Mose: fisco presenta conto a indagati per fondi illeciti

(ANSA) – VENEZIA, 24 FEB – A Renato Chisso, ex assessore veneto alle infrastrutture ora ai domiciliari per l’inchiesta Mose, sono contestati redditi non dichiarati per 900mila euro complessivi, sanzioni comprese, per il 2007 e 2009. E’ l’effetto degli accertamenti compiuti dalla Guardia di Finanza e trasmessi all’Agenzia delle Entrate che hanno portato a richieste di ‘tasse’ sulle presunte tangenti. Verifiche, sulla base di una legge del 1993, sarebbero in corso anche per l’ex governatore Giancarlo Galan e altri.

Condividi: