Stava:arcivescovo Trento, da memoria più attenzione a Creato

(ANSA) – TESERO (TRENTO), 19 LUG – “Dalla memoria di una tragedia come quella di Stava deve nascere un atteggiamento più attento verso il Creato e le persone. Quella catastrofe fu segno di morte e è doveroso non solo commemorare, ma portare nel cuore tante sofferenze. Così si attueranno ulteriori buone pratiche”. A dirlo l’arcivescovo di Trento, monsignor Luigi Bressan, a Tesero, in Trentino, dove 30 anni fa una colata di fango cancellò l’abitato di Stava e causò 268 morti, per il crollo di una discarica di miniera.

Condividi: