URGE UNA RISTRUTTURAZIONE

Riconoscimento titoli studio, pericoli lungo la strada

Pubblicato il 19 gennaio 2012 da redazione

CARACAS – Come annunciato ieri su queste pagine, la Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati ha approvato la ratifica dell’accordo di riconoscimento dei titoli di studio sottoscritto tra Italia e Venezuela nel 2007. Due gli obiettivi: facilitare l’accesso alle scuole e alle università locali; consolidare il modello formativo italiano in Venezuela, anche attraverso l’apertura di nuove scuole con programmi di studio riconosciuti dal nostro ordinamento.

– Sono felicissimo – afferma alla ‘Voce’ il Console Generale, Giovanni Davoli – abbiamo fatto molta pressione su Roma in questi mesi perché questa mancata ratifica ci preoccupava… Ora – precisa – bisogna attendere l’ok della Camera e poi il passaggio in Senato per l’approvazione definitiva.

Nella pratica, l’accordo veniva già applicato dal nostro Consolato attraverso la ‘Dichiarazione di valore’: un documento che certifica la validità del titolo di studio nell’ordinamento venezuelano e che normalmente permette l’ingresso negli istituti italiani. Ogni anno centinaia di studenti si rivolgono all’ufficio notarile per rendere valido il proprio titolo. Nel 2010 sono stati 372.

Davoli precisa che l’accordo non prevede il riconoscimento dei titoli universitari, per il quale l’interessato deve contattare direttamente un Ateneo dell’altro Paese per la conversione del titolo.

La discussione in Aula

Durante la discussione in Commissione Esteri, Gennaro Malgieri (Pdl) ha illustrato il provvedimento mettendo in luce la capacità della norma di rispondere “alle legittime esigenze nutrite dalla nostra comunità residente in Venezuela, sanando la carenza di una disciplina bilaterale”. È intervenuto poi il sottosegretario di Stato agli Affari Esteri Marta Dassù evidenziando la necessità di procedere speditamente con l’esame dell’accordo già ratificato dal Venezuela nell’ambito di una serie di intesa analoghe stipulate con quasi tutti gli Stati membri dell’Unione Europea.

Fabio Porta (Pd) ha messo in evidenza “la rilevanza di simili iniziative sul piano dell’impatto culturale e politico a fronte di moderati oneri finanziari”. A carico del del bilancio dello Stato, infatti, si prevedono 5.100 euro annui, ad anni alterni a partire da quest’anno, quando la Commissione si riunirà in Venezuela.
Non sono mancate perplessità relativamente all’approvazione dell’accordo, dovute alle opinioni negative sul governo venezuelano espresse da alcuni parlamentari.

Critico l’intervento di Fiamma Nierenstein (Pdl), che sottolinea in particolare il ruolo negativo assunto dal Venezuela nel contesto latino-americano “anche in termini di visione politica internazionale e di impatto sulla cultura dei diritti umani”. Dubbi condivisi da Gianni Vernetti (Misto – Api), pur concordando sull’opportunità di normalizzare e rafforzare le relazioni italo-venezuelane nell’interesse della comunità dei nostri connazionali, e da Enrico Pianetta (Pdl) che preannuncia tuttavia il voto favorevole del suo gruppo, per “operare innanzitutto per la tutela degli italiani nel mondo”. Franco Narducci (Pd), infine, ribadisce la necessità di procedere in ogni caso con la ratifica “tenendo conto delle difficoltà cui i nostri connazionali sono andati incontro per essersi spesso attestati su posizioni di forte critica al governo venezuelano”.

È Malgieri a mettere un freno a questo tipo di titubanze ribadendo l’opportunità di “tenere distinto il profilo politico relativo alla natura della presidenza Chávez da quello oggetto dell’accordo” e “la necessità di operare nell’interesse prioritario delle comunità degli italiani residenti in Venezuela”.

A 360 gradi

Narducci ha evidenziato durante il suo intervento “il ruolo svolto dalle scuole italiane in Venezuela quali snodi fondamentali attorno ai quali ruota la vita delle nostre comunità”.

È necessario sottolineare però che l’unica scuola italiana del Paese, l’A.Codazzi di Caracas, ha prezzi che in molti considerano proibitivi.

Anche un altro istituto di Caracas, il ‘Colegio Bolivar y Garibaldi’, è stato al centro delle polemiche per numerose irregolarità ed ha da poco restituito migliaia di euro di cui si era indebitamente approppiato attraverso i finanziamenti statali. Certo si tratta solo di una parte delle entrate della scuola, la cui sezione italiana è stata chiusa. Basti pensare che solo dal 2007 al 2009 l’Istituto ha ricevuto dallo Stato Italiano oltre 500 mila euro, cui si aggiungono i finanziamenti per i corsi di lingua e cultura italiana previsti nelle sezioni venezuelane e le quote mensili pagate dalle famiglie degli alunni.

Senza dimenticare le cosiddette ‘scuole-fantasma’ che per anni hanno ricevuto illegalmente contributi dal governo italiano; i cambi euro-bolivar a tassi irregolari e la conseguente falsificazione dei ‘borderò bancari’; i bilanci volutamente costruiti in negativo affinchè l’Italia concedesse più soldi; gli insegnanti contrattati in nero.

Questo in un Paese che ha aperto le porte alla lingua italiana, approvandone l’insegnamento nelle scuole pubbliche al pari dell’inglese o del francese.

Nel nuovo scenario che si profila all’orizzonte con la ratifica dell’accordo potrebbero sorgere nuovi istituti (è uno degli obiettivi) e quelli già esistenti potrebbero subire modifiche sostanziali in ragione dei corsi di lingua italiana e dell’‘anno integrativo’ previsto dall’accordo.

È necessario quindi che le delegazioni delle Commissioni parlamentari (l’ultima ha visitato Caracas nel febbraio 2009), ma non solo, effettuino controlli seri a 360 gradi sui meccanismi che regolano il mondo delle scuole attorno alle quali “ruota la vita delle nostre comunità”. Un mondo fatto per promuovere l’Italia e l’italiano, non per imbottire i portafogli di pochi.

La collettività è pronta?

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

Archivio Ultima ora