Solidarietà

Pubblicato il 05 dicembre 2010 da Mauro Bafile

Il 7 aprile del 2009, all’indomani del terribile terremoto che distrusse il centro storico dell’Aquila ed i suoi magnifici borghi, chiamammo all’appello la nostra Collettività. E tutti risposero, senza eccezione. Risposero le nostre istituzioni e fecero altrettanto tutti i nostri connazionali. Fu una corsa alla solidarietà. Allora, la generosità degli italiani del Venezuela – di tutti gli italiani e non solo di quelli di origine abruzzese – si materializzò in una cospicua somma di denaro. Questa, grazie all’interesse della nostra Ambasciata ed alla sensibilità dei funzionari di Cadivi, fu trasferita ad un conto della Regione Abruzzo. Erano fondi destinati alla costruzione di importanti opere. Quei denari, responsabili i meandri della burocrazia regionale, ancora non sono giunti a destinazione. Eppure, ne sono passati di mesi. Il Sindaco di Villa Sant’Angelo li attende tuttora. Ma questa è un’altra storia; una storia della quale parleremo in un altro momento.

Oggi, a causa del maltempo, ad aver bisogno della nostra solidarietà sono i nostri fratelli venezolani. Migliaia di famiglie, tra esse anche quelle di connazionali, sono rimaste senza un tetto. Vivono in rifugi provvisori, in attesa di una migliore sistemazione. Molti raccolti sono andati persi, allevamenti completamente distrutti, industrie allagate. Tanti i paesi che oggi giacciono sotto le acque. A Caracas, a Maracaibo, a Merida, a San Cristobal ed in tante altre città del Paese quartieri umili, resi inabitabili dalle piogge, sono stati evacuati. In alcuni di essi, non si potrà far più ritorno. Le Tv, pubbliche e private, ritraggono immagini dantesche. Sono quelle di una nazione in ginocchio ma non sconfitta; di un paese che non si arrende abituato com’è a rispondere con coraggio e tenacia alle calamità. Non ci sorprende. Dopotutto è un paese che anche noi abbiamo aiutato a costruire e che, nel fondo, abbiamo concorso a modellare. In esso abbiamo seminato quel coraggio e quella tenacia che ci sono propri, che sono nel dna di tutti gli italiani fuori d’Italia.

E’ per questo che la “Voce”, assieme a Faiv, a Fedeciv e a Fegiv, rivolge l’ennesimo invito alla solidarietà; a quella con la “s” maiuscola. Oggi ad aver bisogno di noi sono i fratelli venezolani, i nostri connazionali che hanno perso tutto. Sono loro, oggi, a necessitare non solo di una parola amica e di un gesto di affetto ma, soprattutto, di un aiuto concreto. Le donazioni, – medicine, acqua, alimenti a lunga conservazione, indumenti – possono essere già consegnati alla Casa d’Italia di Maracay, al Centro Social Italo-Venezolano di Valencia, al Centro Italo Venezolano Afivel di Barquisimeto, al Centro Italiano Venezolani di Caracas i cui poli di raccolta sono gestiti nella stragrande maggioranza dai responsabili della Federazione di Giovani Italo-Venezolani. A questa iniziativa, siamo certi, aderiranno tutti i nostri sodalizi presenti in ogni angolo Paese.

Come nel 2009, anche in questa occasione è importante mettere nel cassetto rivalità, rancori, contrasti ed antagonismi. E’, questo, il momento di esprimere i nostri migliori sentimenti; di costruire una grande cordata di solidarietà. Lo abbiamo fatto ieri. Sapremo farlo anche oggi.

Mauro Bafile

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

Archivio Ultima ora