Libreria ligure decide di non vendere libro Salvo Riina

(ANSA) – GENOVA, 9 APR – “In questa libreria non si ordina né si vende il libro di Salvo Riina: abbiamo buona memoria e dignità”. Con queste parole riportate su un cartello affisso in vetrina, la Libreria Fieschi di Lavagna (Genova) ha deciso di boicottare il libro di Salvo Riina, al centro di polemiche dopo la puntata di “Porta a porta” a cui ha partecipato il figlio del boss. “Come libreria Fieschi abbiamo ricevuto apprezzamenti – spiega uno dei titolari, Massimo Amicone – ma consideriamo i ringraziamenti ricevuti non tanto per noi, quanto per quelle persone che ogni giorno combattono o, purtroppo, hanno combattuto per fare di questo paese, un Paese normale. In generale la tv amalgama tutto, non si riesce più a distinguere, un personaggio negativo che va in tv assume quasi un’aura di eroismo. Per noi interviste come quella di Salvo Riina a ‘Porta a Porta’ sono inaccettabili, visto che paghiamo il canone”. Alla libreria sperano che chi comprerà altrove il libro di Riina possa anche leggere la storia di Falcone e Borsellino.

Condividi: