Caso Guerrina: legale frate, è sconvolto

(ANSA) – AREZZO, 27 APR – “Non ci sono elementi per trattenere Padre Gratien in carcere”. Lo ha detto Luca Fanfani, difensore del frate accusato di aver ucciso Guerrina Piscaglia, scomparsa a maggio nell’Aretino. “Padre Gratien è sconvolto”, ha poi aggiunto. Secondo il legale, le indagini “sono partite tre mesi dopo. Guerrina non è mai stata cercata, perché si è partiti dalla logica dell’allontanamento volontario. E’ sconvolgente che la famosa telefonata minatoria di Guerrina al frate non sia stata trascritta”.

Condividi: