Ragazzo morto in slittino, tre condanne

(ANSA) – BOLZANO, 1 APR – Un anno e tre mesi di reclusione ciascuno: questa la pena comminata dal tribunale di Bolzano a carico di un maestro di sci e di due responsabili del centro sciistico per la morte di Romano Campiti, un ragazzo romano di 14 anni, rimasto ucciso, nel marzo 2012, dopo uno schianto con lo slittino contro un albero sulla pista della Croda Rossa a Sesto Pusteria. Sul banco degli imputati il maestro di sci, Alessio Talamini, il direttore del centro sciistico di Sesto- Croda Rossa, Mark Winkler e l’addetto alla sicurezza, Rudolf Egarter. I tre dovranno inoltre risarcire con 240 mila euro e familiari della giovane vittima.

Condividi: