Eternit: difesa, stop processo perché violato ne bis in idem

(ANSA) – TORINO, 4 GIU – Stop al processo Eternit bis perché “siamo in presenza di una violazione del principio del ne bis in idem”, in base al quale non si può essere processati due volte. Così gli avvocati Guido Carlo Alleva e Astolfo Di Amato alla ripresa dell’udienza preliminare in cui l’imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny risponde a titolo di dolo di omicidio in relazione alla morte di 258 persone provocata – secondo l’accusa – dall’amianto lavorato negli stabilimento italiani della multinazionale. (ANSA).

Condividi: