“OBITER DICTA”

“El nuevo decreto de desalojo”

Pubblicato il 28 giugno 2011 da Por: Hildegard Rondón de Sansó

En materia de régimen inquilinario, Venezuela sufrió con los desaciertos del Decreto Legislativo sobre Desalojo de Vivienda del 27 de septiembre de 1947, que fuera dictado por la Asamblea Nacional Constituyente, convocada para elaborar la Constitución de 1947. Esta situación solo concluiría 52 años más tarde, con el vigente Decreto Ley de Arrendamientos Inmobiliarios del 7 de diciembre de 1999 que, finalmente, eliminó la dispersión de la materia y racionalizó el sistema para hacerlo más equilibrado, incluso, en la parte relativa al desalojo.

Pues bien, el mal sueño ha regresado, ya que el 6 de mayo de 2011, en la Gaceta Oficial N° 39.668, fue publicado el Decreto 8.190 con Rango, Valor y Fuerza de Ley contra el Desalojo y la Desocupación Arbitraria de Vivienda. El Decreto fue anunciado como una de las grandes novedades legislativas, conjuntamente con otras dos normas jurídicas de igual rango y tendencia, sobre las cuales no vamos a dar opinión alguna. A diferencia de ello, sí vamos a comentar el nuevo decreto que hace renacer un sistema que ya pensábamos había sido superado.

El nuevo decreto de desalojo es revelador de una extraña concepción jurídica de quienes lo elaboraron, por cuanto se basa en una noción anárquica, que es el propiciar a través de una norma, la inaplicación, desobediencia e ignorancia de cualquier otra o de cualquier otro acto dictado sobre la materia, bien sea de naturaleza administrativa o judicial. Quedará así para los estudiosos del Derecho como un ejemplo de hasta donde puede llegar la vulnerabilidad de los principios sobre los cuales se erige la existencia misma del Estado.

El nuevo Decreto les da un escudo mágico a determinados sujetos para que, con relación a sus intereses, no surtan efecto las normas jurídicas del ordenamiento; un paraguas para que no lluevan sobre ellos las consecuencias naturales de su conducta.

Entre otros errores, el Decreto se especializa en establecer procedimientos que están, intencionalmente, destinados a no llevar a quienes los emprenden a parte alguna; procedimientos que son, como el proceso de Kaffka, sin salida, sin solución, meros trámites burocráticos y nada más.
Una de las cosas más originales del decreto está en el enunciado del artículo 19 que declara su total y completa aplicación preferente sobre cualquier otra norma que pueda regular la materia.
Nos preguntamos si alguna vez volveremos a ver esos “carteloncitos” que se colocan al frente de muchos inmuebles en todas las ciudades del mundo con la indicación de “SE ALQUILA”. Hace muchos años que tales anuncios no aparecen entre nosotros por ninguna parte, porque el contrato de arrendamiento dejó de ser libre, rápido, posible de celebrar, una alternativa válida para obtener vivienda, porque nuestro régimen es esencialmente punitivo.

Querríamos ver los múltiples llamamientos de “Se alquila”, pero ello exige una industria de la construcción floreciente, porque confía en las normas y los recursos de un sistema que proteja al inquilino, al fomentar nuevas edificaciones a su alcance. Un sistema que deje de lado impedimentos y sanciones para lograr una regulación no discriminatoria. No será justamente con este nuevo decreto de desalojo que le gana en rigidez al de 1947, que se corregirán los grandes vicios que el contrato de arrendamiento de inmuebles ha debido tolerar. Por el contrario, constituirá un factor que propicie el empeoramiento de la situación actual.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

15:47Sisma: Mattarella, furto pc scuola offesa a Italia

(ANSA) - SONDRIO, 30 SET - Il furto dei computer dalla scuola di uno dei paesi delle Marche colpiti dal terremoto "risulta particolarmente grave, intollerabile e da perseguire con la più grande severità". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, partecipando alla manifestazione 'Tutti a scuola' a Sondrio. "La sottrazione di computer in una scuola di un paese delle Marche colpito dal terremoto costituisce un tentativo odioso di rubare il futuro ai ragazzi di quel Comune. E' un'offesa a quell'ampio moto di solidarietà che si è sviluppato in tutta Italia".

15:44Calcio: Zenga, Roma-Inter gara complicata per entrambe

(ANSA) - MILANO, 30 SET - "Roma-Inter sarà una partita complicata per entrambe le squadre. I giallorossi arrivano da una sconfitta pesante, l'Inter dovrà confermare quello che di buono ha fatto finora": lo dice Walter Zenga ora allenatore del Wolverhampton a Premium Sport. In passato Zenga è stato accostato alla panchina dell'Inter: "Era una mia idea ma se non è successo, ci saranno stati dei motivi. L'Inter rimane il mio cuore, la mia anima e la mia vita". Zenga è convinto che la lotta scudetto non si riduca ad un duello tra Juventus e Napoli. Anche Roma e Inter possono combattere per il titolo: "All'inizio del campionato si pensava che solo Juve e Napoli potessero giocarsi la vittoria finale e in questo momento stanno confermando le aspettative ma a mio modo di vedere sia la Roma che l'Inter possono fare qualcosa per creare delle problematiche alle prima due in classifica".

15:43Mattarella, spirito unità nazionale diventi permanente

(ANSA) - SONDRIO, 30 SET - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, auspica che lo "spirito di unità nazionale, che si manifesta, comprensibilmente, con maggiore evidenza nei momenti di grande difficoltà, possa divenire un carattere permanente della nostra vita nazionale". Mattarella lo ha detto, nella sua vista a Sondrio, riferendosi al sisma che ha colpito il Centro Italia.

15:42Referendum: Schifani, voti destra? Renzi teme di perdere

(ANSA) - ROMA, 30 SET - "Dalle affermazioni di ieri di Renzi traspare chiaramente la paura di perdere il referendum. Il premier camuffa i pessimi contenuti della sua riforma costituzionale, che farebbero fare più di un passo indietro al nostro Paese, e cerca di confondere l'elettorato di destra, quello moderato e liberale. Renzi, però non si è accorto che la vittoria del No sarà schiacciante perché questi elettori hanno già deciso da molto tempo quale schieramento appoggiare". Lo afferma Renato Schifani (Forza Italia).

15:41Referendum:Parisi,Renzi non entra nel merito,parla d’altro

(ANSA) ROMA 30 SET - "Nonostante l'appello di Mattarella di confrontarsi nel merito, Renzi continua a parlare di altro pensando che con le pensioni minime si possa risolvere il problema del referendum. Bisogna avere rispetto degli elettori. Bisogna poi far capire che se vince il no non succede il disastro come ha fatto capire Renzi, non si tratta di un caso Brexit. Se vince no abbiamo comunque una Costituzione che non sarà perfetta ma è meglio di quella confusa che esce dal referendum". Lo afferma Stefano Parisi ospite della trasmissione cofee break su La7.

15:36Referendum: Di Maio, slogan titolo contrario a testo

(ANSA) - ROMA, 30 SET -"Questa riforma nel titolo ha uno slogan e una notizia, nel testo ha il contrario". Così il deputato M5s e vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, su Fb dove riporta una sua dichiarazione a margine di un convegno M5s. "Ho visto una campagna referendaria per il sì che dice: 'Cara Italia vuoi ridurre il numero dei politici?' Ma le domande giuste sono: Cara Italia vuoi dare l'immunità parlamentare anche ai Consiglieri regionali e ai sindaci? No. Cara Italia vuoi che il Senato non venga più eletto da nessuno? No. Cara Italia vuoi di nuovo una legge elettorale con le liste bloccate e senza la possibilità reale di eleggere i tuoi rappresentati? No" afferma Di Maio che conclude: "Io dico No".

15:35Calcio: Dani Alves, sono qui per vincere la Champions

(ANSA) - TORINO, 30 SET - "Sono venuto alla Juventus per vincere la Champions League". Dani Alves conferma le ambizioni europee dei bianconeri. "Sono venuto qui a Torino per aiutare la squadra a raggiungere questo obiettivo - spiega il brasiliano - ma dobbiamo migliorare, è una competizione in cui va curato ogni singolo dettaglio". Apprezzamento per Higuain, anche se dalle parole di Alves è il concetto di squadra ad uscirne rafforzato. "Higuain può fare la differenza, i numeri dicono questo, ma non dobbiamo dare troppo peso ad un singolo giocatore" dato che alla Juventus ci sono "tanti bravi giocatori, quindi non puntiamo solo su Higuain che può farci fare il salto di qualità".

Archivio Ultima ora