Riflessioni del Direttore

Il futuro dei Fedeciv

Pubblicato il 10 ottobre 2010 da Mauro Bafile

Tante le critiche. Gli argomenti, poi, sono sempre gli stessi. Anche a Merida. Li citiamo: i nostri “giochi Fedeciv” sono diventati ormai un “mostro” difficile da gestire ed ancor più da programmare, eppoi rappresentano una spesa difficilmente giustificabile in un contesto economico di crisi come quello che viviamo oggi; i nostri centri sociali più piccoli, in particolare quelli che sorgono nelle regioni più depresse del Paese, non potranno mai ospitare una manifestazione di tali proporzioni per la carenza di infrastrutture idonee; ormai è andato smarrito lo spirito che mosse i fondatori e giustificò la creazione della manifestazione: oggi importa solo vincere.

Tutto vero. Ma… Ormai i “giochi”, il fiore nell’occhiello della nostra collettività, hanno raggiunto dimensioni tali che rendono difficile e complessa la loro gestione ed organizzazione. Più di tremila atleti; una ventina di discipline. Non è uno scherzo. Se poi si pensa che ogni atleta è accompagnato da almeno due persone, i numeri crescono fino a raggiungere cifre da capogiro. Tutto ciò ci mostra le dimensioni della kermesse e dell’impegno che essa richiede. Ma, ci chiediamo, non era questo l’obiettivo intrinseco dei “Fedeciv”? Non era questo, appunto, il desiderio di chi li ideò e lottò contro vento e marea per trasformarli in realtà. Lo sport, in fondo, era solo un pretesto; un motivo per unire per qualche giorno gli italiani del Venezuela.

E’ anche vero – ma a nostro avviso non del tutto – che per i piccoli centri italo-venezolani il percorso è tutto in salita. Non per la carenza di infrastrutture sportive. Queste, come ha dimostrato Merida, possono essere reperite coinvolgendo nell’organizzazione della grande Kermesse i governi regionali, quelli locali e altri organismi pubblici e privati. Semmai lo scoglio da superare è la mancanza, in alcune città, di alberghi e pensioni dove far alloggiare le delegazioni provenienti da tutto il Paese. Anche questa difficoltà, comunque, non è insuperabile. E’ sufficiente un po’ di inventiva, estro ed immaginazione. Insomma, quello spirito di iniziativa che non è mai mancato a noi italo-venezolani.

Ed è vero, nessuno può negarlo, che col trascorrere degli anni è andato smarrito lo spirito che mosse i fondatori della grande kermesse. La filosofia che giustifica l’organizzazione dei Fedeciv non è certo il confronto sportivo tra i nostri clubs, tra i nostri alteti. Non si tratta di vincere a tutti i costi. Questo non è né l’obiettivo, né il fine ultimo. Non avrebbe semplicemente senso. Va riscattata, ed al più presto, la filosofia di fondo: dal pretesto offerto dallo sport, promuovere un momento di unione e fraternità tra noi italiani del Venezuela.

Necessario dare una svolta ai Giochi? Senz’altro. Sono trascorsi gli anni, il paese è cambiato e con esso la nostra Collettività. Non viviamo più nella “Venezuela Saudita” – Sanin dixit -. Ed accanto ai pionieri, oggi, vi è una seconda ed una terza generazione integrata al tessuto sociale del paese ma anche, pur a modo suo, profondamente vicina all’Italia. E’ logico, quindi, che la kermesse sportiva debba adattarsi alle nuove realtà. Ma è altresì vero che qualunque iniziativa non può rappresentare una involuzione né tradire lo spirito, la filosofia che ne giustifica ancora l’esistenza.

I giochi Fedeciv non sono una manifestazione sportiva. O, almeno, non sono solo quella. L’aspetto sportivo, ne siamo certi, è proprio quello che conta meno. L’importante è la possibilità che esso offre di riunirsi, ritrovare vecchi amici e farne di nuovi. E’ l’occasione per il raffronto di esperienze; l’opportunità per i più giovani di conoscere i coetanei di altre regioni, di altre città. E’ questa la vera ragione di queste nostre grandi Olimpiadi. Ed è questo lo spirito che non deve e non può essere tradito. Detto ciò, qualunque iniziativa non solo è benevenuta ma necessaria.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora