Istat, gli italiani non hanno più fiducia nel futuro

Pubblicato il 25 maggio 2005 da redazione

ROMA. L’Italia attraversa una fase di “perdurante stagnazione” che provoca incertezze e un clima di sfiducia. Una crisi che parte da lontano, trovando fondamento nell’”inerzia” del sistema produttivo e nella carenza del mercato del lavoro che, malgrado la crescita dell’occupazione, ha visto aumentare negli ultimi anni il numero dei “sottoccupati” e la “zona grigia” dell’inattività.


Il risultato è la paura che impedisce alle imprese di investire nell’innovazione e alle famiglie di “scommettere sul futuro”. E’ un quadro preoccupato quello che emerge dal Rapporto Annuale dell’Istat presentato ieri a Montecitorio dal presidente, Luigi Biggeri. A suscitare timore per le prospettive economiche non sono, dunque, solo i dati congiunturali che pure parlano di un Paese a crescita sottozero e con i conti pubblici a rischio, ma soprattutto gli irrisolti limiti strutturali che non nascono oggi ma “vengono da lontano”. L’Istat punta l’indice contro “pubblici amministratori, imprenditori e cittadini” che, “evidentemente, non sono stati in grado di affrontare seriamente questi elementi di preoccupazione e di governarli con interventi tesi a eliminare i punti di debolezza e a valorizzare quelli di forza”.


Insomma, non ci si è accorti che, da oltre un decennio, le imprese segnano incrementi di produttività “modesti” e non investono a sufficienza in ricerca e innovazione. Non solo. Anche quelle che ottengono buoni risultati di redditività, lo fanno “singolarmente, anche attraverso le politiche di prezzo attuate in mercati con debole concorrenza”. In questo quadro tutt’altro che esaltante, “appare chiaro – secondo l’Istat – che il rapporto costi/benefici del rischio di innovare o cambiare è, nel contesto italiano di oggi, troppo alto per indurre una sempre più ampia base di operatori e famiglie a scommettere sul futuro”.


L’Istat rimprovera in particolare al mondo della politica di aver tenuto poco conto dei profondi cambiamenti che hanno investito in questi anni le famiglie: un esempio su tutti, la segmentazione del mercato del lavoro che negli ultimi anni ha mostrato, sì, una forte crescita degli occupati, ma anche un estendersi del numero di sottoccupati che ormai sfiora il milione di unità, mentre altri due milioni e mezzo si trovano impantanati nella cosiddetta “zona grigia”, quella costituita da persone che non cercano un’occupazione ma sarebbero disposte a lavorare al realizzarsi di certe condizioni.


Così come preoccupa il disagio di quel milione 734 mila famiglie in cui c’è almeno un disoccupato. E, ancora di più, quei 176 mila nuclei familiari in cui si ritrovano due disoccupati e gli altri 23 mila in cui i senza lavoro sono tre o più. Di fronte a una crisi di tali proporzioni le spinte a maggiori consumi e a incrementi di reddito “non possono costituire le uniche risposte”, ma serve una crescita “qualitativa, imperniata sull’introduzione di nuovi prodotti (beni e servizi), adatti anche alle esigenze dei vari gruppi di soggetti, ottenuti secondo modalità che salvaguardino i beni comuni”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora