Moro: Grassi, Digos arrivò troppo presto in via Fani

Pubblicato il 06 aprile 2016 da ansa

(ANSA) – ROMA, 6 APR – “La testimonianza che abbiamo ascoltato oggi mette un punto fermo nelle prime ricostruzioni della dinamica di via Fani: la Digos arrivò troppo presto sul luogo dell’eccidio, sapevano che stava per accadere qualcosa”. Lo ha dichiarato il deputato del Pd Gero Grassi, componente della Commissione d’inchiesta sul Caso Moro, dopo l’audizione svolta oggi di Emilio Biancone, l’allora autista del Capo della Digos Spinella. “Biancone – spiega Grassi – ha confermato di essersi messo alla guida dell’Alfa sud insieme a Spinella e ad un altro funzionario intorno alle 8,45: con circa quindici minuti di anticipo rispetto ai fatti, partirono dunque dalla sede centrale della Questura diretti ‘in zona Trionfale’, così gli disse Spinella. Durante il tragitto arrivò l’allarme del centralino a tutte le auto della Polizia avvisate di recarsi in via Fani: solo alcune erano sollecitate a recarsi sul luogo, le altre dovevano tenersi lontano per non intralciare la strada. Ricordo – aggiunge Grassi – che in zona Trionfale si trovava sia l’abitazione di Moro che la Chiesa dove era solito recarsi ogni mattina, oltre alla stessa via Fani. Spinella, dice sempre Biancone, era sereno e non chiese di usare la sirena, cosa che fece di sua iniziativa l’autista e solo nei punti in cui il traffico della città era intenso. C’è ancora molto da lavorare ma senz’altro, anche sulla base di molti altri elementi noti, è certo che la Digos di Roma era stata allertata, forse aveva avuto una soffiata. E se non fosse stato sottovalutato quel segnale, la storia poteva cambiar corso”. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:29Amb. Madrid, il primo ottobre non ci sarà referendum

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il primo ottobre non ci sarà un referendum, perchè è illegale". Lo ha detto l'Ambasciatore spagnolo a Roma, Jesus Manuel Aldaz, in un forum all'ANSA. "Il grave problema è che il governo regionale della Catalogna non rispetta le leggi e le sentenze della Corte costituzionale", ha aggiunto sottolineando che "si può parlare di tutto ma la legge che è la garanzia dei cittadini nei confronti dei poteri pubblici".

13:28Terremoto’97: De Vincenti,Umbria esempio nuova ricostruzione

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 26 SET - L'Umbria ricorda oggi il terremoto di 20 anni fa. Prima con una messa nella Basilica di San Francesco di Assisi, poi con un convegno a Palazzo Trinci di Foligno, i cui lavori si sono interrotti alle 11.42, per un minuto di silenzio in memoria delle undici vittime che, proprio a quell'ora del 26 settembre 1997, il terremoto fece tra Umbria e Marche. Era presente, tra gli altri, il ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti: "Il ricordo delle vittime del sisma del 1997 - ha detto - ci spinge ad avere ben presenti tutti quelli che sono stati colpiti dal terremoto del 2016. Ma la ricostruzione e la rinascita dell'Umbria dopo il '97 ci dà un'indicazione molto seria e forte su come procedere ora nell'Italia centrale. L'esperienza di 20 anni fa ci dice che le popolazioni devono restare sul loro territorio nella massima sicurezza antisismica". Il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, ricordando i fatti del 1997. ha detto che "il terremoto è stata anche una opportunità per un nuovo sviluppo grazie a una buona ricostruzione e la nostra esperienza deve essere un faro per quei territori che sono oggi alle prese con i danni del sisma". La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, assieme al ministro De Vincenti ha visitato la singolare mostra "RileggiAmo. 20 anni dal terremoto", dove gli articoli dei giornali dell'epoca hanno avuto una rivisitazione in chiave poetica da parte degli studenti delle scuole superiori della città di Foligno. Hanno raccontato i giorni del '97 e la successiva ricostruzione anche gli allora presidenti di Regione, Bruno Bracalente e Maria Rita Lorenzetti. (ANSA).

13:27Madre italiana ma è albanese, a 82 anni ottiene cittadinanza

(ANSA) - BARI, 26 SET - Un artista albanese di 82 anni, Besnik Sopoti, dopo anni di battaglie amministrative, ha ottenuto la cittadinanza italiana con una sentenza del Tribunale di Roma. Sopoti, nato a Bari da madre italiana e padre albanese, nel 2013 aveva ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, città in cui vive. La mamma di Sopoti aveva perso automaticamente la cittadinanza italiana dopo aver sposato, il 30 giugno 1934, il giornalista albanese, divenuto poi patriota del Fronte nazionale, Mazar Sopoti, padre di Besnik. Ciò avvenne in base alla legge 555/1912. L'automatismo della perdita della cittadinanza italiana da parte della donna nel 1975 fu dichiarato incostituzionale; inoltre, dopo l'entrata in vigore della nuova legge sulla cittadinanza (n.91/1992), la donna divenne cittadina italiana, ma all'epoca il figlio era maggiorenne ed autonomo. Besnik presentò la domanda per ottenere in via amministrativa la cittadinanza italiana, ma la richiesta fu rigettata.

13:15Accoltella giudici: notte tranquilla magistrati in ospedale

(ANSA) - PERUGIA, 26 SET - Hanno passato una nottata tranquilla, i due giudici del tribunale civile di Perugia, Francesca Altrui e Umberto Rana, ricoverati nell'ospedale del capoluogo umbro dopo essere stati feriti a coltellate, in modo non grave, da un uomo entrato ieri mattina nei locali della sezione fallimentare del tribunale. Fonti ospedaliere li descrivono rasserenati non solo dopo aver ricevuto le visite dei loro famigliari, ma anche e soprattutto per la solidarietà manifestata loro da colleghi e amici che sono venuti a sincerarsi delle loro condizioni. In particolare, ha destato ammirazione il gesto del giudice Rana, intervenuto in modo determinante in soccorso della collega. (ANSA).

13:01F1: Toro Rosso dà benservito a Kvyat, in Malesia corre Gasly

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Nei prossimi Gp, Pierre Gasly guiderà al fianco di Carlos Sainz per la Toro Rosso, al posto di Daniil Kvyat. Lo annuncia la scuderia italiana con una nota pubblicata sul suo sito. Alla base della decisione il pessimo rendimento del pilota russo durante la stagione dove ha raccolto appena 4 punti in 14 Gran Premi, contro i 48 del suo compagno di squadra spagnolo. "Questo però non è un addio al nostro Daniil, che rimane a far parte della famiglia Red Bull", aggiunge la scuderia.

12:59Terremoto: Lotti, ad Amatrice si riparte dallo sport

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Si riparte dallo sport, lo sport può fare molto e aiutare e questa è una buona occasione per dimostrarlo. Avevamo detto che non dovevamo spegnere i riflettori e anche da qui cerchiamo di dare una mano. Giovedì, grazie ai fondi della Lega di A e del ministero partiranno i lavori per il campo sportivo: piccoli pezzi che possono fare tanto". Lo dice il ministro dello Sport, Luca Lotti, all'inaugurazione del Palazzetto di Amatrice. "E' veramente bello stare qui con voi e dico grazie, ai ragazzi che hanno cantato l'inno, a queste donne tenaci che hanno creduto a un sogno" ha aggiunto Lotti rivolgendosi ai presenti, adulti e bambini. "Questa comunità oggi è un esempio, grazie al vostro esempio le istituzioni possono e devono fare qualcosa", ha concluso il ministro.

12:57Coni: Campriani ritira Premio ‘Onesti’ ad Amatrice

(ANSA) - ROMA, 26 SET - All'olimpionico del tiro a segno, Niccolo Campriani, va il Premio Giulio Onesti 2017 "per essersi distinto come uomo e come atleta - recita la motivazione - con comportamenti esemplari, e per aver conseguito risultati straordinari a favore dello sport italiano". Il Premio, istituito dalla Fondazione 'Giulio Onesti' nel 2001, è stato consegnato oggi all'azzurro in occasione dell'inaugurazione del Palazzetto dello Sport di Amatrice: "Oggi per me è un'occasione speciale - ha spiegato Campriani - lo sport a me ha insegnato ad accettare le sconfitte e che per reagire bisogna fare squadra. Sono contento di far parte di questo mondo, spero che da qui uscirà uno dei campioni che vinceranno nuove medaglie".

Archivio Ultima ora