Usa: football, le pon pon in rivolta spuntano salario minimo

(ANSA) – NEW YORK, 9 SET – Cheerleader in rivolta negli Usa: in tante vanno dal giudice per veder riconosciuti diritti e salario che non da fame. In California il primo risultato, proprio inseguito a una azione legale vinta da Lacy Thibodeaux, una ragazza pon pon, ai Raiders di Oakland: il governatore Jerry Brown ha firmato una legge che definisce le cheerleader lavoratrici dipendenti e non contrattiste freelance: potranno avere l’aspettativa per motivi di salute, la pausa pasto e soprattutto un salario minimo garantito

Condividi: