Rafael Dudamel in conferenza stampa, aggiungendo – “Sono felice perché siamo in una fase di transizione durante la quale possiamo darci il lusso di provare giovani giocatori, ma dobbiamo puntare sullo zoccolo duro per iniziare a costruire la nazionale del futuro. Noi stiamo lavorando per affrontare la Coppa America che si disputerà in Brasile nel 2019. Ho chiesto in federazione di pooter disputare almeno cinque amichevoli nel 2018”.

Dal canto suo l’Uruguay si appresta a vivere la trasferta più importante di sempre, quella che potrebbe permettere alla selezione di Oscar Washington Tabarez di preparare le valigie per la Russia con una giornata di anticipo rispetto alle altre (ovviamente dopo il Brasile).

Per la nazionale allenata dall’ex Cagliari e Milan é un traguardo che sarebbe ampiamente meritato. Malgrado le difficoltà riscontrate in quest’ultimo periodo con tre k.o consecutivi, è riuscita a rifarsi pareggiando 0-0 con l’Argentina e sbancando 1-2 il Defensores del Chaco.

Contrasto Betancurt-Soteldo

Oscar Tabarez, ct della Nazionale uruguayana, ha già bene in mente la formazione titolare da schierare stasera a San Cristobal per la sfida contro il Venezuela. Pare sicuro un posto anche l’interista Matias Vecino a centrocampo, in compagnia di Nahitan Nández, Federico Valverde e Cristian Rodríguez.

Per questo doppio confronto, in cui  l’Uruguay affronterà prima il Venezuela e poi la Bolivia, é stato convocato per la prima volta in nazionale maggiore Rodrigo Betancur. Il centrocampista della Juventus ha parlato in conferenza stampa di questa nuova esperienza con la casacca della Celeste: “Era un sogno ricevere la convocazione da parte della Nazionale e devo dire grazie anche alla Juventus se si è trasformato in realtà. Adesso voglio solo cogliere questa grande opportunità che mi è stata concessa dando il massimo, con la speranza di poter scendere in campo. Anche solo per pochi minuti”.

Dal ritiro della celeste che si é svolto nel club Puerto Azul ha parlato della sfida contro la vinotinto anche l’ex stella del Palermo e del Napoli Edinson Cavani.

Per Cavani e compagni – secondi in classifica con 27 punti, frutto di 8 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte – bastano soltanto 3 punti, quei punti che potrebbero maturare contro una nazionale che non ha nulla da perdere.

I precedenti dicono che queste due nazionali si sono affrontate in 16 occasioni con un bilancio di 9 vittorie per i charrúas, 5 pareggi e 2 trionfi vinotinto.

Nelle ultime cinque gare disputate in Venezuela il bilancio é di due vittorie per parte ed un pareggio.

Probabili formazioni

Venezuela (4-4-2): Wuilker Faríñez; Ronald Hernández, Jhon Chancellor, Wilker Ángel, José Hernández; Sergio Córdova, Tomás Rincón, Juan Colina, Junior Moreno; Salomón Rondón e Josef Martínez. All: Seleccionador: Rafael Dudamel.

Uruguay (4-4-2): Fernando Muslera; Maxi Pereira, José María Giménez, Diego Godín, Martín Cáceres (o Gastón Silva); Nahitan Nández, Federico Valderde, Matías Vecino, Cristian Rodríguez; Luis Suárez e Edinson Cavani. All: Oscar Washington Tabárez.

Arbitro: Anderson Daronco (Brasile). Assistenti: Alessandro Rocha e Fabricio Vilarinho.. Stadio: Polideportivo Pueblo Nuevo, de San Cristóbal. Fischio d’inizio: 17:00

(Fioravante De Simone)

Commenti (0)

Tags: , , ,

Russia 2018, Cavani parla della Vinotinto: “E’ sempre un rivale ostico”

Pubblicato il 04 ottobre 2017 da redazione

Edinson Cavani con la maglia dell’Uruguay

 

CARACAS – Domani alle 17:00 sul campo dello stadio Pueblo Nuevo di San Cristóbal si affronteranno Venezuela ed Uruguay in una gara valevole per le qualificazioni per il mondiale Russia 2018.

Il ritiro della Celeste per preparare la delicatissima gara contro la Vinotinto si é svolto a nel club Puerto Azul dello stato Vargas. Tra i protagonisti c’è l’ex Palermo e Napoli Edinson Cavani che ha fatto il punto della situazione. “Le gare contro il Venezuela sono sempre difficili”.

La nazionale venezuelana é ultima in classifica con otto punti ed una sola vittoria senza possibilità di andare al Mondiale. Mentre i charrúas arrivano nella terra di Bolívar con l’intenzione di chiudere la pratica qualificazione ed affrontare l’ultima giornata tranquilli.

“Il ritmo delle gare di qualificazioni sudamericane é completamente diverso da quello che abbiamo durante le gare di campionato. Dobbiamo approfittare di questa occasione, siamo ad un passo dal nostro obiettivo e non vogliamo deludere i nostri tifosi” ha dichirato il Matador.

La gara d’andata, disputata nello stadio Centenario di Montevideo, si é conclusa con il risultato di 3-0 in favore della Celeste. Quel giorno l’ex Palermo e Napoli segnó una doppietta, ma per la sfida di domani non si fida.

“Il Venezuela ha portato a casa ottimi risultati nelle ultime giornate (0-0 con la Colombia e 1-1 con l’Argentina in trasferta, ndr). La nazionale é cambiata molto sotto la direzione del nuovo allenatore e questo fa sì che siano più motivati. Stanno facendo le cose per bene, però la cosa più importante é che noi dobbiamo portare a casa un risultato favorevole”.

I precedenti dicono che queste due nazionali si sono affrontate in 16 occasioni con un bilancio di 9 vittorie per i charrúas, 5 pareggi e 2 trionfi vinotinto.

Nelle ultime cinque gare disputate in Venezuela il bilancio é di due vittorie per parte ed un pareggio.

Domani Edinson Cavani potrebbe eguagliare un record di Diego Forlán, quello di più gol contro il Venezuela. L’ex Inter durante la sua carriera ha segnato 5 reti contro la vinotinto, mentre Cavani é a quota tre.

(Fioravante De Simone)

Commenti (0)

betancurt uruguay

Tags: , , ,

Russia 2018: tre “italiani” tra i convocati dell’Uruguay per sfidare la Vinotinto

Pubblicato il 29 settembre 2017 da redazione

Russia 2018

Betancurt (Uruguay)

 

CARACAS – Oscar Tabárez, selezionatore della nazionale uruguaiana, ha annunciato la lista dei convocati per il doppio confronto delle qualificazioni Russia 2018 che vedrà i charrúas impegnati contro Venezuela (il 5 ottobre a San Cristóbal) e Bolivia (il 10 a Montevideo). Fanno parte del gruppo tre giocatori che militano nella nostra Serie A: Martín Cáseres (Verona), Matías Vecino (Inter) e Rodrigo Betancourt (Juventus). Tra i convocati ci sono anche l’ex Lazio Fernando Muslera (attualmente in forza al Galatasaray) e l’ex Napoli Edinson Cavani (attualmente al PSG).

Nella lista di Tábarez spiccano i nomi di campioni del calibro di Luis Suarez (Barcellona) e Diego Godín (Atlético Madrid).

La Celeste si trova al momento al secondo posto con 27 punti dietro al già qualificato Brasile (37) e, per strappare il pass per la Russia, dovrà ottenere la vittoria già nel primo match contro la Vinotinto per non dover aspettare gli esiti degli altri incontri. Mentre la nazionale creola userà questo confronto per testare giocatori da usare nelle prossime qualificazioni, quelle per il Qatar.

Questo l’elenco dei convocati di Tabárez:

Portieri: Fernando Muslera (Galatasaray, Turchia), Martín Silva (Vasco da Gama, Brasile) e Martín Campaña (Independiente, Argentina).

Defensori: José María Giménez (Atlético de Madrid, Spagna), Martín Cáceres (Hellas Verona, Italia), Maximialiano Pereira (Porto, Portogallo), Diego Godín (Atlético de Madrid, Spagna), Mauricio Lemos (Las Palmas, Spagna), Gastón Silva (Independiente, Argentina) e Sebastián Coates (Sporting, Portogallo).

Centrocampisti: Mathías Corujo (Peñarol), Cristian Rodríguez (Peñarol), Jonathan Urretaviscaya (Pachuca, Messico), Gastón Pereiro (PSV, Olanda), Giorgian De Arrascaeta (Cruzeiro, Brasile), Álvaro González (Nacional), Matías Vecino (Inter, Italia), Rodrigo Bentancur (Juventus, Italia), Federico Valverde (Deportivo la Coruña, Spagna), Egidio Árevalo Ríos (Racing, Argentina), Nicolás Lodeiro (Seattle Sounders, Stati Uniti), Carlos Sánchez (Monterrey, Messico), Nahitan Nandez (Boca Juniors, Argentina).

Attaccanti: Maximiliano Gómez (Celta de Vigo, Spagna), Luis Suárez (Barcelona, Spagna), Cristhian Stuani (Girona, Spagna) e Edinson Cavani (PSG, Francia).

(Fioravante De Simone)

Commenti (0)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora