Scoppiò bombola gas durante sagra, quattro condanne

(ANSA) – VERCELLI, 18 GEN – E’ terminato con quattro condanne e un’assoluzione il processo per la strage di San Germano Vercellese, dove nel giugno 2010 l’esplosione di una bombola di gas, durante la Sagra del pesce e del cinghiale, provocò la morte di cinque persone e il ferimento di sette. Il giudice ha condannato a 4 anni di reclusione il presidente della pro loco Maria Grazia Bonifacio e suo marito Giovanni Marchiori, a 3 anni e 8 mesi il gestore del distributore di carburante di Santhià Enrico Pizzo, a 2 anni e 2 mesi il vigile urbano Tiziano Sacchetto. Per tutti interdizione per 5 anni dagli uffici pubblici. Assolto per non aver commesso il fatto il comandante dei vigili Maurizio Guerrini. L’accusa era di omicidio colposo e lesioni colpose gravissime; per Sacchetto anche di falso. (ANSA).

Condividi: