Processo rating: imputato, in S&P sempre rispettato regole

(ANSA) – TRANI, 27 APR – “Il team del rating sovrano ha sempre operato all’interno delle regole e non sono a conoscenza di indagini dell’autorità di vigilanza che possano aver messo in evidenza delle irregolarità. Noi abbiamo sempre rispettato il regolamento”. Lo ha assicurato il manager del rating sovrano di Standard & Poor’s, l’imputato Moritz Kraemer, durante il suo esame dinanzi al Tribunale di Trani al processo per manipolazione del mercato a S&P e a cinque tra manager ed analisti della società di rating, tra cui lo stesso Kraemer. Il processo riguarda i giudizi negativi espressi dalla società di rating sull’Italia tra il 2011 e il 2012 che portarono al declassamento di due gradini del rating italiano (da A a BBB+) deciso da S&P il 13 gennaio 2012. Kraemer all’epoca dei fatti, tra il 2011-2012, era manager analitico del rating sovrano di Europa, Africa e Medio Oriente, mentre oggi è responsabile globale del rating sovrano.

Condividi: