Intossicato da esalazioni stufetta, ‘salvato’ da un pesce

(ANSA) – BOLOGNA, 8 FEB – ‘Salvato’ da un pesce: un 34enne di Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna, è in gravi condizioni dopo essere rimasto intossicato dalle esalazioni di una stufetta portatile mentre dormiva in una tenda da campeggio a Sasso Marconi, Appennino bolognese. L’uomo è stato salvato da un amico, 37enne anche lui di Casalecchio, con il quale era andato a pescare al lago di Porziola. Provvidenziale sarebbe stato, a quanto pare, un pesce che in piena notte ha abboccato all’amo della canna da pesca del 37enne, che dormiva nella propria tenda. L’uomo si è svegliato e, dopo avere recuperato il pesce, è andato a chiamare l’amico, scoprendo che era privo di sensi. Ha così dato l’allarme a carabinieri e 118 e il 34enne è stato soccorso. Dopo essere stato portato all’ospedale Maggiore di Bologna, è stato trasferito nel centro iperbarico di Ravenna, dove è stato ricoverato con prognosi riservata. (ANSA).

Condividi: