“OBITER DICTA”

“El nuevo decreto de desalojo”

Pubblicato il 28 giugno 2011 da Por: Hildegard Rondón de Sansó

En materia de régimen inquilinario, Venezuela sufrió con los desaciertos del Decreto Legislativo sobre Desalojo de Vivienda del 27 de septiembre de 1947, que fuera dictado por la Asamblea Nacional Constituyente, convocada para elaborar la Constitución de 1947. Esta situación solo concluiría 52 años más tarde, con el vigente Decreto Ley de Arrendamientos Inmobiliarios del 7 de diciembre de 1999 que, finalmente, eliminó la dispersión de la materia y racionalizó el sistema para hacerlo más equilibrado, incluso, en la parte relativa al desalojo.

Pues bien, el mal sueño ha regresado, ya que el 6 de mayo de 2011, en la Gaceta Oficial N° 39.668, fue publicado el Decreto 8.190 con Rango, Valor y Fuerza de Ley contra el Desalojo y la Desocupación Arbitraria de Vivienda. El Decreto fue anunciado como una de las grandes novedades legislativas, conjuntamente con otras dos normas jurídicas de igual rango y tendencia, sobre las cuales no vamos a dar opinión alguna. A diferencia de ello, sí vamos a comentar el nuevo decreto que hace renacer un sistema que ya pensábamos había sido superado.

El nuevo decreto de desalojo es revelador de una extraña concepción jurídica de quienes lo elaboraron, por cuanto se basa en una noción anárquica, que es el propiciar a través de una norma, la inaplicación, desobediencia e ignorancia de cualquier otra o de cualquier otro acto dictado sobre la materia, bien sea de naturaleza administrativa o judicial. Quedará así para los estudiosos del Derecho como un ejemplo de hasta donde puede llegar la vulnerabilidad de los principios sobre los cuales se erige la existencia misma del Estado.

El nuevo Decreto les da un escudo mágico a determinados sujetos para que, con relación a sus intereses, no surtan efecto las normas jurídicas del ordenamiento; un paraguas para que no lluevan sobre ellos las consecuencias naturales de su conducta.

Entre otros errores, el Decreto se especializa en establecer procedimientos que están, intencionalmente, destinados a no llevar a quienes los emprenden a parte alguna; procedimientos que son, como el proceso de Kaffka, sin salida, sin solución, meros trámites burocráticos y nada más.
Una de las cosas más originales del decreto está en el enunciado del artículo 19 que declara su total y completa aplicación preferente sobre cualquier otra norma que pueda regular la materia.
Nos preguntamos si alguna vez volveremos a ver esos “carteloncitos” que se colocan al frente de muchos inmuebles en todas las ciudades del mundo con la indicación de “SE ALQUILA”. Hace muchos años que tales anuncios no aparecen entre nosotros por ninguna parte, porque el contrato de arrendamiento dejó de ser libre, rápido, posible de celebrar, una alternativa válida para obtener vivienda, porque nuestro régimen es esencialmente punitivo.

Querríamos ver los múltiples llamamientos de “Se alquila”, pero ello exige una industria de la construcción floreciente, porque confía en las normas y los recursos de un sistema que proteja al inquilino, al fomentar nuevas edificaciones a su alcance. Un sistema que deje de lado impedimentos y sanciones para lograr una regulación no discriminatoria. No será justamente con este nuevo decreto de desalojo que le gana en rigidez al de 1947, que se corregirán los grandes vicios que el contrato de arrendamiento de inmuebles ha debido tolerar. Por el contrario, constituirá un factor que propicie el empeoramiento de la situación actual.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

20:37Sinistra: Sala, modello Milano unico possibile

(ANSA) - MILANO, 7 DIC - "Credo che il modello Milano di sinistra unita sia l'unico possibile": così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato l'alleanza progressista proposta da Giuliano Pisapia. "Lo guardo con interesse - ha aggiunto arrivando alla Scala - Certo che quello spazio politico è largo e stretto. Bisogna capire chi saranno i compagni di viaggio che si aggregheranno. Comunque quello è uno spazio assolutamente prezioso".

20:34Calcio: Pisa, Petroni cede il club a Corrado

(ANSA) - PISA, 7 DIC - Carrara Holding, società proprietaria del Pisa che fa capo all'imprenditore romano Fabio Petroni, ha comunicato oggi ufficialmente di avere accettato l'offerta di acquisto presentata dal gruppo Magico di Giuseppe Corrado. Il passaggio di proprietà si formalizzerà nei prossimi giorni dopo l'approvazione del bilancio del club da parte dell'attuale proprietà. Intanto, sotto la prefettura di Pisa centinaia di tifosi toscani stanno manifestando pacificamente per chiedere che Petroni venda senza ulteriori condizioni la società. In piazza è presente anche il sindaco Marco Filippeschi e i supporter continuano ad aspettare conferme da parte dei compratori "perché già altre volte sembrava fatta e poi siamo rimasti delusi: non vorremmo che il comunicato di Carrara Holding, concordato con la Lega, servisse a farci ritirare la nostra protesta Senza una conferma ufficiale da parte di Corrado - concludono i tifosi - la prossima gara interna contro il Bari non si giocherà".

20:30Emiliano, Direzione Pd? Mortificata democrazia interna

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Come volevasi dimostrare non è stato dato alcuno spazio al dibattito durante la Direzione Nazionale che é durata pochi minuti e che é servita solo a creare la scena di una dichiarazione prevedibile e priva di volontà di dibattito politico. Convocare centinaia di persone da tutta l'Italia per confezionare una scena del genere è una mortificazione della democrazia interna e della dignità del partito. Sono senza parole". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano commentando la Direzione del Pd.

20:29Renzi, dopo consultazioni nuova direzione Pd, si decide qui

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Dopo le consultazioni al Quirinale la delegazione Pd riferirà alla direzione "perché a quel punto si possa discutere in modo democratico e chiaro del percorso da scegliere. Non ci sono soluzioni scodellate, si parla e decide qui dentro. Il Pd non fugge da democrazia e trasparenza e ha l'abitudine di non fuggire nemmeno dallo streaming". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.

20:25Calcio: tifosi granata, ‘vogliamo un Toro scatenato’

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - Spalti gremiti e tanto entusiasmo per l'allenamento odierno del Torino, sotto lo sguardo attento del presidente Urbano Cairo. "Vogliamo un Toro scatenato, incorniamoli", lo striscione esposto dai tifosi per spronare Belotti e compagni in vista del derby. Buone notizie anche dall'infermeria, con capitan Vives ormai "avviato verso il completo recupero", come recita il sito ufficiale della società granata.

20:16Calcio: Ancelotti, vorrei evitare il Real

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "La vittoria di ieri non ha cambiato nulla, ma era comunque importante aggiudicarci il match. Tutte le partite sono utili per ritrovarsi. Abbiamo complicato il nostro cammino nel girone con la sconfitta a Rostov. Avremmo voluto classificarci al primo posto, ma penso che non cambierà molto con il secondo posto. Non c'è tanta differenza, saranno ottavi difficili per tutti". Lo ha detto Carlo Ancelotti, allenatore del Bayern Monaco, commentando ad As l'esito finale del girone. Ancelotti teme l'esito del sorteggio degli ottavi di Champions, che si svolgerà lunedì. "Vediamo cosa succede - dice -. La Juve? Si tratta di una grande squadra e sarà al secondo turno, è sempre un'avversaria molto dura ma, come ho detto, il secondo turno sarà molto difficile per tutti". "Juve e Atletico - ha aggiunto Ancelotti - si assomigliano, sono squadre da combattimento e anche molto organizzate. La squadra bianconera ha più qualità rispetto alle stagioni passate. Spero di non affrontare il Real Madrid, preferirei evitarlo".

20:11Governo: Acli, continuare sulla strada delle riforme

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - La presidenza Acli ritiene che prima del completamento della legislatura "alcune riforme debbano necessariamente concludere il proprio iter". Tra quelle considerate più urgenti c'è la riforma della legge elettorale, ma saranno seguite con attenzione anche quella per il contrasto alla povertà (in particolare il Rei, il reddito d'inclusione), la riforma del terzo settore e la riforma della legge sulla cittadinanza. "Si tratta - sostengono le Acli - di atti che hanno avuto percorsi diversi e che devono trovare un compimento nel più breve tempo possibile". Le Acli "continueranno a seguire da vicino l'evolversi della situazione politica e si metteranno a disposizione di chi opera per pacificare il clima del Paese e restituire priorità al tema del lavoro e del welfare. Sono queste - sostiene la presidenza Acli - le condizioni necessarie affinché l'Italia possa ripartire, garantendo stabilità all'interno del quadro europeo, che rimane il nostro contesto di riferimento".

Archivio Ultima ora