Alluvione Sardegna: via a processo per morti in seminterrato

(ANSA) – TEMPIO PAUSANIA, 7 APR – Prima udienza in Tribunale a Tempio Pausania del processo per la morte della famiglia italo-brasiliana rimastra intrappolata in un seminterrato, trasformato in abitazione ad Arzachena, durante la tragica alluvione del 18 novembre 2013. Il giudice Elisabetta Carta ha dato il via libera sull’ammissibilità dei testi, aggiornando il dibattimento al 26 maggio prossimo. Sul banco degli imputati c’è l’imprenditrice di Biella Nicolina Brunetta Poggianti, 70 anni: è accusata di omicidio colposo per aver ceduto, a titolo gratuito, il seminterrato privo di agibilità in località Lu Mulinu. Una trappola che non lasciò scampo a Isael Passoni, alla moglie Cleide Mara Rodrigues, entrambi 42enni, e ai due figli Weriston Isael e Laine Kellen, di 20 e 16 anni.

Condividi: