Francia: scioperi, giovedì nero, 650 chilometri di code

(ANSA) – PARIGI, 31 MAR – Giovedì nero in Francia, con una nuova giornata di scioperi in tutto il Paese contro la riforma del codice del lavoro del ministro Myriam el Khomri sulla quale, tra l’altro, il governo ha già fatto ampie concessioni ai sindacati. L’impatto dello sciopero dei trasporti sul traffico è stato quello di una giornata di partenza per le vacanze, circa 650 chilometri di code. In media, sulle linee della RER – la metropolitana regionale che porta i lavoratori dalla banlieue al centro e viceversa – circola un treno su due. Meno grave la situazione nel centro di Parigi, dove la metropolitana è soltanto rallentata. Un volo su cinque è annullato all’aeroporto parigino di Orly, dove la media dei ritardi è di 30 minuti sui decolli. Scarso l’impatto nello scalo di Charles de Gaulle. Nonostante le poche centinaia di persone che tradizionalmente partecipano ai cortei, i sindacati affermano che l’obiettivo è superare la mobilitazione del 9 marzo, quando 200.000 persone parteciparono a vari cortei in tutta la Francia.

Condividi: