Scuola: No a emendamento minoranza Pd su presidi

(ANSA) – ROMA, 18 MAG – L’aula della Camera ha respinto l’emendamento della minoranza del Pd (a prima firma di Stefano Fassina) all’art. 9 del ddl sulla scuola, che abrogava il potere dei presidi di chiamata diretta dei docenti. Contro l’emendamento Fassina hanno votato in 276 e a favore 84. A sostegno dell’emendamento si sono dichiarati Sel e M5s, contro tutti i gruppi di maggioranza e Fi.

Condividi: