Ruby:giudici,soldi da Berlusconi a ragazze prezzo corruzione

(ANSA) – MILANO, 13 APR – I soldi, anche in contanti, che Silvio Berlusconi avrebbe fatto avere, tramite il ragioniere Giuseppe Spinelli, alle cosiddette ‘Olgettine’, ”non appaiono allo stato altrimenti giustificate se non quale prezzo dei reati in contestazione”. Lo scrive il tribunale del Riesame di Milano nelle motivazioni con cui ha detto no al dissequestro di alcune somme sequestrate ad alcune ragazze nell’ambito dell’inchiesta ‘Rubi ter’ che vede l’ex premier indagato per corruzione in atti giudiziari.

Condividi: