Migranti: Caffarra,accogliere con Caritas persone conosciute

(ANSA) – BOLOGNA, 12 SET – Non un’accoglienza emergenziale di persone appena arrivate, ma di singoli o nuclei familiari già identificati o conosciuti, con percorsi di accoglienza tramite la Caritas diocesana e con la corresponsabilità dei parrocchiani perchè da soli i sacerdoti non potrebbero far fronte al bisogno e “in tal caso si prenderà atto con dolore dell’impossibilità di accogliere”. Sono le ‘prime considerazioni per l’accoglienza dei profughi’ fatte in una nota dal card.Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna.(ANSA).

Condividi: