Cadavere mummificato in casa, al via processo nel Cuneese

(ANSA) – CUNEO, 17 MAR – Hanno chiesto di patteggiare, nella prima udienza al tribunale di Saluzzo, la figlia e il genero di Graziella Giraudo, la santona che dopo la morte della consuocera, un anno e mezzo fa, è stata trovata mummificata nella casa che condividevano a Borgo San Dalmazzo. Sono accusati di occultamento di cadavere insieme agli altri stretti famigliari, mentre altre tre persone sono accusate di favoreggiamento. Gli altri imputati hanno optato per il rito abbreviato. La prossima udienza il 29 giugno.

Condividi: