Alpino ucciso da nazisti, nipote ritrova resti dopo 71 anni

(ANSA) SAVONA, 25 MAR – Ha ritrovato le ossa di suo nonno, alpino ucciso durante una rappresaglia dei nazisti a Chiusa d’Isarco, in Alto Adige, nel cimitero di Griessbruck di Chiusa (Bolzano). Marcello Sciutto, residente a Plodio (Savona) ha seguito le tracce del nonno fino in Alto Adige e infine ha ottenuto la riesumazione dei resti di una tomba sotto il cippo dedicato all’alpino ignoto. Una volta prelevati, ha avuto la certezza che suo nonno era stato sepolto lì grazie al test del dna.

Condividi: