‘Gara’ tra medici e infermieri per uso cannule per pazienti

(ANSA) – VICENZA, 28 APR – E’ carico di sorpresa e di rabbia il commento del presidente del Veneto Luca Zaia sulla vicenda della presunta ‘gara’ sull’uso e il numero delle cannule inserite nelle vene dei pazienti, con tanto di punteggio assegnato per ogni tipo di tubicino da quello più sottile a quello più doloroso che avrebbe visto protagonisti, secondo una indagine interna dell’ospedale di Vicenza, alcuni medici e infermieri in servizio al pronto soccorso. Zaia rileva di aver già allertato il segretario generale regionale per la sanità affinché acquisisca al più presto tutti gli atti in possesso dell’Usl di Vicenza e “l’avvocato regionale chiedendo che venga inoltrata una mia segnalazione alla procura assieme a tutti gli atti acquisiti”. “Solo la procura – aggiunge – potrà chiarire fino in fondo i lati oscuri di questa vicenda. Qualora ci fossero responsabilità accertate le punizioni dovranno essere esemplari. Per me non finisce qui. Porterò atti in procura”.

Condividi: