Istat, gli italiani non hanno più fiducia nel futuro

Pubblicato il 25 maggio 2005 da redazione

ROMA. L’Italia attraversa una fase di “perdurante stagnazione” che provoca incertezze e un clima di sfiducia. Una crisi che parte da lontano, trovando fondamento nell’”inerzia” del sistema produttivo e nella carenza del mercato del lavoro che, malgrado la crescita dell’occupazione, ha visto aumentare negli ultimi anni il numero dei “sottoccupati” e la “zona grigia” dell’inattività.


Il risultato è la paura che impedisce alle imprese di investire nell’innovazione e alle famiglie di “scommettere sul futuro”. E’ un quadro preoccupato quello che emerge dal Rapporto Annuale dell’Istat presentato ieri a Montecitorio dal presidente, Luigi Biggeri. A suscitare timore per le prospettive economiche non sono, dunque, solo i dati congiunturali che pure parlano di un Paese a crescita sottozero e con i conti pubblici a rischio, ma soprattutto gli irrisolti limiti strutturali che non nascono oggi ma “vengono da lontano”. L’Istat punta l’indice contro “pubblici amministratori, imprenditori e cittadini” che, “evidentemente, non sono stati in grado di affrontare seriamente questi elementi di preoccupazione e di governarli con interventi tesi a eliminare i punti di debolezza e a valorizzare quelli di forza”.


Insomma, non ci si è accorti che, da oltre un decennio, le imprese segnano incrementi di produttività “modesti” e non investono a sufficienza in ricerca e innovazione. Non solo. Anche quelle che ottengono buoni risultati di redditività, lo fanno “singolarmente, anche attraverso le politiche di prezzo attuate in mercati con debole concorrenza”. In questo quadro tutt’altro che esaltante, “appare chiaro – secondo l’Istat – che il rapporto costi/benefici del rischio di innovare o cambiare è, nel contesto italiano di oggi, troppo alto per indurre una sempre più ampia base di operatori e famiglie a scommettere sul futuro”.


L’Istat rimprovera in particolare al mondo della politica di aver tenuto poco conto dei profondi cambiamenti che hanno investito in questi anni le famiglie: un esempio su tutti, la segmentazione del mercato del lavoro che negli ultimi anni ha mostrato, sì, una forte crescita degli occupati, ma anche un estendersi del numero di sottoccupati che ormai sfiora il milione di unità, mentre altri due milioni e mezzo si trovano impantanati nella cosiddetta “zona grigia”, quella costituita da persone che non cercano un’occupazione ma sarebbero disposte a lavorare al realizzarsi di certe condizioni.


Così come preoccupa il disagio di quel milione 734 mila famiglie in cui c’è almeno un disoccupato. E, ancora di più, quei 176 mila nuclei familiari in cui si ritrovano due disoccupati e gli altri 23 mila in cui i senza lavoro sono tre o più. Di fronte a una crisi di tali proporzioni le spinte a maggiori consumi e a incrementi di reddito “non possono costituire le uniche risposte”, ma serve una crescita “qualitativa, imperniata sull’introduzione di nuovi prodotti (beni e servizi), adatti anche alle esigenze dei vari gruppi di soggetti, ottenuti secondo modalità che salvaguardino i beni comuni”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

00:15Calcio: Juric, con il Chievo la sfida più importante

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Non sono dispiaciuto della prestazione dei ragazzi. Sono consapevole del divario, la Juve ci ha punito alla prima occasione ma la squadra ha fatto il massimo e non ho nulla da rimproverare". Ivan Juric guarda già oltre il 4-0 incassato sul campo della Juventus. Il Genoa è atteso dalla partita con il Chievo, fondamentale: "Sì, ora noi abbiamo cinque finali, dobbiamo essere tutti uniti per conquistare la salvezza perche sarà durissimo. Ho pensato a questo nei cambi di Laxalt e Burdisso". "Ora avremo tre partite in casa su cinque e dobbiamo fare il massimo numero di punti possibili - conclude l'allenatore - La classifica non ci dà garanzie. Contro il Chievo sarà una delle partite più importanti della storia recente del Genoa, dovremo vincere a tutti i costi: l'ambiente dovrà essere molto unito".

23:50Calcio: Allegri, per scudetto non è ancora fatta

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Avevamo tre partite da vincere: Pescara, Empoli e Genoa. I ragazzi sono stati bravi a vincerle. Non era facile contro il Genoa che ha fatto bene con la Lazio e ha cambiato l'allenatore, poi dopo la Champions poteva esserci un calo fisico e mentale. Invece i ragazzi sono stati molto bravi". Massimiliano Allegri, nel corso del programma 'Serie A live', loda la Juventus dopo il 4-0 al Genoa. Lo scudetto, però, ancora non se lo sente in tasca: "No, però ora ci mancano otto punti perché la Roma può arrivare a 90 e ci mancano 5 partite. Non dimentichiamoci che abbiamo ancora lo scontro diretto, senza la matematica non si può parlare di Scudetto". Una vittoria che rende più tranquillo l'avvicinamento alle semifinali di Champions: "Ora avremo qualche giorno per preparare la trasferta di Bergamo e poi quella di Monaco. Ho la possibilità di cambiare molti giocatori per avere sempre energie fresche. C'è molto entusiasmo, ma dobbiamo pensare a una gara alla volta perché per il momento non abbiamo vinto niente".

23:44Portavoce Merkel, auguri a Macron

(ANSA) - BERLINO, 23 APR - "Bene che Emmanuel Macron con il suo corso per una forte Europa e un'economia sociale di mercato abbia avuto successo. Auguri per le prossime due settimane". È quello che ha twittato Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, commentando il primo risultato delle elezioni francesi.

23:38Macron, ‘sarò presidente contro i nazionalismi’

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Spero tra 15 giorni di diventare presidente del popolo francese, dei patrioti, per farla finita con tutti i nazionalismi": lo ha detto Emmanuel Macron, vincitore del primo turno alle presidenziali francesi. Voglio andare oltre" i risultati di stasera "e unire tutti i francesi". Lo ha detto il leader di En Marche! Emmanuel Macron davanti ai suoi sostenitori in festa. "Porterò avanti l'esigenza di ottimismo e la speranza che noi vogliamo per il nostro Paese e per l'Europa", ha aggiunto. 'Oggi domenica 23 aprile il popolo francese si è espresso. Nel momento in cui il nostro paese attraversa un periodo inedito della nostra storia, colpita dal terrorismo e dalle sofferenze economiche ha risposto nel più bello dei modi, andando a votare massicciamente e ha deciso di mettermi in testa al primo turno", ha detto ancora Macron che parlava con alla spalle la bandiera francese e quella europea.

23:36Calcio: Barcellona vince 3-2 a Madrid, decide Messi

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Un gol di Leo Messi al 47' della ripresa ha deciso il 'Clasico' e decretato il successo del Barcellona sul terreno del Real Madrid. I catalani hanno così momentaneamente agganciato la squadra allenata da Zidane in vetta alla Liga, con 75 punti, ma il Real deve recuperare una partita. Al Santiago Bernabeu i padroni di casa sono passati per primi in vantaggio con la rete di Casemiro al 28', pareggiata appena cinque minuti dopo dal solito Messi, su assist di Rakitic. Il quale, al 28' della ripresa, ha portato il Barcellona in vantaggio con un sinistro preciso da fuori area. Al 32' il Real è rimasto in 10 per l'espulsione di Sergio Ramos, intervenuto fallosamente su Messi. Ma è riuscito comunque ad agguantare il pareggio al 40' con la rete di Jaimes Rodriguez. Il 2-2 poteva stare bene al Real, non al Barcellona che ha continuato ad attaccare, fino ad essere premiato dall'ennesima magia della 'Pulce'.

21:51Le Pen, ‘io la grande alternativa. Macron erede Hollande’

(ANSA) - HENIN-BEAUMONT, 23 APR - "Io vi propongo l'alternanza fondamentale che fondi un'altra politica. Questo non accadrà con l'erede di François Hollande e del suo quinquennato catastrofico". Lo ha detto Marine Le Pen ai militanti nel suo quartier generale, senza tuttavia nominare il suo avversario al secondo turno, Emmanuel Macron. "Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E' un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro", ha aggiunto.

21:40Francia: Fillon si schiera con Macron, ‘fermare Le Pen’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Francois Fillon riconosce la sconfitta e invita gli elettori a votare per Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. "L'estremismo porta solo disgrazie e divisioni", ha detto. "Non sono riuscito a convincervi - ha detto Fillon davanti ai suoi - al momento giusto la verità su queste elezioni sarà scritta. E' una mia sconfitta, io solo ne debbo portare il peso. Alle legislative potranno far sentire la voce del centro e della destra, per questo vi chiedo di restare uniti e determinati". "In attesa - ha continuato - dobbiamo scegliere chi è preferibile, l'astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c'è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l'intolleranza. Il suo programma porterebbe il paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c'è altra scelta che votare per Emmanuel Macron".

Archivio Ultima ora