Canna ‘passiva’, Tar dà ragione a militare sospeso

(ANSA) – BOLZANO, 26 AGO – Il Tar di Bolzano ha dato ragione a un graduato dell’esercito italiano, sospeso dal servizio per quattro mesi dopo l’esito positivo di un drug test. Il caporal maggiore – scrive il Corriere dell’Alto Adige – ha affermato davanti ai giudici di non fumare, ipotizzando la “involontaria inalazione di fumo passivo dovuto alla convivenza di sei mesi con la propria compagna, la quale a causa di gravi motivi personali, aveva cominciato a fare uso di cannabinoidi”. Annullata la sospensione. (ANSA).

Condividi: