Parigi: Svezia, 300 foreign fighter in Siria, 120 tornati

(ANSA) – ROMA, 19 NOV – 300 cittadini svedesi sono partiti per la Siria e si sono uniti ai jihadisti dell’Isis, di questi 120 sono tornati. Lo ha dichiarato il premier svedese. In una conferenza stampa dedicata al tema terrorismo, Stefan Lofven ha spiegato che la Svezia in passato è “stata ingenua rispetto agli allarmi su possibili attentati nel Paese”. Il premier non ha voluto invece rispondere a una domanda su Mutar Muthanna Majid, un sospetto ricercato dalla polizia danese che si teme possa essere entrato in Svezia.

Condividi: