Reddito minimo: Cei, assistenzialismo non serve

(ANSA) – ROMA, 20 MAG – “Accompagnare: la parola che il Papa ha detto a noi vescovi, la diciamo alla società”. Accompagnare alla formazione, ad un lavoro, evitando “assistenzialismo”. Il reddito minimo “ma anche la cassa integrazione non deve essere mai finalizzata a fare niente”. Lo dice mons. Giancarlo Bregantini, vescovo di Campobasso e esperto di questioni del lavoro, oggi audito per la Cei in Parlamento. Anche per i giovani “non serve assistenzialismo” ma sostegno ai loro progetti, con prestiti facilitati.

Condividi: