Ebreo accoltellato: Graff, aggredito perché ebreo

(ANSA) – MILANO, 16 NOV – “Mi sento molto meglio, grazie a Dio. Penso che mi sia stata data di nuovo la vita, e spero di tornare alla mia vita normale il prima possibile”. Queste le parole di Nathan Graff, intervistato nella sua stanza nel reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Niguarda, dov’è ancora ricoverato. “Non ho paura, mi sento solo un po’ debole, ma è andato tutto bene – ha aggiunto -. Sono stato aggredito in quanto ebreo, ma non credo che Milano sia una città antisemita”.

Condividi: