EEUU

EEUU actuará si Venezuela viola sanciones contra Irán

Pubblicato il 02 marzo 2011 da redazione

WASHINGTON- La secretaria de Estado de Estados Unidos, Hillary Clinton, amenazó este martes a Venezuela con una acción en contra, si dentro de la relación que mantiene el país suramericano con Irán se violan las sanciones internacionales impuestas por el desarrollo de un programa nuclear con fines pacíficos.
En una interpelación dentro del Congreso de la nación, en Washington, Clinton dijo que “si hubiera evidencia de que han violado las sanciones, actuaremos contra ellos”.


La jefa de la diplomacia estadounidense dijo no obstante que hasta ahora no hay pruebas de que el régimen de Hugo Chávez haya violado las sanciones impuestas contra Irán por su programa nuclear, que las potencias occidentales consideran persigue una bomba atómica.
Washington ha manifestado su preocupación desde que en octubre pasado en Teherán Chávez y el presidente iraní, Mahmud Ahmadinejad, firmaron una serie de memorandos de acuerdo para la cooperación bilateral en materia energética.


“Actualmente, nuestra información es que su relación es principalmente diplomática y comercial y no se ha movido en la dirección en la que ellos señalan”, dijo Clinton.
El legislador republicano de Florida, Connie Mack, destacó los “contratos firmados” que garantizan la transferencia de dos cargamentos de gasolina de Venezuela a Irán, lo que viola el régimen de sanciones contra Teherán.


También recordó que, el pasado 15 de febrero, el secretario de Estado adjunto de EEUU para América Latina, Arturo Valenzuela, reveló en una audiencia del Subcomité para el Hemisferio Occidental de la Cámara Baja, que Washington investiga si Caracas viola las sanciones contra Irán.
Pero Clinton dijo hoy que “hemos visto muchas declaraciones y contratos que salen de Venezuela, pero no vemos que se hayan llevado a término”.


Mack insistió en que “está muy claro” que el presidente venezolano, Hugo Chávez, “apoya a regímenes, dictadores, la destrucción de los derechos humanos…y no es alguien con quien queramos alinearnos”.
La jefa de la diplomacia estadounidense coincidió con Mack en que la retórica de Chávez es “profundamente preocupante y deplorable”, pero dejó claro que, por ahora, EEUU no tiene pruebas sobre las violaciones.

Investigan a Venezuela


Horas antes de su comparecencia, el Departamento de Estado dijo que informó al encargado de negocios de la Embajada de Venezuela, Ángelo Rivero, de que investiga si Caracas viola el régimen de sanciones impuesto por la comunidad internacional contra Irán.


El subsecretario de Estado adjunto de EEUU para Energía, Sanciones y Materias Primas, Robert Cekuta, se reunió recientemente con Rivero para abordar temas como la Ley Integral de Sanciones, Responsabilidad y Desinversión (CISADA, siglas en inglés), explicaron a Efe fuentes del Departamento de Estado.
Entre los pactos energéticos alcanzados por Venezuela e Irán, sobresale el compromiso de Caracas de exportar 20.000 barriles diarios de gasolina a Irán.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

17:37Tennis: ranking Nadal saldo al n.1, Fognini 27/o

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Con la conclusione delle Atp Finals diventa praticamente definitiva la classifica del tennis mondiale dove lo spagnolo Rafa Nadal è saldamente al comando, per la quattordicesima settimana, e chiude l'anno con 1.040 punti di vantaggio sullo svizzero Roger Federer. Sul gradino più basso del podio mondiale irrompe il bulgaro Grigor Dimitrov, vincitore a Londra che si regala il best ranking superando in un colpo il tedesco Alexander Zverev, l'austriaco Dominic Thiem e il croato Marin Cilic. Best ranking anche per il finalista del Masters, il belga David Goffin, che sale in settima posizione, e per lo statunitense Jack Sock, che grazie alla semifinale londinese si va ad accomodare sulla poltrona numero otto. Fabio Fognini si conferma numero uno azzurro: il 30enne ligure è stabile al numero 27, così come Paolo Lorenzi in 43/a posizione e Thomas Fabbiano al 73/o posto. Risale di un paio di gradini invece Andreas Seppi, ora al n. 87. Fa un passo avanti anche Marco Cecchinato, numero 110.

17:37Ex generale suicida: don Maurizio, eri esempio rettitudine

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 20 NOV - "Siamo in tanti perché eri un esempio di rettitudine e amore per la natura: qui c'è tutta Sulmona che vuole manifestarti affetto e riconoscenza". E' un passaggio dell'omelia di don Maurizio Nannarone, che nella chiesa di Santa Maria della Tomba a Sulmona, ha celebrato i funerali di Guido Conti, l'ex generale dei carabinieri forestali che si è tolto la vita venerdì scorso nelle campagne di Pacentro (L'Aquila). Tra i banchi della chiesa i vertici dei carabinieri con in testa il comandante della Ogaden, Giovanni Nistri, l'ex procuratore capo dell'Aquila, Fausto Cardella, il capo della Procura di Sulmona, Giuseppe Bellelli, il suo collega di Vasto, Giampiero Di Florio, il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, il presidente del Tribunale di Sulmona, Giorgio Di Benedetto, la senatrice Paola Pelino, l'ex presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, l'attuale questore di Pescara, Francesco Misiti, e il suo predecessore, Paolo Passamonti. Alle esequie anche l'ex comandante provinciale dei Cc di Pescara, Paolo Piccinelli, che con Conti ha condiviso un periodo in Umbria. (ANSA).

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

Archivio Ultima ora