Calcio: inchiesta partita da contratto Lavezzi e Chavez

(ANSA) – ROMA, 26 GEN – L’inchiesta che ha portato ai provvedimenti di oggi nasce con la Gdf che nel 2012 nelle sedi di Napoli e Figc acquisisce i contratti di Ezequiel Lavezzi, ceduto dal Napoli al Psg, e dell’attaccante argentino Cristian Chavez. Partendo da quella attività, 9 mesi dopo, i finanzieri si sono presentati nelle sedi di 41 società di serie A e B per acquisire altri documenti. Gli investigatori parlarono di un “fenomeno generalizzato”, cioè la “progressiva e esasperata” lievitazione degli oneri relativi agli ingaggi dei calciatori. E questo avrebbe fatto sì che nel tempo si determinasse una situazione di squilibrio gestionale sul piano economico e finanziario che potrebbe aver spinto le società a compiere illeciti fiscali. Procura e Gdf hanno esaminato i rapporti tra club, procuratori e giocatori alle modalità di trasferimento di questi ultimi; contratti e modalità d’inserimento nei bilanci dei giocatori; compravendite e diritti d’immagine e tv; attività di scouting e ‘fringe benefit’.

Condividi: